Virtus Bologna: il punto sul settore giovanile

L’Unipol Banca si aggiudica la fase provinciale del torneo 3 contro 3 “Join The Game” nella categoria under 13. Percorso netto per la squadra di Davide D’Atri che ha vinto tutte le partite disputate. Secondo posto per l’Unipol Banca nella categoria under 14 con la squadra di Mattia Largo che si arresa solamente nella finalissima a Monte San Pietro con un tiro allo scadere. Entrambe le formazioni di Unipol Banca accedono alla fase regionale del torneo che si disputerà a Rimini nel week end del 5 e 6 marzo all’interno delle Finali di Coppa Italia di Lega Nazionale Pallacanestro.
Dopo aver conquistato matematicamente il primo posto con una giornata di anticipo, nell’ultimo turno della seconda fase under 18 arriva un successo interno contro la Bsl San Lazzaro per l’Unipol Banca di Federico Vecchi. I giovani bianconeri accedono ora al girone interregionale a sei squadre che deciderà le qualificate alle Finali Nazionali di Pordenone.

Successo esterno per l’Unipol Banca under 13 di Davide D’Atri sul campo della Nuova Psa Modena. Saranno sei i giovani di Unipol Banca che parteciperanno martedì 16 al primo allenamento per la selezione provinciale 2003: Matteo Barbieri, Mattia Ferdeghini, Lapo Giacomo Galli, Lorenzo Nicoli, Filippo Salsini e Guido Tabellini.
Week end ricco di partite per le giovanili Unipol Banca con l’under 16 di Nieddu, l’under 15 di Consolini e gli Esordienti di Pezzoli impegnati alla Porelli rispettivamente con Masi, Pontevecchio e Ferrara. Gli under 14 di Largo saranno impegnati in trasferta sul campo del Basket 2000 Reggio Emilia.

UNDER 18 L’Unipol Banca supera San Lazzaro
Unipol Banca Virtus Bologna-Bsl San Lazzaro 80-46

(20-10, 42-22, 62-40)

VIRTUS BOLOGNA: Pajola, Graziani 10, Orsi, Gianninoni, Petrovic 6, Giuliani 9, Ranocchi 17, Carella 12, Rubbini 2, Rossi 10, Cerulli 2, Borsello 12. All. Vecchi

SAN LAZZARO: Zambonelli, Scandellari, Barattini 6, Venturoli, Zambon 4, Guastamacchia 1, Curti 2, Puntolini 2, Puzzo 7, Annunzi 11, Agresti 14, Pezzano. All. Comastri

L’Unipol Banca chiude la seconda fase del campionato under 18 superando San Lazzaro alla Porelli per 80-46. Vantaggio già in doppia cifra alla fine del primo quarto per i giovani bianconeri. Nel secondo quarto le Vu Nere allungano ulteriormente fino al 42-20 dell’intervallo lungo. In uscita dagli spogliatoi gli ospiti provano la reazione, ma dopo qualche minuto la squadra di Vecchi ricomincia a macinare gioco e all’inizio dell’ultimo quarto la gara è virtualmente chiusa. Ora grande attesa per l’Unipol Banca per conoscere le cinque avversarie e il calendario del girone interregionale che deciderà gli accessi alle Finale Nazionali di Pordenone.
Classifica: Unipol Banca 26; Reggio Emilia 20; Vis Ferrara 18; Pontevecchio 16; Crabs Rimini 14; Fortitudo 103 10; San Lazzaro, Salus Bologna 4.

UNDER 16 Unipol Banca ospita la Masi
Dopo il turno di riposo riprende il campionato under 16 con l’Unipol Banca di Francesco Nieddu che ospita alla Palestra Porelli la Masi.

Classifica: Bsl San Lazzaro 26; Unipol Banca 24; Santarcangelo 22; Fortitudo 103 20; Pontevecchio 18; Reggio Emilia, Crabs Rimini 14; Masi, Salus 6; Forlì 0.
Prossimo turno: Unipol Banca-Masi, lunedì 15 febbraio ore 20.45, Palestra Porelli.

UNDER 15 L’Unipol Banca ospita la Pontevecchio

Turno di riposo nello scorso week end anche per gli under 15 di Giordano Consolini che nel prossimo turno ospitano alla Porelli la Pontevecchio.

