Virtus Bologna, Djordjevic: "Abbiamo giocato nel modo giusto"

La Virtus Bologna ha coronato un cammino di tutto rispetto in Basketball Champions League, finendo per alzare al cielo il trofeo nella sera di Anversa, dopo aver sconfitto per 73-61 i temuti spagnoli dell’Iberostar Tenerife. Così coach Djordjevic ha accolto la vittoria: “Sono orgoglioso che il club e la squadra abbiano vinto il trofeo. Ringrazio per l’opportunità che mi è stata data; ringrazio i giocatori e lo staff. Non puoi scegliere di giocare la partita perfetta, ma puoi scegliere il modo perfetto di giocare. Mi sento orgoglioso e felice, questo trofeo è molto importante per la città di Bologna e per il futuro“.

Ci sono stati un sacco di alti e bassi nella stagione, e io sono arrivato in corsa cercando di insegnare qualcosa” – aggiunge Djordjevic – “Riguardo la partita, eravamo pronti e sapevamo dove Tenerife avrebbe cercato di farci male; e abbiamo sempre risposto. Metto un punto esclamativo alla fine di questa frase: abbiamo giocato nel modo giusto!“.

La chiave è stata la difesa dura. I giocatori hanno imparato in questi due mesi che la difesa è la chiave per vincere i titoli. Questo è stato l’approccio a questa Final Four” – continua il serbo – “La Virtus è un club leggendario in Europa, merita questo titolo. Quando sono arrivato qui volevo sfidare la storia del club, grandi giocatori e allenatori, come Nikolic, Peterson, Bucci e Messina“.

Nelle ultime settimane abbiamo disputato tre ottime partite, compresa quella di Brescia persa per un tiro fortunato. Abbiamo iniziato a credere nel sistema, e sono davvero orgoglioso di quello che abbiamo messo sul campo ogni minuto. Se hai una competizione o una partita davanti, qualunque sia, devi giocare per vincere” – conclude Djordjevic – “Cosa mi dà questo trofeo? Per me è speciale, è un trofeo internazionale. E poi dico che la prossima partita è la più importante, e il prossimo trofeo è il più importante. Mi metto sempre addosso questa auto-pressione. Bisogna portare la propria squadra a giocare per titoli“.

La parola passa poi all’MVP di queste finali, Kevin Punter: “Sono felice, poiché abbiamo giocato una grande partita. Ci siamo allenati bene, anche se prima della partita ero davvero emozionato. Questa vittoria è una grande soddisfazione per tutta la squadra, dato che in stagione abbiamo avuto alti e bassi. Ci siamo aiutati l’un l’altro, vinciamo insieme, perdiamo insieme e ci alleniamo insieme. Con l’arrivo di coach Sasha abbiamo fatto un passo avanti, tutti insieme. Conosco la storia del club, sono felice di aver vinto questo trofeo europeo con la Virtus“.

Commenta
(Visited 43 times, 1 visits today)

About The Author

Gianluca Zippo Nato a Formia il 13/01/1988. Laureato in Giurisprudenza presso la Federico II di Napoli, già collaboratore e redattore per Teladoiolamerica.net e Road2sport.com, il calcio, l’NBA e la F1 sono la mia malattia, ma il mondo dello sport mi affascina a 360°.
Per Info