Virtus Cassino - Stella Azzurra Roma, pregara

Espugnare il palasport cassinate l’obiettivo della BPC Virtus Cassino. Arriva la Stella Azzurra Roma e …. non sarà facile. 

“E’ il momento di tacere e di essere concentrati” sono le uniche parole che filtrano dall’ultimo allenamento della Virtus Cassino che oggi affronta la Stella Azzurra Roma al Palazzo dello Sport di Cassino alle ore 18.00. A pronunciarle è il direttore tecnico rossoblù , il dott. Leonardo Manzari. Il momento è di quelli topici di una stagione , il momento del tutto o del nulla , il momento che può decidere le sorti di una stagione , anonimato vs stagione da incorniciare. Sì perché da neopromossa la Virtus Cassino ha una percentuale del 50% di vittorie nelle 6 gare fin qui disputate, ma ha sicuramente dimostrato di poter ben figurare con i padroni del vapore , Montegranaro e Senigallia tanto per nominare due team che hanno fin qui incrociato le armi con la truppa Vettese. 

Ospite della Virtus la blasonatissima Stella Azzurra Roma. Famosissima suite di giovani campioni e fucina di tante fortunate stagioni agonistiche capitoline. Da questa società sono partiti e cresciuti cestisticamente giocatori poi affermatisi ad alto livello, su tutti Andrea Bargnani, prima di essere consacrato alla Benetton Treviso ed ai Toronto Raptors. Alla Stella Azzurra ha iniziato la sua carriera di allenatore professionista Valerio Bianchini, il decano dei coach italiani.

La Stella Azzurra Roma è stata fondata nel 1938, negli anni dell’immediato secondo dopoguerra, su un campetto nel cortile del Collegio San Giuseppe – Istituto De Merode di Roma, dove alcuni giovanissimi furono avviati al gioco della pallacanestro. A seguito di diverse promozioni nel corso degli anni, questa società ha disputato un totale di 22 stagioni nel campionato di Serie A a cavallo tra gli anni cinquanta e ottanta, raggiungendo in tre occasioni il quarto posto. Tra il 1975 e il 1977 ha disputato per due volte la Coppa Korać. Attualmente disputa il campionato di Serie B Dilettanti ma di fatto , nello stesso tempo partecipa al progetto serie A2 Gold con  Veroli Basket .

La Stella Azzurra ha rappresentato per oltre trent’anni un valido esempio non solo per la qualità ed il livello dei suoi atleti, ma anche per un’innovativa impostazione manageriale che poneva e pone  tra i suoi obiettivi principali, quello di ottenere un ruolo diverso per il basket nell’ambito del tessuto sociale cittadino; in particolar modo ha fatto sì che questo sport, ancora elitario e poco conosciuto, si diffondesse tra i giovani, acquistando un pubblico sempre più ampio. 

Dunque la storica formazione romana della stella sul petto  incrocerà le armi con la giovane realtà cassinate rossoblù. 

Non fortunato l’avvio di stagione per i romani che sinora non hanno mai conosciuto il sapore della vittoria in questa stagione ma molte volte sono stati sfortunati ed hanno sicuramente pagato la giovane età e l’inesperienza nei momenti topici dei match sin qui disputati .

La formazione stellina quest’anno non è allenata da Germano D’Arcangeli, passato al progetto Veroli in Gold insieme ai vari Grande, La Torre, Cucci e altri talenti dell’Academy romana, la squadra che milita nel campionato Nazionale di serie B é stata invece affidata al bravo Angelo Santini, da anni l’uomo di fiducia proprio di D’Arcangeli. Il roster é composto quasi totalmente da ragazzi del 97/98 eccezion fatta per i tre più esperti, il play Stefano Buscaglione e la guardia Mirko Gentili, rispettivamente classe ’91 e ’93. a Stella Azzurra, una squadra di under 23 con un roster infinito, già 18 i giocatori schierati da coach Santini. L’unico in doppia cifra di media per punti fatti tuttavia è Alessandro Guagliardi, guardia classe ’94, che con i suoi 11,0 di media in 4 partite disputate sinora è stato finora il migliore dei suoi. Due week end orsono, tuttavia, ha fatto il suo esordio col botto l’astro nascente Alberto Cacace. Inserito anche nel roster della A2 Gold di Veroli, la guardia classe ’97 da Loano ha rifilato 23 punti all’esordio in B alla Stella Azzurra Viterbo e se dovesse esserci oggi sarà sicuramente il pericolo numero uno. I prospetti di maggior interesse sono due nazionali italiani, il play Nicola Savoldelli (1.83 – ’97) e l’ala pescarese Dario Masciarelli (2.00 – ’98) e il nazionale serbo Todor Radonjic (195 – ’97). Tra gli esterni completano il pacchetto Donato Vitale (1.85 – ’98) e Mattia Da Campo (1.95 ’97). Sotto canestro invece troviamo la verticalità del senegalese Fallou Ndiaye (2.04 – ’96) a cui si aggiungono i centimetri di Tommaso Guariglia (2.06 – ’97) e Scott Ulaneo (2.05 – ’98).

Per la BPC Virtus Cassino c’è tutto da perdere ; il gruppo di coach Luca Vettese infatti viene da tre sconfitte interne consecutive. Non disputa incontri ufficiali da 15 giorni , dal momento che la gara con Viterbo è stata rinviata al 3 dicembre p.v. per le note vicende legate al maltempo ed all’allagamento del palasport viterbese.  E’ il momento di invertire la rotta, parola d’ordine nel gruppo cassinate. 

Palla a due alle 18.00 di quest’oggi, sabato 22 novembre, palasport cassinate di Via De Feo. Arbitreranno ancora due fischietti toscani. Il primo arbitro sarà il lucchese Venturini di Capannori, mentre il secondo fischietto, Giovannetti,  è di Firenze.  


seconda trasferta consecutiva per la Stella Azzurra

Sabato 22 novembre i ragazzi della Stella Azzurra saranno impegnati sul campo di Cassino, palla a due alle ore 18.00.

La formazione allenata da coach Vettese è molto esperta ed al momento conta 3 vittorie, tutte in trasferta, avendo perso sempre in casa ma con formazioni di vertice come Rieti, Montegranaro e Senigallia. Nell’ultima giornata i ragazzi della Virtus Cassino hanno osservato un turno di riposo forzato, dal momento che la trasferta a Viterbo non si è potuta disputare per le condizioni metereologiche che hanno causato infiltrazioni rendendo impraticabile il campo. 

Il roster conta giocatori esperti: vicino alle plance troviamo Sgobba e Ingrosso, elementi molto efficaci e con il vizio del tiro da 3 per il secondo; Ausiello e Trionfo, esterni protagonisti della promozione della scorsa stagione, entrambi pericolosi da più zone del campo; Vergara e Castelluccia giocatori di peso esperti della categoria e ottimi rimbalzisti; chiudono il roster Colonnelli, sempre pericoloso dall’arco ed i giovani Salzillo e Costa che in queste ultime partite si stanno ritagliando sempre più spazio.

Questo il commento di coach Santini prima della gara: “Esprimono un gioco piuttosto ragionato cercando spesso la soluzione in zona pitturata nel tentativo di sfruttare al massimo i propri lunghi. Al contempo sono dotati di un’ottima batteria di tiratori dalla linea dei 6 e 75 quindi dovremo stare attenti a coprire bene tutti gli spazi ma non solo, sarà importante per noi trovare continuità per tutta la durata del match, dando più del 100%.”

Commenta
(Visited 6 times, 1 visits today)

About The Author