Classifica: Reggio Emilia 30; Unipol Banca 24; Crabs Rimini 22; Ginnastica Fortitudo 20; Fortitudo 103 16; Bsl San Lazzaro 12; Ravenna 10; International Imola 8; Masi 4, Pontevecchio 2.
Prossimo turno: Unipol Banca-Pontevecchio, sabato 13 febbraio ore 19.30, Palestra Porelli.
UNDER 14 Secondo posto per l’Unipol Banca al “Join The Game”
Secondo posto per l’Unipol Banca nella fase provinciale del torneo 3 contro 3 “Join The Game” che cede soltanto in finale a Monte San Pietro con un canestro allo scadere. Nel primo girone l’Unipol Banca, che ha schierato Battilani, Orsi, Solaroli e Verde, ha superato Medicina, Masi e Fortitudo. Nella seconda fase i giovani bianconeri hanno battuto nell’ordine Bsl San Lazzaro, Andrea Costa Imola, Virtus Spes Vis Imola e hanno pareggiato con Veni Basket. Girone finale molto combattuto con le Vu Nere che hanno vinto con Salus, San Mamolo e Pontevecchio. L’Unipol Banca accede alla fase regionale del “Join The Game” che si disputerà a Rimini nel week end del 5-6 marzo all’interno delle Finali di Coppa Italia di Lega Nazionale Pallacanestro.

Classifica: Unipol Banca 30; San Mamolo, Ginnastica Fortitudo 22; Pontevecchio 20; Pallacanestro Reggiana, Basket 2000 Reggio Emilia, Vis Ferrara 18; Piacenza 14; Salus 10; Vignola, Monte San Pietro 8; Masi 4; Correggio 0.

Prossimo turno: Basket 2000 Reggio Emilia-Unipol Banca, domenica 14 febbraio, ore 11.30, Palestra 1° Maggio.

UNDER 13 L’Unipol Banca vince la fase provinciale del Join The Game e in trasferta a Modena
L’Unipol Banca vince la fase provinciale del torneo 3 contro 3 “Join The Game”. Punteggio pieno per l’Unipol Banca, che ha schierato Ferdeghini, Galli, Nicoli e Tabellini, nel girone eliminatorio grazie alle vittorie con Pontevecchio, Francesco Francia e Vis Persiceto. Nella fase ad eliminazione diretta i giovani bianconeri superano nell’ordine Veni, Ozzano, Medicina e Bsl San Lazzaro accedendo alla finale con la Pontevecchio. Finale molto combattuta con l’Unipol Banca che la spunta per 5-4. L’Unipol Banca accede alla fase regionale del “Join The Game” che si disputerà a Rimini nel week end del 5-6 marzo all’interno delle Finali di Coppa Italia di Lega Nazionale Pallacanestro.

Dopo di che, nella fase ad eliminazione diretta, mantiene il proprio passo battendo nettamente Veni Bk (7-2), Ozzano “B” (11-1), Medicina (6-0) BSL “B” (11-3) e Pontevecchio (5-4), al termine di un incontro equilibrato e deciso da episodi a noi favorevoli.

Nuova Psa Modena-Unipol Banca Virtus Bologna 39-106

MODENA: Barbieri, Bardini 3, Boongaling, Bozzali, Candini 2, Di Giuseppe 2, Ilao 2, Iulli4, Liccardi 5, Luppi 13, Marino 8, Valli. All: Solaroli

VIRTUS BOLOGNA: Tabellini 18, Ferdeghini 14, Albonetti 4, Berti 7, Anesa 4, Minelli 7, Nanni, Gresta, Piras 1, Mazzoli 12, Salsini 17, Barbieri 22. All: D’atri.

Successo in trasferta per l’Unipol Banca per 39-106 sul campo di Modena. I ragazzi di D’atri prendono subito il largo nel primo quarto sfruttando la maggiore fisicità e i rimbalzi d’attacco. Non cambia lo spartito per il resto della gara, nonostante alcune disattenzioni difensive e alcuni contropiedi subiti dai giovani bianconeri.

Classifica: Unipol Banca 24; Pontevecchio 20; Masi 16; Correggio 14; Modena 10; Parma 8; Vignola 2; Salus 0.

Prossimo turno: Unipol Banca-Vignola, domenica 21 febbraio, ore 15.00, Palestra Porelli.

ESORDIENTI L’Unipol Banca ospita la Vis Ferrara
Week end senza impegni ufficiali anche per l’Unipol Banca di Riccardo Pezzoli che tornerà in campo domenica 14 febbraio alle 15.00 alla Porelli ospitando la Vis Ferrara.

Prossimo turno: Unipol Banca-Vis Ferrara, domenica 14 febbraio, ore 15.00, Palestra Porelli.

