Unipol Banca Weekly, il notiziario sull'attività del settore giovanile

L’Unipol Banca si tinge d’azzurro

Quattro giovani del settore giovanile Unipol Banca sono stati convocati dal Settore Squadre Nazionali per il Raduno di Perfezionamento Tecnico Federale della Selezione Under 15 che si svolgerà a Giussano dal 5 al 7 febbraio 2016. Lorenzo Bianchini, Lorenzo Deri e Matteo Nicoli figurano nell’elenco dei 32 giocatori che si alleneranno agli ordini di coach Antonio Bocchino, mentre Giacomo Guidi è tra i giocatori a disposizione.

L’Unipol Banca non riesce ad aggiudicarsi lo scontro al vertice nel campionato under 16, la squadra di Nieddu viene sconfitta al termine di una partita molto combattuta alla Porelli e cede la vetta della classifica. Successi esterni per gli under 14 di Largo e gli under 13 di D’Atri rispettivamente a Monte San Pietro e Casalecchio, le formazioni Unipol Banca si confermano imbattute nei rispettivi campionati. Vince alla Porelli l’under 15 di Consolini che si conferma al secondo posto della graduatoria. Serve un overtime all’Unipol Banca di Pezzoli per centrare il colpo esterno a Imola nel campionato Esordienti.
Nelle partite del prossimo turno spicca sicuramente lo scontro al vertice nel campionato under 18 con l’Unipol Banca di Vecchi che andrà a far visita alla Pallacanestro Reggiana. Impegni esterni per l’under 16 e l’under 15 opposte rispettivamente a Salus e Ginnastica Fortitudo. L’Unipol Banca under 14 ospiterà Correggio alla Porelli.

 

L’ABBRACCIO DEL SETTORE GIOVANILE A ROMANO BERTOCCHI


Tutto il settore giovanile di Unipol Banca (dirigenti, tecnici e giocatori), si stringe in un fortissimo abbraccio a Romano Bertocchi, presidente di Futurvirtus, per la perdita dell’amata moglie Anna Maria Bernardi.

 

 

UNDER 18 L’Unipol Banca in trasferta a Ferrara
Sarà in campo questa sera l’Unipol Banca di Federico Vecchi impegnata in casa della Vis Ferrara.
Classifica: Unipol Banca 20; Reggio Emilia 18; Vis Ferrara 16; Pontevecchio 14; Crabs Rimini 12; Fortitudo 103 8; Salus Bologna 4; Bsl San Lazzaro 2.
Prossimo turno: Reggio Emilia-Unipol Banca, giovedì 4 febbraio ore 20.30, Palestra Chierici.
UNDER 16 Unipol Banca sconfitta in casa da San Lazzaro
Unipol Banca Virtus Bologna-Bsl San Lazzaro 74-81

(25-17, 43-40, 62-58)

VIRTUS BOLOGNA: Labate 4, Nicoli 5, Cavallari 2, Giuliani 8, Salsini 10, Nanni 18, Mazzocchi 2, Rosa 8, Bertuzzi, Barbato, Lorusso 6, Borsello 11. All. Nieddu

SAN LAZZARO: Recchia 6, Malverdi 2, Barattini 28, Venturoli 6, Salvardi 8, Serra 5, Bonetti, Giorgio 3, Botti, Stefanelli 2, Muzzi 21, Della Godenza. All. Comastri

 

