Zenith Messina-CUS Catania 61-53, Weglinski trascina i messinesi

Il Gruppo Zenith Messina non brilla ma fa suo lo scontro diretto con il Cus Catania

Il Gruppo Zenith Messina torna al successo dopo quattro sconfitte consecutive. Gli scolari superano il CUS Catania al PalaTracuzzi con il punteggio di 61-53 e lasciano alla compagine etnea l’ultimo posto in classifica. Troppo importante la posta in palio per i messinesi, che arrivano allo scontro diretto senza le guardie Carnazza e Buono. Oltre le assenze, la squadra di Baldaro paga la mancanza di serenità, per via dei risultati negativi che l’hanno relegata in fondo alla graduatoria. Infatti non è stata una grande prestazione quella offerta dalla Basket School, che ha chiuso sotto di una lunghezza (15-16) il primo periodo giocato sul filo dell’equilibrio.

I cussini, giunti con otto giocatori in riva allo Stretto, sfruttano la velocità degli esterni grazie ad Abramo (8 punti personali in dieci minuti) e alle triple di Vitale ed Elia. Messina manda a segno ben cinque giocatori, ma non trova conclusioni dall’arco. Nella seconda frazione regna ancora l’equilibrio, con sorpassi e controsorpassi fino al 23-24 firmato dal gioco a tre di Abramo che pareggia i tre punti consecutivi di Trimarchi. Messina mette la prima tripla della gara dopo oltre 16 minuti con Soldatesca. Weglinski ne piazza altre due, mentre Caldwell da sotto realizza quattro punti, confezionando un break di 13-0 che lancia i padroni di casa sul +12. Il canestro del solito Abramo (top scorer degli etnei con 21 punti) fissa il punteggio sul 36-26 all’intervallo lungo.

Al ritorno in campo Baldaro presenta Di Dio per Mazzù: si segna poco. Il punteggio si sblocca dopo due minuti, dalla lunetta realizza Elia (36-28). Abramo tiene a galla i suoi rispondendo alla tripla di Soldatesca. Poi mette il libero assegnato per un tecnico fischiato ai messinesi. Si viaggia sul +7 per i biancorossi, dopo il botta e risposta dai 6,75 fra Soldatesca e Vitale, è Weglinski con due bombe dall’angolo a regalare a il +13 al Gruppo Zenith che chiude sul 50-37 alla mezzora.

Ultimo quarto con un buon vantaggio da gestire per i peloritani. La squadra di Guadalupi cerca di rientrare con Bonaccorsi (51-41), ma Calarese, Weglinski dalla lunetta e Mazzù regalano il massimo vantaggio (56-41) a Messina che poi subisce otto punti consecutivi da Vitale (due triple e due liberi concessi per i tecnici fischiati a Caldwell e Calarese). La fiscalissima coppia arbitrale fischia una serie di infrazione di passi al lungo americano, ed un paio di “tre secondi” che lo fanno spazientire. Il ferro avversario sembra stregato per Caldwell che poi trova il canestro più difficile dopo aver fallito almeno cinque schiacciate. Il suo gioco da tre regala la certezza della vittoria al Gruppo Zenith, che finalmente può tornare a sorridere e guardare con più tranquillità al futuro.

Gruppo Zenith Messina – CUS Catania 61-53

Parziali: 15-16; 21-10 (36-26); 14-11 (50-37); 11-16

Gruppo Zenith Messina: Speciale ne, Di Dio, Calarese 8, Weglinski 18, Germanotta ne, Trimarchi 3, Mazzù 5, Soldatesca 14, Marabello ne, Caldwell 13, Calderazzo ne. Allenatore: Dani Baldaro

CUS Catania: Cicero Domina, Vitale 16, Cantone, Bonaccorsi 6, Messina, Mazzoleni, Elia 10, Abramo21. Allenatore: Giuseppe Guadalupi

Arbitri: Di Mauro di Priolo Gargallo e Lorefice di Ragusa

Comunicato a cura di Ufficio Stampa BSM

Commenta
(Visited 30 times, 1 visits today)

About The Author