Virtus Padova, ecco i numeri di maglia della nuova stagione

A poco più di un mese dalla prima partita di campionato, la Virtus Broetto è pronta a dare i numeri… !

Ma non dobbiamo iniziare a preoccuparci, stiamo parlando della scelta dei numeri della maglietta, il numero con cui vedremo i nostri  beniamini correre e saltare per tutta la stagione.

Quella della scelta del proprio numero di maglia è senz’altro un rituale attesissimo dai giocatori di basket che spesso sono molto legati alla loro scelta. Talvolta lo mantengono, altre volte lo cambiano, o lo abbandonano per un po’ per poi recuperarlo successivamente.

Ma vediamoli assieme e scopriamo chi ha voglia di cambiare e chi preferisce restare fedele al proprio numero…

Ecco a voi, in diretta dalla “voce” dei diretti interessati,  i numeri di maglia con cui li vedremo giocare, difendere i colori societari in un campionato nuovo ai più, ma che li vedrà, come hanno sottolineato i “nuovi arrivi” nel discorso di presentazione di lunedì scorso in via dei Tadi, dare il massimo di sé.

A ciascuno abbiamo chiesto una “spiegazione” sul perché indosserà proprio quel numero, ci hanno risposto così…

Alberto Mabilia prenderà il numero che l’anno scorso era di Carlos, il 4…”Perché l’ho sempre avuto, era di un grande piccolo… Tyus Edney”

Federico  Schiavon conferma il suo aeroplanino e il numero 5…”Ho scelto il 5 perché era di Sorgente, giocatore della Virtus di coach Benetollo ed era anche di Salmistrato, grande capitano che ho avuto il piacere di conoscere nel Derby del Biscotto dello scorso marzo…”,

Carlos Canelo, l’uomo immagine di quest’anno, si sposta al numero 6…”Perché è il giorno del mio compleanno; l’ho sempre avuto ma l’anno scorso era già stato scelto da Di Fonzo…”

Riccardo Contin confermatissimo nel suo numero 9…”Ho scelto il 9 quando sono arrivato in Virtus, il mio “vecchio” 13 non era disponibile. Siccome la prima stagione delle giovanili  non andò per niente male, da quel momento l’ho tenuto come portafortuna…”

Marco Lazzaro cambia e dal 16 passa al 12…”E’ un numero che ricorre spesso nella mia vita, è il mio giorno di nascita e il mio numero civico. Ci sono affezionato, non l’ho indossato quasi mai in campo e quest’anno era libero…”

Filippo Sabbadin, come mi aveva detto nelle interviste di due e tre anni fa, non abbandona mai il suo numero 18…”Ho iniziato ad usarlo fin da bambino un po’ in onore di mia mamma e mia sorella che compiono gli anni entrambe il 18 Ottobre. L’ho sempre ritenuta una cosa speciale e particolare. Il 18 è stato sempre un numero portafortuna per me (l’anno scorso, quando a metà anno mi hanno detto che avrei dovuto cambiare numero e prendere il numero e usare il 10, alla prima partita mi sono rotto il ginocchio). Sono un giocatore abbastanza scaramantico e il numero della divisa è la cosa più importante…”

Gabriele Salvato tiene saldo il 20…”L’ho preso due anni fa facendo scambio con Gasparello che voleva il 12, poi col 20 ho vinto il campionato…!!!”

gli altri due nuovi arrivati…

Francesco Tuci maglia numero 21..” Perché il mio idolo da piccolo era Kevin Garnett di Minnesota…”

Enrico Crosato salta addirittura una decina e si prende il 34…”Ho scelto il 34 perché è quello di Charles Barkley, il mio giocatore-idolo che ha sempre ispirato il mio gioco! A causa del regolamento europeo non l’ho mai potuto avere ma ora che le regole lo consentono, l’ho chiesto subito!!”

per finire, ultimo, chi ci ha sorpreso più di tutti, il nostro capitano,

Leo Busca che, memore del successo di essere arrivato al suo “72esimo campionato”, abbandona il numero 7 e sceglie il 72che è, anche se a tutti noi pare impossibile viste le sue corse, i suoi salti, le sue difese, i suoi canestri, le sue stoppate e… fate voi… il suo mitico anno di nascita!!!

E adesso con tanta curiosità di scoprire la nuova divisa da gioco per la stagione dei 70 anni, come anticipato dal d.s. Caiolo a chiusura dei discorsi il giorno della ripartenza, siamo tutti pronti per applaudire i numeri dei nostri portacolori, scritti e… giocati sul parquet

Commenta
(Visited 4 times, 1 visits today)

About The Author