L’Unipol Banca viene sconfitta alla Porelli dalla Bsl San Lazzaro. L’avvio è per Vu Nere che grazie a buone spaziature e circolazione riescono a segnare tiri aperti da tre punti per la doppia cifra di vantaggio sul 15-4. La reazione ospite non si fa attendere con un canestro allo scadere del quarto per il -8 sul 25-17. Con un 5-0 in avvio di secondo quarto la squadra di Nieddu arriva al massimo vantaggio +13. Con qualche contropiede e canestro dalla lunga distanza San Lazzaro torna a contatto con il primo tempo che si chiude sul 43-40. Il terzo quarto passa in sostanziale equilibrio con la Virtus che prova a scappare e gli ospiti sempre pronti a ricucire. Dopo pochi minuti nell’ultimo quarto San Lazzaro trova il primo sorpasso, l’Unipol Banca fatica a trovare il fondo della retina e l’ultimo vantaggio interno è sul 74-73 a due minuti dalla fine. Un canestro su rimessa latrale porta i biancoverdi sul +1, gli attacchi bianconeri non producono punti nonostante i rimbalzi offensivi catturati e San Lazzaro ne approfitta segnando con continuità e precisione i tiri liberi per il 74-81 finale.

Classifica: Bsl San Lazzaro 24; Unipol Banca 22; Santarcangelo 20; Fortitudo 103, Pontevecchio 16; Reggio Emilia, Crabs Rimini 14; Masi, Salus 6; Forlì 0.
Prossimo turno: Salus-Unipol Banca, sabato 30 gennaio ore 16.30, Palestra Alutto.

UNDER 15 L’Unipol Banca supera Ravenna  

Unipol Banca Virtus Bologna-Compagnia dell’Albero Ravenna 78-53

(20-21, 45-31, 63-39)

VIRTUS BOLOGNA: Nicoli 11, Cavallari 6, Boni 7, Nicolini 4, Paratore 8, Corradini 10, Guidi 14, Lucarini 2, Bianchini 10, Lambertini, Casarini 4, Perini 2. All. Consolini

RAVENNA: Schiavone 2, Bernardi, Goi, Mingozzi 2, Cantoro, Fussi 7, Cinti 10, Morgagni 2, Chiarini 2, Morigi, Marinelli 2, Campatola. All. Ambrassa

 

L’Unipol Banca supera la Compagnia dell’Albero Ravenna alla Porelli. Gara in equilibrio nei primi dieci minuti, poi la squadra di Consolini stringe le maglie difensive e con alcune giocate corali in velocità prende un buon margine di vantaggio.

 

Classifica: Reggio Emilia 28; Unipol Banca 22; Crabs Rimini, Ginnastica Fortitudo 20; Fortitudo 103 16; Bsl San Lazzaro 12; Ravenna, International Imola 8; Pontevecchio, Masi 2.
Prossimo turno: Ginnastica Fortitudo-Unipol Banca, domenica 31 gennaio ore 17.30, Palestra Furla.
UNDER 14 L’Unipol Banca vince a Monte San Pietro
Monte San Pietro-Unipol Banca Virtus Bologna 71-84

(24-24, 34-42, 55-61)

MONTE SAN PIETRO: Eaton 18, Rossi 9, Grazia 1, Antonucci, Bergonzi 4, D’Atri, Bonfiglioli, Baroncini 22, Zanetti, Vitali, Bernardini 9, Chillo 8. All. Cremonini

VIRTUS BOLOGNA: Tinti, Bortolani 2, Dalla 8, Verde 2, Alberti 17, Maini, Solaroli 13, Lullo 5, Orsi 19, Masetti 2, Battilani 14, Guastamacchia 2. All. Largo

 

L’Unipol Banca conquista una vittoria molto importante nella difficile trasferta di Monte San Pietro. Nel primo quarto a prevalere sono gli attacchi e i giovani bianconeri vedono annullarsi tutti i tentativi di fuga a causa di leggerezze difensive. Nel secondo quarto i ragazzi di Largo stringono i denti e concedendo solamente dieci punti nell’intera frazione di gioco trovando il primo allungo della serata per il +8 dell’intervallo lungo. Alla ripresa dopo la pausa la difesa delle Vu Nere concede molto agli avversari che arrivano in scia all’ultimi mini intervallo. Negli ultimi dieci minuti l’Unipol Banca trova l’allungo decisivo per centrare la vittoria esterna. Da sottolineare l’ottimo e costante rendimento offensivo dei giovani bianconeri che riescono a trovare sempre tanti canestri grazie al gioco di squadra e ai contropiedi.

