Vittoria esterna per Ravenna che passa a Piacenza per 59 - 68

È un’altra grande prestazione di squadra quella che permette all’OraSì Ravenna di espugnare il Pala Banca di Piacenza. Top scorer dell’incontro è Taylor Smith, che aggiunge 9 rimbalzi a 18 punti con 8/9 dal campo, e una costante presenza difensiva, che fa la differenza nel secondo tempo del match. Doppia cifra anche per l’ex Assigeco Chiumenti con 14 punti, Tambone e Sabatini con 12, mentre tra i padroni di casa si distinguono Borsato (17) e Raspino (12). Da segnalare la prova di Marks, che si ferma a 5 punti ma allo stesso modo blocca anche la prima opzione avversaria Hasbrouck a 5.

LA PARTITA

L’inizio è tutto targato OraSì, che grazie alla tripla di Tambone allunga sullo 0-7. Ravenna però sbaglia qualche tiro di troppo e il contro-parziale di Piacenza è superlativo: con quattro bombe, di Borsato, Hasbrouck e Raspino (2) i padroni di casa firmano il 17-0 che vale il +10 (17-7). I giallorossi di Coach Antimo Martino si sbloccano con la tripla di Masciadri (17-10) e i liberi guadagnati da Sabatini valgono il 19-14 di fine primo quarto. È ancora Sabatini ha dare la carica agli ospiti in apertura di secondo periodo, la sua rubata con canestro e fallo subito vale il sorpasso sul 19-20. Tambone segna la tripladel 21-23, ma la risposta di Persico impatta la partita. Ravenna accelera i ritmi e, nonostante il canestro dalla lunga distanza di Borsato, i canestri di Chiumenti e ancora di Sabatini segnano il 26-31. Il gioco in post di Raspino e la tripla di Infante lanciano un nuovo parziale di 7-0 in favore dei padroni di casa, che sorpassano sul 33-31, ma l’OraSì è brava a sfruttare il bonus falli conquistato e la partita prosegue punto a punto. La terza tripla di Borsato impatta ancora la partita a quota 38 prima che Ravenna riesca a ottenere un minimo vantaggio (40-42) appena prima dell’intervallo lungo.

La squadra giallorossa rientra dagli spogliatoi con un ottimo atteggiamento difensivo e, nonostante la bomba di Formenti, allunga prima sul 43-48, poi fino al 45-56, grazie al super lavoro nel pitturato di Smith e Chiumenti. Il centro americano alza la voce su entrambi i lati del campo, e il fallo antisportivo che il grande ex della partita conquista contro Bobby Jones lancia la fuga di Ravenna, che all’ultimo intervallo mantiene un vantaggio di 9 punti (49-58). Nel quarto periodo l’OraSì tocca il massimo vantaggio sul +12 (49-61) grazie ancora a un canestro e fallo di Chiumenti. A questo punto Piacenza si gioca la carta della zona, contro cui l’attacco giallorosso fatica a trovare soluzioni. Il 6-0 conseguente vale il 55-61, ma una grande bomba di Tambone e la schiacciata di Smith su assist del solito Chiumenti per il 55-66 scacciano gli incubi di una rimonta dei padroni di casa, e permettono anche di rovesciare il saldo del doppio confronto. I liberi finali fissano il punteggio sul 59-68, mandando in visibilio i tifosi giallorossi accorsi a Piacenza.

 

Assigeco Piacenza – OraSì Ravenna 59-68 (19-14, 40-42, 49-58)

Piacenza: De Nicolao, Costa ne, Jones 4, Raspino 12, Formenti 7, Infante 9, Persico 4, Rossato, Dincic 1, Hasbrouck 5, Zucchi ne, Borsato 17. All. Andreazza.

Ravenna: Smith 18, Scaccabarozzi ne, Sgorbati, Chiumenti 14, Marks 5, Raschi, Masciadri 7, Tambone 12, Crusca, Seck ne, Sabatini 12. All. Martino.

Commenta
(Visited 17 times, 1 visits today)

About The Author