VBC, parte il tour de force: vietato sbagliare

La Valentino Basket si rimbocca le maniche in vista del periodo che la vedrà lontana dal PalaTifo per tre incontri. Si comincia questa domenica con la trasferta di Nardò, poi giovedì 9 nuovamente fuori casa in quel di Manfredonia, infine il 12 febbraio alla volta di Ostuni. A conti fatti si dovrebbe tornare a calcare il legno di Via Aldo Moro solo il 19 febbraio con Martina Franca. Condizionale d’obbligo, vista la squalifica del PalaTifo per tre giornate: due di queste commutate in sanzione pecuniaria, la terza (quella appunto in occasione del derby) da scontare in campo neutro. La società biancorossa ha di seguito presentato ricorso avverso al provvedimento adottato da parte del Giudice Sportivo dopo la gara con Ceglie.

Inversione di tendenza nella volata finale, che vedrà i biancorossi giocare in casa quattro incontri su cinque, fattore potenzialmente a favore per cercare di migliorare il proprio piazzamento in ottica salvezza.

Testa dunque al Pala “Andrea Pasca” di Nardò. Match di difficoltà estrema: avversario che punta a consolidare ulteriormente la seconda piazza (+6 su Ostuni e Ceglie), sperando magari in qualche passo falso della capolista Udas Cerignola, distante sei lunghezze.

Bisognerà girare a mille per impensierire la fazione opposta, che concede pochissimo (miglior difesa, 63,7 punti concessi a partita) e scatena le bocche da fuoco Stella (15), Provenzano (12.6), Johnson (13.9), Polonara (10.4 punti e 9 rimbalzi) e Garner, lungo americano da 15 punti e 8 rimbalzi che sostituisce Goran Bjelic per via dei noti problemi fisici di quest’ultimo.

La Valentino, ritrovatasi in settimana per il consueto lavoro tecnico e atletico, ha disputato nella serata di giovedì un’amichevole con il Cus Jonico (Serie B) per mantenere alta la concentrazione e la condizione fisica. Sarà della partita Dani Gaudiano, dopo la commutazione della squalifica comminata in seguito alla gara con Ceglie.

Appuntamento al PalaPasca di Nardò domenica 5 alle ore 18.30, arbitrano Marseglia di Mesagne (BR) e Lenoci di Massafra (TA).

Commenta
(Visited 19 times, 1 visits today)

About The Author