Virtus Roma-TWS Legnano 84-82, i capitolini s'impongono in volata

I Knights tornano al PalaTiziano di Roma per affrontare, dopo l’Eurobasket in ottobre, la Virtus Roma diretta concorrente per una posizione playoff.
Knights al completo, posta ormai per certa l’assenza di Frassineti, mentre Roma deve rinunciare a Chessa e Benetti.

La gara, che inizia un’ora prima del solito, parte con il canestro di Brown, ma c’è la pronta risposta di Palermo e Raivio per il 2-4 iniziale.
Vedovato segna un libero, tuttavia le triple di Ihedioha e Raivio e il canestro, ancora di Palermo, permettono ai Knights di andare sul 5-12, senza subire emotivamente troppo la schiacciata in contropiede di Brown.
Baldasso scappa in contropiede, ma Palermo è in gran giornata e segna ancora da vicino, poi Raivio mette un gioco da 3 punti e la TWS vola sul 7-17, toccando per la prima volta la doppia cifra di vantaggio.
Mosley allunga, Landi ci mette una pezza con la tripla, pareggiata subito dal centro di Martini per una gara di alte percentuali
Prima della fine del tempo Raivio ne mette due in contropiede e Raffa un libero per il 11-24 dopo 10’-

Raivio riapre con l’appoggio da sotto, Martini con il libero e ancora Raivio con il libero per il tecnico a Corbani.
Raivio è indemoniato e segna ancora 5 punti in fila per il 11-33 che costringe Corbani al suo secondo timeout per arginare l’americano dei Knights.
Segna Sandri, ma il nuovo gioco da tre punti di Raivio, porta Legnano sul 14-36; Baldasso prova a dare energia con 4 punti in fila che suggeriscono a Ferrari di interrompere l’inerzia romana con una sospensione, mentre il tabellone è sul 18-36.
Raivio riapre con due liberi, Maiocco con la tripla, e Roma che fatica sempre a trovare buoni tiri, mantenendo il distacco con i tiri liberi di Raffa e Sandri per il 25-43 a 2’ dalla fine del secondo periodo.
Mosley devasta il canestro con la schiacciata, mettendo anche il libero su un fallo subito, ma la chiusura è per Roma dalla lunetta per il 32-48

Dopo l’intervallo la partenza sprint è quella di Roma con il contropiede di Sandri e la bomba di Baldasso.
La partita diventa più fisica e Mosley fa 1/2 dalla lunetta per il 37-49, ma la Virtus ha una faccia diversa rispetto al primo tempo e Raffa inventa un canestro impossibile da 3 e uno in contropiede, riaprendo la partita sul 42-49.
Martini spezza il digiuno legnanese con l’appoggio da sotto per due volte di fila, poi è Palermo ad appoggiare e Corbani vede invertire l’inerzia della gara, con Legnano torna ad avere un vantaggio importante sul 42-55.
Landi rimette in moto la macchina romana con la tripla, l’appoggio da sotto e il tiro da fuori, ma Martini attutisce il colpo.
Brown segna i liberi del 51-57, Sandri la bomba del -3 e Mattia Ferrari chiede il timeout a 3’ dalla fine del terzo quarto, quando ormai la partita è di nuovo apertissima.
Un antisportivo di Maiocco viene capitalizzato da Roma con i liberi di Raffa per il -1, Martini e Raivio riportano Legnano sul +5 dalla lunetta sul 56-61, ma la chiusura è ancora per Roma con i liberi di Raffa del 61-63.

Brown segna subito all’inizio dell’ultimo quarto il pareggio dalla media distanza, ma Martini e Raivio riallungano per la TWS sul 63-68
Martini segna da 3, ma la gioia dura poco perché Raffa completa un gioco da 3 punti che tiene il punteggio sul 66-71
Mosley realizza dalla lunetta i liberi dopo un fallo antisportivo, ma la gara, con ancora 6’, da giocare non è per nulla indirizzata.
Raffa e Maresca vanno in contropiede per i 4 punti del -1 romano, mentre Palermo segna dalla lunetta per rimettere un possesso pieno di vantaggio per i Knights.
Baldasso pareggia con la bomba del 75-75, mentre il primo vantaggio romano dopo il canestro iniziale, lo mette Maresca
Martini fa 1/2 della lunetta, poi Raivio arriva al capolinea, ma ora i falli iniziano ad essere determinanti (4 giocatori per parte con 4 falli e regime di bonus per entrambi).
Infatti Raffa fa 1/2 per il 78-78, Palermo e Martini arrivano fino in fondo, ma la bomba di Maresca porta il tabellone sul 84-82, che sarà poi il risultato finale.
Raivio sbaglia i liberi e sull’azione successiva Brown commette infrazione di passi a 5’’ dalla fine, e, dopo il timeout di Ferrari, i Knights hanno la palla per la vittoria, ma il tiro di Palermo viene contestato e la palla non si infila.

Knights che hanno espresso un’eccellente pallacanestro nel primo tempo, hanno un po’perso di incisività nella seconda metà, dove Roma, troppo brutta nella prima parte per essere vera, ha aggiunto grande aggressività in difesa, rimontando e rimanendo più fredda nei possessi decisivi.
Un passo avanti per i Knights a livello di gioco, che fa ben sperare per la Coppa.

UNICUSANO ROMA – TWS LEGNANO 84-82 (11-24, 21-24, 29-15, 23-19)
Unicusano Roma: Anthony joseph Raffa 22 (3/8, 2/6), Aristide Landi 19 (2/4, 4/7), Tommaso Baldasso 12 (3/4, 2/11), John Brown 11 (3/7, 0/0), Daniele Sandri 10 (1/7, 2/3), Giuliano Maresca 9 (3/4, 1/4), Jacopo Vedovato 1 (0/1, 0/0), Yuri Piccolo 0 (0/0, 0/0), Massimo Chessa 0 (0/0, 0/0), Valerio Lentini 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 21 / 26 – Rimbalzi: 36 10 + 26 (Anthony joseph Raffa 10) – Assist: 17 (Anthony joseph Raffa 6)

TWS Legnano: Nikolas Raivio 34 (8/15, 3/6), Matteo Martini 22 (6/7, 2/4), Matteo Palermo 12 (5/10, 0/4), William Mosley 8 (2/8, 0/0), Francesco Ihedioha 3 (0/3, 1/5), Federico Maiocco 3 (0/1, 1/1), Gabriele Berra 0 (0/1, 0/1), Alberto Navarini 0 (0/0, 0/0), Michael Sacchettini 0 (0/0, 0/0), Luca Battilana 0 (0/0, 0/0), Edoardo Tognati 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 19 / 26 – Rimbalzi: 36 6 + 30 (William Mosley 12) – Assist: 11 (Francesco Ihedioha 3)

Comunicato a cura di Ufficio Stampa Legnano Basket Knights

Commenta
(Visited 28 times, 1 visits today)

About The Author