Altra sconfitta interna per la Matteotti Corato, Altamura passa al Palalosito 60-80

Niente da fare per la Nuova Matteotti Corato nell’ultimo recupero del campionato di serie C Gold maschile. I coratini sono stati sconfitti 60-80 da Altamura nel match giocato ieri pomeriggio sul parquet di casa ed hanno così chiuso il loro mini tour de force, a ranghi largamente incompleti, di 4 gare in 7 giorni.

La gara inizia subito bene con Corato che dopo 20 secondi è già avanti grazie alla tripla di Mascoli. I murgiani però rispondono immediatamente e reagiscono ribaltando il parziale.

La gara è bella, Altamura prova a scappare sul 10-20 ma la Matteotti non molla e quasi recupera completamente il break in chiusura di quarto (19-20), prima del 19-23 con cui si va al primo mini riposo.

Secondo parziale con i primi 5 minuti che vedono Corato che, sia pur sempre in rincorsa, resta in scia agli avversari (24-30 al 15’).

Poi arriva una nuova accelerazione murgiana con i locali che sbagliano tanto anche in fase conclusiva e gli ospiti che ne approfittano andando all’intervallo avanti 30-43.

La tanto attesa reazione coratina al rientro sul parquet purtroppo non si materializza perché la squadra, forse stanca per i troppi impegni e con poche rotazioni disponibili, non è così incisiva pur giocando con grinta su ogni pallone. I ragazzi di Cotrufo cosi, trascinati da Bojkovic e Liso, comandano agevolmente raggiungendo anche i 20 punti di vantaggio prima di chiudere il terzo parziale sul 45-62.

Ultimo quarto valido solo per le statistiche con Altamura ormai in pieno controllo della gara e Corato che prova a limitare i danni anche in vista del retour match di domenica prossima.

Gatta prova a suonare la carica in avvio chiudendo un contro parziale coratino a cavallo dei due quarti di 11-0 (50-62 al 32’), ma non serve a nulla perché gli ospiti rispondono e nel finale le due triple consecutive di Sabeckis servono solo a limitare il divario sino al 60-80 finale.

Commenta
(Visited 31 times, 1 visits today)

About The Author

Gennaro Dimonte Nato a Barletta nel 1994. Prossimo alla laurea in Scienze della Comunicazione e aspirante giornalista. Si divide tra la palla a spicchi e il calcio, con i miti di Carmelo Anthony e Del Piero nel cuore. Grande appassionato di NBA, spera di rivedere i suoi Knicks tra le grandi.