Classifica: Unipol Banca 28; San Mamolo 22; Ginnastica Fortitudo 20; Pallacanestro Reggiana, Pontevecchio 18; Basket 2000 Reggio Emilia, Vis Ferrara 16; Piacenza 12; Salus 10; Vignola, Monte San Pietro 8; Masi 4; Correggio 0.

Prossimo turno: Unipol Banca-Correggio, sabato 30 gennaio, ore 19.30, Palestra Porelli.

UNDER 13 L’Unipol Banca vince in casa della Masi

Masi-Unipol Banca Virtus Bologna 44-80

(7-29, 14-48, 31-68)

MASI: Grandi 3, Magnifico 4, Penna 5, Lagna 5, Freddi, Antonelli 3, Trombetta 3, Massari 4, Catapano 2, Agnini 3, Scagliarini 6, Neri 6. All. Ventura

VIRTUS BOLOGNA: Tabellini 4, Ferdeghini 2, Albonetti 4, Ansaloni 2, Nicoli 20, Piras 2, Ferrara, Mazzoli, Salsini 11, Galli 23, Barbieri 10, Berti 2. All. D’Atri

 

L’Unipol Banca vince in casa della Masi Casalecchio. La squadra di D’Atri inizia bene la partita piazzando un parziale di 0-17 nei primi due minuti di gioco. L’intensità dell’attacco delle Vu Nere permette di incrementare ulteriormente il vantaggio fino alla sirena di metà gara. Nella seconda metà di gara le distanze tra le due squadre non cambiano con i giovani bianconeri che collezionano numerose palle perse.

Classifica: Unipol Banca 22; Pontevecchio 20; Correggio, Masi 14; Modena 8; Parma 6; Vignola 2; Salus 0.

Prossimo turno: Modena-Unipol Banca, martedì 9 febbraio, ore 18.00, Palestra IX Gennaio.

ESORDIENTI   L’Unipol Banca vince a Imola all’overtime
International Imola – Unipol Banca 44-46 dts

(14-10, 22-14, 31-26, 40-40)

 

Vittoria in trasferta per l’Unipol Banca sul campo dell’International Imola al termine di una partita punto a punto conclusasi solo dopo un tempo supplementare. Nei primi due quarti i padroni di casa sono più pronti in attacco e a rimbalzo, concludendo la prima metà avanti di otto lunghezze. Al rientro dagli spogliatoi la squadra di Pezzoli cerca di ribaltare l’inerzia della partita, recuperando fino al -1 (27-26) a metà del terzo quarto, concludendo la frazione sotto di cinque. Nell’ultimo quarto i giovani bianconeri completano la rimonta arrivando sul 40-40, senza riuscire a chiudere in vantaggio i tempi regolamentari nonostante l’ottimo tiro costruito negli ultimi secondi di gioco. Nel tempo supplementare la partita si conferma combattuta, a fare la differenza sono la presenza a rimbalzo dell’Unipol Banca e la determinazione dei ragazzi che vincono  una bellissima partita.

Sono scesi in campo in maglia Unipol Banca: Cremonini, Mascagni, Franceschi, Ponzellini, Bignami, Furlanetto, Serra, Mola, Zanasi, Bassi, Rando, Paletta. All. Pezzoli

Prossimo turno: Unipol Banca-Pontevecchio, domenica 7 febbraio, ore 15.00, Palestra Porelli.

 

 

L’INTERVISTA DELLA SETTIMANA – ANDREA GATTI

 

La passione per il basket l’ha respirata in famiglia, fin da bambino. Senza costrizioni, però: Andrea Gatti l’ha coltivata a modo suo, con tenacia, ponendosi da subito obiettivi precisi e facendo anche scelte coraggiose per perseguirli. Alla seconda stagione in casa Virtus, prova a fermarsi un attimo per ripensarle e raccontarle.

