Upea Capo d'Orlando, Griccioli: «Vedo una squadra motivata»

Griccioli: «Vedo una squadra motivata»

Giuseppe Lazzaro – Gazzetta del Sud

CAPO D’ORLANDO – Parte all’ora di pranzo l’Orlandina oggi alla volta di Cremona dove domani (ore 18,15, diretta su Antenna del Mediterraneo), è attesa da un’altra dura partita contro la lanciata Vanoli di coach Pancotto. Ne hanno parlato, ieri pomeriggio nella consueta conferenza pre gara del venerdì nella sala “Daniele Di Noto”, Giulio Griccioli e Dario Hunt. «Quella contro Cremona – ha esordito il tecnico biancazzurro – sarà una partita tosta contro una squadra che ha dimostrato di essere già pronta ad inizio campionato. Tutti la davano in pre season come una compagine che doveva salvarsi, adesso, dopo questo inizio e con il fresco innesto di Cusin, può certamente avere ambizioni superiori. Noi recuperiamo Austin Freeman e andiamo al “Pala Radi” per continuare come negli ultimi 50′ giocati, dobbiamo proseguire ad essere una squadra guerriera. Vincere in trasferta non sarà semplice ma abbiamo ben lavorato questa settimana e l’obiettivo è proprio riprodurre l’intensità messa in campo nell’ultimo quarto di Bologna e in casa con Roma anche nella prossima trasferta. Avremo sicuramente un’arma in più, Freeman ha voglia di giocare, domenica scorsa è rimasto davvero male per non essere potuto scendere in campo anche perché gli americani capiscono poco e niente di questi problemi burocratici che emergono da noi, a loro interessa solo giocare a pallacanestro». Unica assenza forzata quella del play Jonny Flynn. Coach Griccioli è preoccupato? «Viviamo una situazione ancora d’emergenza ma da ciò vogliamo ricavare maggiori stimoli. Flynn, anche per il ruolo in cui gioca, è sicuramente molto importante, però possiamo fare bene anche non al completo e lo abbiamo dimostrato contro Roma dove ci mancavano due americani. Abbiamo un obiettivo che non si esaurisce contro Cremona ma con la salvezza a fine stagione». Qualche sassolino dalla scarpa il tecnico se lo toglie proprio per chi è seduto conlui davanti al microfono. «Su Dario Hunt qualcuno di voi era scettico inizialmente e se ci fossimo lasciati trasportare da quest’ansia non avremmo avuto il piacere di vedere le sue qualità e potenzialità. Credo in Jonny Flynn ma domenica – conclude Griccioli – dobbiamo dimostrare che siamo un gruppo che può fare a meno anche di qualche giocatore se è il caso». E passiamo al lungo Hunt: «Il campionato italiano – ha detto – è difficile ma me lo aspettavo proprio così. L’unico modo per affrontarlo bene è lavorare da professionista ed io voglio sempre farmi trovare pronto ed è per questo che dò il massimo ad ogni allenamento». Che ambiente hanno trovato qui? «Ho visto grande attesa ed è giusto che sia così, per un piccolo centro che gioca nella massima lega. I tifosi di Capo d’Orlando sono fantastici». Sei terzo nella classifica dei rimbalzisti e viaggi quasi con il 50% al tiro. «Posso migliorare come tutti i giocatori, soprattutto quelli come me che si affacciano per la prima volta in un campionato europeo».

Commenta
(Visited 4 times, 1 visits today)

About The Author