Una Novipiù aggressiva sconfigge Barcellona

Partita che riporta alto l’umore dei rossoblu che hanno sempre concluso avanti ogni quarto per poi prendere il largo portando ben cinque giocatori in doppia cifra, di cui uno (Fall) che segna a referto anche la doppia cifra a rimbalzo.
Inizio non preciso per entrambe le compagini, ma dopo 2’ di gioco, ci pensa Bray a sbloccare la situazione con una tripla. La risposta di Trapani arriva con Loubeau. Casale però mette avanti la testa sul 10-5, quando mancano 6’. Barcellona continua a essere imprecisa al tiro e coach Bartocci chiama time out, ma Casale è infuocata. Smith, in contropiede, segna il canestro del -7 (14-7) a poco più di 2’ dal termine. La Novipiù continua, però, a macinare punti e il primo quarto si conclude 22-7.
Il secondo quarto inizia con il canestro di Capitanelli, a cui prontamente rispondono Vangelov e Blizzard. Martinoni dalla lunga distanza segna il massimo vantaggio per Casale: 30-10 dopo 3’ di gioco. Smith, da 3, cerca di trascinare Barcellona, ma la Novipiù, con un Vangelov ispiratissimo, non lascia vie di fuga. La tripla di Blizzard obbliga Barcellona a chiamare il secondo time out del match, sul punteggio di 35-15, quando mancano 4’ all’intervallo lungo. Al rientro ancora Smith, ma dalla lunetta, cerca di risollevare le sorti della squadra siciliana. Ma Denegri infiamma il PalaFerraris con una tripla regalando il 38-17 alla Novipiù. Loubeau risponde con un canestro da sotto, ma Casale continua a segnare e a stringere le maglie della difesa: si va negli spogliatoi sul 46-21, con Martinoni, Fall e Smith in doppia cifra.
Il solito Smith segna il primo canestro della ripresa. Ma dopo 3’ di gioco Casale non è ancora riuscita a segnare e Barcellona si porta sul 46-26. Finalmente Bray e Blizzard dalla lunga distanza sbloccano l’astinenza casalese. A metà quarto, Fall inchioda a canestro e il tabellone recita 54-28. Loubeau dalla lunetta e Smith cercano di trascinare Barcellona. Nuovo massimo vantaggio per Casale (62-32) dopo la tripla di Bray a 3’ dalla fine del quarto. Loubeau prima, poi consecutivamente Saunders e Martinoni, inchiodano il punteggio sul 71-35.
Ultimo quarto inaugurato da una tripla di Saunders e da una di Bray. Barcellona continua a essere imprecisa al tiro e dopo 3’ il risultato è 77-35. Bianconi e Centanni vanno a segno per Barcellona, ma la Novipiù continua ad infiammare la retina. Ancora Blizzard dalla lunga distanza, a cui risponde in egual modo Maccaferri e il punteggio è 83-41 a metà quarto. Gli ultimi minuti di gioco sono praticamente un assolo rossoblu con ben 4 giovani sul rettangolo di gioco. Finisce 95-50 in un PalaFerraris incandescente.
NOVIPIU’ CASALE – LA BRIOSA BARCELLONA:  95 – 50 (22-7, 46-21, 71-35)
NOVIPIU’ CASALE: Saunders 9, De Nicolao, Bray 18, Tomassini 4, Blizzard 17, Denegri 7, Martinoni 12, Vangelov 12, De Ros ne, Ruiu 2, Fall 14, Valentini ne. All. Ramondino
LA BRIOSA BARCELLONA: Varotta ne, Centanni 4, Fallucca 2, Loubeau 7, Capitanelli 3, Bianconi 1, Pettineo ne, Cefarelli 6, Smith 19, Maccaferri 8. All. Bartocci

Le dichiarazioni dopo la vittoria contro Barcellona

Coach Ramondino: “Bene dal punto di vista dell’intensità, ma bisognna ancora lavorare su alcuni aspetti tecnici”. Vangelov: “Più respnsabilità dell’anno scorso ma sono contento di come stiamo giocando”

Le impressioni di coach Ramondino dopo la netta vittoria contro La Briosa Barcellona: «È stata il tipo di partita che mi aspettavo, soprattutto dal punto di vista dell’intensità e anche tecnico, nonostante alcuni dettagli tralasciati. Inoltre, noi vogliamo coinvolgere anche i giovani e uno di questi – Denegri – si è fatto trovare pronto. Abbiamo avuto un buon movimento di palla in attacco che ci ha portati a tirare molto da tre. Da parte nostra deve comunque esserci la consapevolezza che per fare il salto di qualità ed essere continui bisogna migliorare certi aspetti in allenamento. Comunque complimenti ai giocatori perché non era facile reagire in questo modo dopo una sconfitta. Per quanto riguarda Bray, sono contento di essere riuscito a tenerlo a riposo sul finale di gara per i problemi muscolari che ha avuto in settimana. Natali ha invece un problema all’adduttore e vediamo come risponderà durante questa settimana. I tempi sono ristretti dato che giocheremo sabato, ma contiamo di recuperarlo. Per quanto riguarda la qualificazione alle finali di Coppa Italia, potrebbe sicuramente essere una bella occasione per partecipare ad una competizione importante e ci proveremo sicuramente».

Queste invece le parole di uno dei giovani, Nikolai Vangelov: «Già durante la settimana il coach ci ha esortati a non sottovalutare la partita e abbiamo lavorato molto. E alla fine, come si è visto i risultati vengono. In questa partita, all’inizio ero un po’ teso perché siamo sempre in A2, ma col passare dei minuti mi sono sciolto. Qui mi trovo molto bene anche se sono un po’ stressato, per il semplice fatto di avere più responsabilità rispetto a quando giocavo a Torino perché li facevo l’undicesimo mentre qui gioco in prima squadra. Sono molto contento comunque della nostra stagione fino a questo momento e il mio obbiettivo in questa stagione sarà di cercare di avere sempre più fiducia nell’allenatore e vorrei migliorarmi ancora, soprattutto dal punto di vista della forza mentale».

Infine, il commento post gara del coach di Barcellona, Bartocci: «Abbiamo giocato una partita assolutamente al di sotto delle nostre possibilità. Sicuramente grande merito va a Casale, che ha fatto emergere tutti i nostri limiti. Abbiamo sicuramente fatto una brutta figura e tutti gli errori possibili immaginabili. Stasera abbiamo avuto troppe difficoltà, in difesa non siamo mai riusciti ad incidere realmente, con inevitabili cadute di fiducia poi in attacco. La cosa sulla quale bisogna lavorare è che se si vuole uscire da una posizione di bassa classifica bisogna cercare di migliorare dal punto di vista dell’intensità e dell’aggressività. Poi è anche vero che la sfiducia ti fa anche sbagliare i canestri più semplici, però ci sono ancora tanti aspetti su cui lavorare. Credo che la qualità tecnica di quest’anno sia abbastanza mediocre e quindi non vedo una squadra che si è imposta più delle altre. Forse Scafati è quella più continua ma non penso ci sia una squadra che svetta nettamente su altre».

Commenta
(Visited 3 times, 1 visits today)

About The Author