Viola Reggio Calabria-Virtus Roma 83-104, terza vittoria di fila per i capitolini

Arriva la terza vittoria consecutiva per una splendida Unicusano Virtus Roma che espugna Reggio Calabria avendo la meglio sulla Viola per 83-104 al termine di una partita guidata dal primo all’ultimo minuto. Gli uomini di Fabio Corbani portano a casa quindi la settima vittoria nelle ultime nove partite, consolidandosi nelle parti alte della classifica nonostante le assenza di Maresca (tornato in panchina) e Benetti (fuori per la stagione). Grande protagonista della partita è stato Massimo Chessa con 33 punti (massimo in carriera).

La Virtus Roma si dimostra determinata e concentrata sin dalla palla a due, scavando subito un vantaggio di 4-15 dopo 4’ di partita grazie alla vena di Raffa (11 nel quarto). Legion con 8 punti priva a tenere in partita la Viola, ma dopo ogni canestro subìto gli uomini di coach Corbani sono bravissimi a correre il campo trovando subito canestro in contropiede, soprattutto con Chessa (10 nel parziale). È così che il vantaggio di Roma si estende fino al 16-31 degli ultimi 2’ prima che Lupusor e Micevic riescano a ridurre leggermente lo scarto sul 22-33 di fine quarto.

Nel secondo quarto però Roma si rimette subito in marcia guidata da un Chessa extralusso da 25 punti nel primo tempo, con cinque triple. La guardia sarda guida la Virtus a ritoccare il massimo vantaggio per tutto il secondo quarto, contro una Viola che sembra essere passiva e che ha solo da Caroti un apporto importante. Con Brown (13 nel primo tempo) che alza l’intensità difensiva e corre il campo in scioltezza si arriva fino allo spettacolare alley oop di fine primo tempo schiacciato dall’americano su alzata di Sandri che permette agli ospiti di toccare proprio in chiusura il nuovo massimo vantaggio sul 37-64.

Di ritorno dagli spogliatoi i padroni di casa si scuotono e provano ad alzare l’intensità difensiva per rientrare in partita il prima possibile. Roma d’altro canto prova per una volta ad abbassare i ritmi e di conseguenza i possessi della gara. Reggio però trova il canestro con continuità spinta dai 10 punti di Legion e i 9 di Radic e si riporta in partita trovando il 69-82 proprio sul finire di un periodo nel quale la Virtus è sembrata pensare più che altro a gestire la gara. Coach Corbani scuote i suoi, però, nell’ultimo mini-riposo della partita e la Unicusano risponde prontamente aprendo l’ultimo quarto con un parziale di 0-10 guidato da 5 punti di Chessa che spegne ogni velleità della Viola e chiude virtualmente il match. Gli ultimi 7’ della partita servono sostanzialmente per definire il punteggio finale di 83-104.

Prossimo impegno domenica 29 gennaio quando al Palazzetto sarà di scena l’Angelico Biella prima in classifica.

Queste le parole di coach Fabio Corbani al termine del match: «Nel primo tempo abbiamo trovato tutte le nostre cose: correre, tirare nei primi secondi e essere aggressivi in difesa; siamo stati molti efficaci anche grazie alle nostre percentuali al tiro. La chiave però è stata l’intensità difensiva che i ragazzi hanno iniziato a mettere con continuità nelle ultime partite. Abbiamo un roster giovane e anche nei meno giovani, come Sandri e Chessa, non avevamo grande esperienza per i ruoli che sono chiamati a fare; affrontiamo una partita alla volta con grande umiltà e rispetto degli avversari, provando sempre a vincere. Oggi avevamo una motivazione in più che ci porteremo fino al termine della stagione: l’infortunio a Gabriele Benetti che è un giocatore in grandissima crescita e al quale siamo molto legati, come del resto tutti sono legati agli altri in questo gruppo. L’aggressività mostrata nel primo tempo è un aspetto, soprattutto mentale, sul quale lavoriamo molto da inizio stagione, ciò dove stiamo migliorando è imparare a giocare quando non c’è da correre, mentre fino a un po’ di tempo fa tiravamo nei primi secondi anche se non c’era la possibilità di farlo. Nell’intervallo ci siamo detti di continuare a essere duri nello stesso modo ma poi non è facile, è umano mollare un minimo anche se non è corretto, ma nel quarto periodo siamo stati bravi a riprendere il filo».

Viola Reggio Calabria – Unicusano Virtus Roma 83-104 (22-33; 37-64; 69-82)

Viola Reggio Calabria: Mazic 6, Radic 17, Taflaj, Lupusor 15, Legion 22, Caroti 10, Fabi 6, Guariglia 2, Gauaccio, Marulli ne, Micevic 3, Babilodze 2.

Unicusano Virtus Roma: Brown 19, Raffa 23, Piccolo, Di Simone ne, Maresca ne, Chessa 33, Sandri 6, Baldasso 11, Landi 7, Vedovato 5.

Comunicato a cura di Ufficio Stampa Virtus Roma

Commenta
(Visited 61 times, 1 visits today)

About The Author