 

“Mio padre Maurizio ha lavorato per anni a stretto contatto con i giocatori di Serie A., instaurando rapporti profondi anche con uomini che sono stati vere bandiere per la Virtus, penso per esempio ad Antoine Rigaudeau. Io ero un bimbo e crescevo giocando con i loro figli, normale che l’amore per questo sport mi sia stato trasmesso. Da ragazzo ho fatto la trafila delle giovanili in diverse società, sempre con un chiodo fisso: se non dovessi funzionare da giocatore, mi dicevo, un giorno proverò ad allenare. Così, dopo anni passati a margine delle rotazioni, ho capito che quella era davvero la strada da seguire. A diciassette anni sono uscito dal parquet e ho iniziato a vedere il basket da un’altra ottica”.

 

Quella dell’allenatore, appunto. E qui subentrano quelle scelte coraggiose di cui si diceva.

“Ero iscritto a Economia e Commercio, mi mancava un anno alla laurea. Ma avevo già capito che non avrei avuto futuro. Immaginate uno che cerca un posto di lavoro in funzione delle ore che dovrà poi spendere in palestra… Non credo che avrei avuto la strada spianata. Così sono ripartito, e mi sono iscritto a Scienze Motorie, il corso di studi più attinente a ciò che volevo diventare. Mi hanno abbuonato appena due esami, è stato davvero un ritorno alla casella di partenza. Ma ora sono approdato al terzo anno, vedo più vicino il traguardo giusto”.
La panchina, all’inizio, è stata quella della Polisportiva Masi.

“Ho iniziato lì, e ci sono rimasto tre anni. Da assistente, nell’ultima stagione lavoravo su due squadre, l’Under 17 e gli Esordienti. Contemporaneamente, era il 2013-2014, mi feci avanti con Mattia Largo e gli chiesi se fosse possibile seguire un po’ di allenamenti della Virtus alla palestra Porelli. Finì che in quella stagione, ogni mercoledì, ero sulle tribunette a guardare il lavoro dei tecnici delle giovanili bianconere”.

 

Una presenza fissa che non è passata inosservata.

“Arriva l’estate e ricevo una chiamata di Giordano Consolini. “Ti vedo spesso in palestra”, esordisce. Capisco il senso della chiamata e mi precipito in ufficio, dopo cinque minuti ero entrato nello staff Virtus”.

 

Nella prima stagione al servizio di Unipol Banca, quella passata, Andrea ha lavorato proprio accanto a Mattia Largo, che guidava gli Under 13, e a Davide D’Atri con gli Esordienti. In questa annata continua il lavoro per l’Under 14 di Largo, e in aggiunta c’è quello con Francesco Nieddu nell’Under 16.

“Tutto molto stimolante. Anche perché ogni tecnico ha un suo modo di operare, in palestra, e io sono lì a raccogliere spunti, idee, programmi anche diversi tra di loro. Tutto questo mi arricchisce enormemente”.

 

La prima volta alla Porelli. Ricordi?

“Ho sempre provato un grande rispetto per il mondo bianconero e per il suo settore giovanile. Quando giocavi contro la Virtus percepivi questa identità forte, il carisma degli allenatori. Quando sono entrato qui, ho capito che tutto era proprio come lo immaginavo da fuori. Non vedevo l’ora di iniziare ad imparare da maestri come questi”.

 

Con una V nera sul petto, Andrea Gatti ora prova a immaginarsi il futuro. Uno così determinato, un’idea del proprio domani deve essersela fatta…

“Voglio semplicemente perseguire la strada che ho imboccato. Non torno indietro, adesso. Da giocatore avevo un limite fisico, da allenatore il tempo per fare qualcosa di buono c’è. Vado avanti sperando di poter dire, un giorno, che non ho lasciato nulla di intentato e ho reso al massimo delle mie possibilità”

 

(a cura di Marco Patuelli e Marco Tarozzi)

Commenta
(Visited 6 times, 1 visits today)

About The Author