Udine si aggiudica gara1 contro Chiusi. Al PalaCarnera finisce 69-53

Inizia nel migliore dei modi l’avventura dell’Apu Old Wild West Udine alle semifinali play off di Serie A2 2021-2022 (Tabellone Oro). I bianconeri, infatti, questa sera hanno superato Umana Chiusi per 69-53 in Gara 1, in un PalaCarnera davvero “on fire”, gremito in ogni settore. Mvp bianconero Brandon Walters, autore di 15 punti e con 26 di valutazione complessiva. Prossimo appuntamento martedì alle 20.00 per Gara 2 (è ancora possibile acquistare gli ultimi tagliandi attraverso il circuito VivaTicket).

Per la sfida con i senesi coach Matteo Boniciolli recupera Trevor Lacey, fermo dal secondo minuto di Gara 1 dei quarti di finale con Allianz Pazienza San Severo a causa di un lieve risentimento al bicipite femorale destro, ma non può contare su Ethan Esposito che nei minuti finale di Gara 4 al Palasport Falcone e Borsellino ha riportato una distorsione alla caviglia sinistra. Questo, dunque, il quintetto di partenza: Cappelletti, Lacey, Ebeling, Antonutti e Walters. A sbloccare il match è Umana con Wilson, a segno dall’area dopo 45 secondi (0-2). Walters impatta (2-2), ma Musso riporta gli ospiti avanti con la prima tripla della serata (2-5). E’ Walters dopo tre minuti e 40 secondi di gioco a firmare il primo vantaggio bianconero (6-5). A 3 minuti e 17 secondi San Giobbe ritrova la parità con Ancellotti (12-12) e impone in seguito un parziale di 5-0 ai friulani grazie alle iniziative di Criconia (12-17). A un minuto e 21 secondi dalla fine del periodo l’Old Wild West Udine accorcia (14-17) con Pellegrino dalla lunetta (2/2, fallo di Fratto) e a allo scadere lo stesso pivot siciliano firma il -1 (16-17). In avvio di secondo periodo gli uomini di Boniciolli impongono un paziale di 8-0 ai toscani, portandosi per la prima volta sul +7 (24-17). Umana accorcia con Wilson che trasforma uno dei due liberi concessi per fallo di Lacey (24-18). A metà periodo Giuri firma la seconda tripla bianconera (dopo quella di Lacey) e i punti di distacco diventano 9 (27-18). I bianconeri rimangono in scia positiva e a meno di quattro dall’intervallo lungo volano a +16 con Giuri (36-20). Nel finale di quarto, però, i ragazzi di coach Giovanni Battista Bassi reagiscono e trovano in Wilson un degno finalizzatore (36-27). Si va all’intervallo sul punteggio di 39-31 con il canestro di Medford allo scadere.

Anche nel terzo periodo l’Apu Udine difende il distacco conquistato e dopo 3 minuti 29 di gioco si riporta sul +12 con Cappelletti (45-33), che però è costretto a lasciare il campo (termporaneamente) per infortunio. A metà periodo Antonutti sigla la tripla del +13 (45-38) e Lacey firma il +15 (50-35). A 3 minuti e 10 secondi dalla terza sirena Nobile ribadisce il divario (52-37) e lo stesso fa Pellegrino centottanta secondi più tardi (56-41). Il canestro di Raffaelli a 30 secondi dalla fine del terzo periodo fissa il parziale sul 56-43. In apertura dell’ultima frazione Lacey colpisce dall’arco (59-43) e Walters porta per la prima volta l’Old Wild West sul +19 (62-43). Umana sembra non avere più energie e subisce anche il -21 (64-43) con Lacey che raggiunge la doppia cifra. A quattro minuti e 30 secondi dalla fine del match Giuri commette il quinto fallo ed è costretto ad abbandonare il campo. Nel finale Italiano si sblocca dall’arco (67-50). Al PalaCarnera – che martedì alle 20.00 ospiterà Gara 2 – finisce 69-53.

APU OLD WILD WEST UDINE – UMANA CHIUSI 69-53

(16-17, 39-31, 56-43)

APU OLD WILD WEST UDINE: Cappelletti 14 punti, Walters 17, Mussini, Pieri ne, Antonutti 7, Giuri 8, Nobile 2, Pellegrino 8, Italiano 3, Lacey 10, Ebeling. All. Matteo Boniciolli.

UMANA CHIUSI: Criconia 5, Fratto, Musso 3, Biancotto, Medford 14, Braccagni ne, Pollone 4, Wilson 15, Raffaelli 9, Possamai, Ancellotti 3. All. Giovanni Battista Bassi.

Arbitri: Maschio, Lucotti, Lupelli.

Uscito per cinque falli: Giuri.

Comunicato e tabellini a cura di Ufficio Stampa Apu Udine.

Commenta
(Visited 40 times, 1 visits today)

About The Author

Gianluca Zippo Nato a Formia il 13/01/1988. Laureato in Giurisprudenza presso la Federico II di Napoli, già collaboratore e redattore per Teladoiolamerica.net e Road2sport.com, il calcio, l’NBA e la F1 sono la mia malattia, ma il mondo dello sport mi affascina a 360°.