L’INTERVISTA DELLA SETTIMANA – GIACOMO CAMPANELLA

Una strada spianata, e decisamente in discesa. Portava dritta verso la passione per il basket e per i colori bianconeri, e si può dire che Giacomo Campanella abbia iniziato a percorrerla poco dopo aver imparato a camminare.

“Avevo quattro anni quando papà mi portò per la prima volta a vedere una partita della Virtus. Andate a vedere l’elenco degli abbonati e lo trovate lì da venticinque anni: Antonio Campanella, prima tessera nel 1991. Un fedelissimo. Come me, che comunque nel 2005, a dieci anni, ero già a mia volta in quella lista. Ho visto anche Danilovic, magari in braccio a mio padre, ho vissuto da bambino il Grande Slam, mi sono goduto giocatori come Rashard Griffith e poi Vonteego Cummings, fino ai giorni nostri sono sempre stato lì, a palazzo. Ma nel cuore, di quei giocatori, ne ho soprattutto due: Alessandro Abbio, che ho ritrovato allenatore dei miei fratelli all’Atletico Borgo, e Manu Ginobili. Sono andato a vederlo giocare anche a San Antonio, e proprio grazie a una telefonata di Picchio ho potuto salutarlo prima di una partita degli Spurs. Emozione immensa”.

Non solo un amore da tifoso. Appena ha potuto, Giacomo ha cominciato a calcare il campo da gioco.

“E ancora lo faccio. Minibasket e giovanili all’Atletico, dove sono arrivato fino alla Serie D. Quest’anno sono approdato alla Masi, in Promozione. Col ruolo di sempre, guardia tiratrice. Diciamo che ho la mia mattonella, e da lì cerco di spostarmi il meno possibile…”

Non bastava, evidentemente. Per essere davvero passione a 360 gradi, mancava una vita da allenatore…

“Giocare mi piace, ma ormai è chiaro che quello che dovevo fare l’ho fatto. Non sono un atleta a fine carriera, ma la mia dimensione è quella in cui mi sto esprimendo. Volevo provare nuove esperienze, e ho avuto l’occasione di entrare davvero nel mondo della Virtus collaborando già dai tempi delle scuole superiori col minibasket di Luca Brochetto. Dopo quattro anni con lui, Federico Vecchi mi ha proposto di continuare, facendo la mia parte nel settore giovanile a partire da questa stagione. Non me lo sono fatto dire una seconda volta. La palestra Porelli la conoscevo bene, da innamorato avevo frequentato quelle tribune per vedere tanti allenamenti, ma entrarci con un incarico preciso nel settore giovanile è un’altra cosa”.

Ora Giacomo è nel gruppo di assistenti di Unipol Banca, e lavora con l’Under 14 di Mattia Largo e con la squadra Esordienti di Riccardo Pezzoli.

“Ne sono orgoglioso. Ho una grande occasione per imparare questo mestiere accanto a tecnici preparati, devo approcciarmi con l’umiltà e la voglia di conoscere che occorrono in questi casi. La passione, beh, quella mi pare di aver già spiegato a che livelli è…”

Nel gruppo è tra i più giovani. E anche questo, avendo a che fare con i ragazzi, può essere un aiuto.

“Nell’Under 14 ci sono ragazzi che hanno sette anni meno di me. In qualche modo, penso di poterli capire perché sono uscito da poco tempo da quell’età. Se può essere un contributo al grande lavoro dei capoallenatori, lo metto a disposizione più che volentieri”.

Il grande sogno chissà a che punto della vita si trova. Il percorso non è mai uguale a quello degli altri. Ma intanto, Giacomo Campanella si è incamminato su quella strada a grandi passi.

“Esco da scuola e i miei pomeriggi sono fatti di pallacanestro. Mi piace, è esattamente quello che volevo. Anche il mio percorso di studi in un certo senso aiuta: ho fatto l’Itis Belluzzi e poi mi sono iscritto a Scienze Statistiche, giocare coi numeri mi è sempre piaciuto e credo che il basket sia uno sport adatto ad essere studiato anche attraverso i numeri. Tanto che alla maturità presentai una tesina proprio in questa chiave. Dove arriverò? Non lo so e certamente non me lo domando oggi. Quello che mi importa è fare esperienza, e farla alla Virtus che considero una seconda casa da sempre. Imparare da persone che hanno molto da insegnarmi e crescere dentro a questo ambiente, con addosso questi colori: non è il massimo, a poco più di vent’anni?”

(a cura di Marco Patuelli e Marco Tarozzi)

Commenta
(Visited 56 times, 1 visits today)

About The Author