Andrea Pasca Nardò, Michele Battistini non sarà più l'allenatore della prima squadra

Una storia d’amore viscerale quella tra Michele Battistini e la Pallacanestro Nardò. Un legame duraturo, manifestatosi in tutte le trafile granata, in ogni forma, in ogni sfumatura: allenatore delle varie squadre under, con le quali vanta lo storico accesso all’Interzona U16 e il titolo regionale élite U18; responsabile del settore giovanile; allenatore in seconda; head coach nella salvezza 2017/2018 e poi nel successo più bello, più desiderato, più ambito.

Il 12 gennaio 2021 arriva l’annuncio che proietta Michele Battistini al ruolo di capo allenatore. Un neretino DOC alla guida del Toro, un profilo nato e cresciuto nel Pala Andrea Pasca”. Il 23 giugno il cielo si tinge di granata: arriva la storica promozione in serie A2, a coronare un sogno, quello di una piazza che vede in Michele Battistini il suo condottiero. Il protagonista di uno splendido romanzo in cui ogni spettatore, per ragioni di cuore, un cuore in cui scorre il sangue granata, non può che immedesimarsi. Per il calore, per la grinta, per quella passione che solo un neretino come lui poteva portare in panchina.

Michele, i migliori auguri di un futuro ricco di successi, che senza alcun dubbio merita, nonché un ringraziamento per quanto speso nella causa granata, per aver messo la firma d’autore sulla più bella pagina di storia cestistica neretina.

La Pallacanestro “Andrea Pasca” Nardò comunica l’interruzione del rapporto con coach Michele Battistini, in merito alla prima squadra, per scelta personale del 30enne neretino. Tuttavia, in un’ottica di riprogrammazione del settore giovanile, Michele si occuperà del lavoro individuale con i giovani torelli.

Commenta
(Visited 39 times, 1 visits today)

About The Author

Gennaro Dimonte Nato a Barletta nel 1994. Prossimo alla laurea in Scienze della Comunicazione e aspirante giornalista. Si divide tra la palla a spicchi e il calcio, con i miti di Carmelo Anthony e Del Piero nel cuore. Grande appassionato di NBA, spera di rivedere i suoi Knicks tra le grandi.