Vanoli Cremona, Fioretti: "Il ko contro Cantù deve servirci da lezione"

L’ultimo turno di campionato ha visto la Vanoli Cremona nettamente sconfitta al PalaDesio (82-66) nel derby lombardo contro la Pallacanestro Cantù. Una sconfitta inserita in un momento di forma altalenante dei ragazzi di coach Sacchetti (2-3 nelle ultime 5), con una classifica che ora vede la Vanoli occupare la 3° posizione a quota 22, insieme a Brindisi ed Avellino.

Intervenuto alla trasmissione Basket & Co. di Cremona1 Tv, l’assistant coach di Meo Sacchetti, Flavio Fioretti, ha parlato del momento della squadra, analizzando soprattutto l’ultimo ko contro Cantù: “Probabilmente Cantù è una di quelle squadre con cui noi ci accoppiamo peggio. Paghiamo la loro fisicità e per questo difensivamente abbiamo fatto molta fatica a fermarli, soprattutto nel primo tempo quando hanno preso il vantaggio. Anche se c’è stato un tentativo di rientro, che evidentemente non è bastato“.

Offensivamente parlando, non l’abbiamo iniziata neanche tanto male a livello di scelte” – continua Fioretti – “I primi cinque tiri erano tutti ben costruiti, ma non ne è entrato neanche uno. Nell’altra metà campo, al contrario, il fatto di non riuscire difensivamente a fermarli, ha permesso loro di creare immediatamente il primo parziale di 11-0, che poi si è allargato ancora a causa di nostre bassissime percentuali al tiro“.

Credo però che questo sia stato uno step necessario per questa squadra. Abbiamo tanti giocatori alla prima esperienza nel campionato italiano, e stanno per la prima volta toccando con mano quanto il girone di ritorno sia diverso da quello di andata” – conclude Fioretti – “Ogni squadra ha un obiettivo e il livello di intensità ovviamente si alza. I nostri giocatori l’hanno capito e già nei primi allenamenti di questa settimana erano tutti concentrati, perché consapevoli di non aver offerto una bella prestazione“.

Commenta
(Visited 29 times, 1 visits today)

About The Author

Gianluca Zippo Nato a Formia il 13/01/1988. Laureato in Giurisprudenza presso la Federico II di Napoli, già collaboratore e redattore per Teladoiolamerica.net e Road2sport.com, il calcio, l’NBA e la F1 sono la mia malattia, ma il mondo dello sport mi affascina a 360°.