Roma-Tortona, tutto facile per la Virtus: la cronaca del match

LNP A2 Ovest, 24esima giornata

PALAEUR di ROMA

Virtus Roma – Bertram Tortona 79-66
(15-10/25-22/15-14/24-20)

17esima vittoria in 24 turni per la Virtus che, a 5 o 6 (dipende dalla situazione di Siena) gare dal termine, nel prossimo turno andrà a giocarsi l’approdo in A1 a casa di Rieti, che di punti ne ha 30.

Sfida tutt’altro che scontata al PALAEUR: si tornava da tre giorni di basket vero, quello che ha messo in risalto il lungo roster delle “F”, quello corto di Roma, e per finire un David LOGAN illegale.

Poi davvero nessuna o poche fatiche in campo per la Virtus Roma vista ieri, maggiori forse erano le preoccupazioni nel pre-partita, perché il roster sembra essere sempre corto: con SANDRI al rientro, SANTIANGELI con febbre e capitan CHESSA non schierato, c’era da capire i minutaggi giusti per non trovarsi di nuovo, come in Coppa Italia, a corte di energie.

Energia che, invece, manca proprio a Tortona, come ammesso da coach RAMONDINO. L’unica eccezione porta il nome del classe ’92 VIGLIANISI, che ha saputo penetrare più volte l’area romana, “mentre gli altri non riuscivano ad entrare”.

Per il resto, poco ardore tra i senior piemontesi: poco da NDOJA, BLIZZARD e assente l’altro ALIBEGOVIC, che fanno comunque tanti punti nelle mani.

La sfida tra centri del PALAEUR poteva valere il biglietto: i muscoli di LYDEKA e quelli di SISM, ma il lituano mette a referto solo 9 punti in 31 minuti. 17, invece, per lo statunitense.

Da registrare in casa Virtus il ritorno in campo di AMAR ALIBEGOVIC, che fa 16 minuti di sostanza e soluzioni giuste; e poi BALDASSO, in campo per 24 minuti, con a referto 2/3 dalla lunga distanza e ben 6 assist ai propri compagni.

31 minuti per MOORE, finalmente senza lamenti verso gli arbitri: tutti gli italiani ringraziano, guidati da un ottimo LANDI nei tagliafuori e a rimbalzo (40-34 di squadra).

Il match si conclude con un +13 per i padroni di casa, mai impensieriti da Tortona in nessuno dei 40′ di gioco; ora a Rieti “con energia e intensità!”, garantisce il coach, che ieri ha festeggiato anche un anno di VIRTUS ROMA.

Gabriele Marini

Commenta
(Visited 27 times, 1 visits today)

About The Author

Enrico Pecci Classe ’96, proveniente da quel favoloso luogo chiamato Marche (provare per credere), studente di Scienze della Comunicazione ed appassionato di calcio quanto di basket. Collaboratore per nba24.it e tuttobasket.net, sognando un futuro in cui scrivere di sport, basket e calcio in particolare, sia un lavoro oltre che una passione. Appassionato di basket sin dai primi passi mossi nel parquet dal Re, King LeBron James. #IPromise.
Per Info