Virtus Roma, ancora una sconfitta: a Cagliari finisce 82-65

Sconfitta senza attenuanti per la Virtus Roma, costretta ad alzare bandiera bianca nel nono turno del campionato di Serie A2; Cagliari si impone 82-65


Non si interrompe la striscia di sconfitte della Virtus Roma che a Cagliari trova la quarta battuta d’arresto consecutiva cedendo alla Pasta Cellino per 82-65. Dopo tre quarti e mezzo di gara equilibrati è un parziale di 23-4 a cavallo degli ultimi due periodi a decidere la sfida in favore dei padroni di casa.

Primo quarto targato Usa da entrambe le parti: Keene (12 nei primi 10’) guida un parziale di 9-0 che porta Cagliari avanti 12-6 con 6:40 sul cronometro, ma Thomas (13) risponde prontamente regalando alla Virtus il vantaggio 15-16 con 2:30 da giocare.

Roma tocca anche il +5 sul 18-23 ma una tripla dello stesso Keene sulla sirena del quarto avvicina i padroni di casa sul 21-23. Il momento positivo della guardia Usa della Dinamo non si ferma, e con un personale 7-0 a cavallo dei quarti riporta avanti i sardi sul 25-23. Una tripla di Ebeling allunga il parziale fino a 13-2 per il 31-25 con 7:30 da giocare nel secondo quarto.

Ci pensa Benetti con 5 punti consecutivi a ricucire immediatamente il mini-strappo in un quarto a ritmi decisamente più bassi rispetto al primo e che si conclude sul 39-38 per gli uomini di coach Paolini. La Virtus rientra bene dagli spogliatoi con un 0-6 sempre ispirato da Thomas che le fa toccare nuovamente il +5 sul 39-44 dopo 2:30 di gioco.

Ancora una volta però è pronta la risposta dei padroni di casa che con un 7-0 tornano a condurre 46-44 dopo 4’ di gioco prima che le triple di Chessa e Baldasso consegnino il 48-52 agli uomini di Bechi con 3:30 da giocare. A questo punto arriva, inaspettato, un parziale di Cagliari di 23-4 a cavallo degli ultimi due quarti che chiude virtualmente il match: il terzo periodo si chiude sul 65-56 con 10 punti di Rullo, mentre 6 punti di Turel nell’ultimo periodo fanno proseguire il parziale fino 71-56.

Aaron Thomas esce dal campo per un infortunio dopo 3’ di gioco ma la partita per la Virtus è oramai compromessa: Cagliari approfitta dei restanti minuti per ritoccare il massimo vantaggio (78-60 a metà quarto) portando così la partita all’ultima sirena sul punteggio finale di 82-65.

La Virtus tornerà in campo domenica 3 dicembre di nuovo in trasferta, questa volta ad Agrigento, alle ore 18.00.

Questo il commento di coach Luca Bechi al termine del match:

«Complimenti a Cagliari per quello che ha creato in questi tre mesi in termini di entusiasmo e di qualità in campo. Oggi per quel che ci riguarda ho visto due squadre: una che nel primo tempo, con qualche alto e basso, ha eseguito le cose che ci eravamo prefissati di fare, si è applicata sia offensivamente che difensivamente e siamo stati attaccati alla partita; dagli spogliatoi siamo usciti con l’idea di continuare ad attaccare l’area per creare vantaggio e lo abbiamo fatto nei primi minuti del terzo quarto, ma dopo una palla persa a metà campo che ha portato Cagliari sul -2 siamo tornati indietro fermando troppo la palla, facendo un passo indietro in difesa concedendo canestri troppo facili. Usciamo da questa partita consapevoli delle cose sulle quali dobbiamo migliorare, ora conta solo guardare avanti e riuscire a farlo perché ce lo impone la classifica e dobbiamo subito metterci le mani, perché poi aumenta anche la pressione come dimostra il calo di fiducia avuto dalla squadra dopo il parziale di Cagliari».

Pasta Cellino Cagliari – Virtus Roma 82-65 (21-23; 39-38; 65-56)

Pasta Cellino Cagliari: Ibba ne, Keene 28, Allegretti, Turel 6, Rullo 12, Ebeling 10, Matrone, Bucarelli 10, Stephens 10, Rovatti 6, Angius ne. All. Paolini.

Virtus Roma: Benetti 5, Basile, Maresca 3, Chessa 9, Donadoni ne, Baldasso 3, Lucarelli ne, Landi 10, Vedovato, Roberts 11, Thomas 24. All. Bechi

 

Fonte: Ufficio Stampa Virtus Roma

Commenta
(Visited 46 times, 1 visits today)

About The Author