Il Basket Ravenna tocca quota 20 vittorie stagionali. Treviglio s'inchina 99-91

Grazie ad solidissimo ultimo quarto l’OraSì Ravenna vince contro Treviglio 99-91 e ottiene la ventesima vittoria del suo straordinario campionato. Eguagliata quota 40 punti, raggiunta solo nel campionato 2019/20. Domenica i ragazzi di coach Lotesoriere chiuderanno la stagione regolare a Desio, sul campo di Cantù.

La partita

OraSì in campo con Tilghman, Arnaldo, Cinciarini, Sullivan, Simioni. Treviglio con Rodriguez, Miaschi, Corbett, Sacchetti, Langston. Ravenna parte con un 5/5 dall’arco e a metà tempo è 21-12 con le le triple di Cinciarini, Sullivan, Simioni e Arnaldo. Al ritorno dal timeout Treviglio rientra fino al 22-21 e stavolta è coach Lotesoriere a chiedere il minuto. Dentro Gazzotti, Denegri, Berdini e Benetti, Tilghman mette il suo quarto punto (oltre a quattro assist) e il primo quarto termina 27-23.
Grande equilibrio in avvio di secondo quarto, con canestri da una parte e dall’altra (37-33, Sullivan primo uomo in doppia cifra). Treviglio con i liberi di Rodriguez trova il primo vantaggio di serata, risposta giallorossa con l’appoggio di Sullivan, la schiacciata di Gazzotti e la tripla di Cinciarini (44-40, timeout coach Carrea). Sono ancora gli attacchi ad avere la meglio e gli ospiti con Langston e Sacchetti tornano avanti, poi la tripla di Cinciarini per il nuovo sorpasso OraSì. Un intensissimo primo tempo va in archivio sul 49-50.

In avvio di terzo quarto Treviglio trova in Langston l’uomo del momento (51-57), Ravenna torna a -2 poi Corbett per il nuovo allungo ospite (55-65, timeout Lotesoriere). Due triple in serie di Cinciarini e Tilghman e l’OraSì è di nuovo a contatto (61-65, timeout Carrea). Ancora dall’arco Miaschi per il +7 esterno, ma Ravenna è paziente, attacca l’area con Cinciarini e Denegri arrivando anche al sorpasso con la giocata da tre punti di Berdini, poi D’Almeida in chiusura di tempo mette il 73-74.
Simioni poi Denegri da fuori per il controsorpasso OraSì (78-74), l’intensità si mantiene alta, Gazzotti appoggia l’80-76, timeout Treviglio e i mille del PalaCattani si fanno sentire. Sullivan due volte per il +8 Ravenna, poi Berdini bombarda dall’arco l’87-76. Il parziale giallorosso di 14-2 è mortifero e sarà decisivo. Rodriguez, Miaschi e Corbett non mollano (91-85) ma ormai Ravenna è in controllo del match e porta a casa la contesa, mettendo in campo alla fine anche la linea verdissima, Laghi, Giovannelli, Martini.

Il commento di coach Alessandro Lotesoriere: “Non è stato il tipo di partita a cui siamo abituati, grosso merito degli avversari che ci hanno portati sul loro binario di pallacanestro sul quale fortunatamente siamo stati competitivi grazie alla percentuale del tiro da tre nei primi due quarti. Subire 50 punti all’intervallo non è una cosa che ci si addice, poi siamo stati bravi nel terzo quarto a non disunirci quando siamo andati meno dieci e soprattutto a trovare qualche soluzione, grazie al gioco interno. Tutto è partito da una condivisione di più palle in attacco e poi nell’ultimo quarto, l’unico in cui siamo riusciti a stare sotto i 20 punti, siamo riusciti a fare il break decisivo è a portarla a casa. Questi ragazzi hanno davvero qualcosa di speciale sia a livello di gruppo che a livello tattico, sono stati recettivi nel comprendere al volo un paio di richieste diverse da quanto preparato e metterle in atto permettendoci alla fine di conseguire una vittoria fantastica”.

Il tabellino
OraSì Ravenna-Gruppo Mascio Treviglio 99-91 (27-23, 49-50, 73-74)
OraSì Ravenna: Martini, Simioni 7, Giovannelli, Laghi, Sullivan 22, Denegri 14, Arnaldo 6, Cinciarini 18, Gazzotti 4, Tilghman 15, Berdini 11, Benetti 2. All.: Lotesoriere. Assistenti: Zambelli, Villani.

Comunicato e tabellini a cura di Ufficio Stampa Basket Ravenna Piero Manetti.

Commenta
(Visited 102 times, 2 visits today)

About The Author

Gianluca Zippo Nato a Formia il 13/01/1988. Laureato in Giurisprudenza presso la Federico II di Napoli, già collaboratore e redattore per Teladoiolamerica.net e Road2sport.com, il calcio, l’NBA e la F1 sono la mia malattia, ma il mondo dello sport mi affascina a 360°.