Vanoli Cremona, Sacchetti: "Contro Trento dobbiamo essere concentrati per tutti e 40 i minuti"

Giornata di vigilia per la Vanoli Cremona, impegnata domani nel posticipo della prima giornata di ritorno (20.45), al PalaRadi contro l’Aquila Basket Trento. Un’occasione importante per la squadra di coach Sacchetti, al momento terza ex-aequo con la Reyer Venezia (20), contro una formazione (12 punti in classifica) da non sottovalutare assolutamente.

E’ questo il concetto chiave della conferenza stampa della vigilia di Meo Sacchetti: “Iniziamo il ritorno giocando contro Trento. All’andata la portammo a casa anche in maniera un po’rocambolesca, al termine di una partita molto equilibrata. Le cose da allora sono cambiate sia per noi che per loro. Noi abbiamo inserito Stojanovic, anche per sopperire all’infortunio di Drew Crawford; loro invece hanno aggiunto Craft in cabina di regia, un giocatore che ha portato in dote una leadership importante e che li ha aiutati a ritrovare quella durezza mentale che è sempre stata il loro marchio di fabbrica“.

Trento è una squadra che fa dell’aggressività il proprio punto di forza e noi dovremo essere bravi a non subirla, insieme alla loro fisicità” – aggiunge l’head coach dei lombardi – “Dovremo cercare di esprime al meglio il nostro potenziale, ricordando sempre che una partita con Trento non è mai chiusa anche se dovessimo fare un break importante, perché loro sono una squadra intensa che può recuperare in qualsiasi momento“.

L’unica cosa che mi preoccupa è quella che ci siano da parte nostra passaggi a vuoto per sufficienza” – conclude Sacchetti – “Dobbiamo invece essere attenti e intensi sempre, per tutta la partita. Dobbiamo fare attenzione a tutti i tagliafuori e a non perdere palloni banali. In allenamento stiamo lavorando su questo, essendo un aspetto che ci può creare dei problemi in tutte le partite. La nostra crescita passa da qui“.

Commenta
(Visited 44 times, 1 visits today)

About The Author

Gianluca Zippo Nato a Formia il 13/01/1988. Laureato in Giurisprudenza presso la Federico II di Napoli, già collaboratore e redattore per Teladoiolamerica.net e Road2sport.com, il calcio, l’NBA e la F1 sono la mia malattia, ma il mondo dello sport mi affascina a 360°.