“NOI CI SIAMO”: un video del Bologna Basket 2016 per l'Associazione Epilessia E.R.

Un video-spot per sensibilizzare l’opinione pubblica sul problema dell’epilessia. È l’iniziativa che il Bologna Basket 2016, squadra di pallacanestro che milita in serie B, ha lanciato sulle sue pagine dei principali social network (Facebook, Instagram e Linkedin) a favore dell’Associazione Epilessia Emilia-Romagna.

Il video, girato al Palasavena di San Lazzaro, mostra i giocatori del BB2016 (Jacopo Soviero, Joel Myers e Alberto Conti) che si passano la palla lungo il campo fino all’alley oop di Lorenzo Guerri per la schiacciata a canestro di Tommaso Felici. Guerri si avvicina quindi alla telecamera e mostra il logo dell’Associazione, dicendo “Noi ci siamo”.

Il video fa parte della collaborazione tra BB2016 e l’Associazione per diffondere la conoscenza dell’epilessia e combattere i pregiudizi e le restrizioni che ancora oggi esistono nei confronti delle persone che ne soffrono. A novembre la prima iniziativa era stata quella di apporre il logo dell’Associazione sulle maglie e sui sopramaglia della squadra rossoblu.

Attualmente la patologia epilettica coinvolge solo in Italia più di 500.000 persone, di cui ben 35.000 in Emilia-Romagna. Nonostante questi numeri, troppo frequentemente chi ne soffre si nasconde e vive nel silenzio della solitudine e il basket può essere uno strumento per far uscire queste persone dal loro silenzio.

Qui il link di Facebook: https://fb.watch/2NLAuSOV1L/.

CONTATTI
ASSOCIAZIONE EPILESSIA EMILIA ROMAGNA ODV
Via Marco Polo 18 – 40131 Bologna
Tel. 366 7366949 – 051 0142491
E-mail: info@associazioneepilessia.it
Sito: www.associazioneepilessia.it

Comunicato a cura di Luca Regazzi, Ufficio Stampa BB 2016, e Lara Mariani, Responsabile Comunicazione AE.

Commenta
(Visited 40 times, 1 visits today)

About The Author

Gianluca Zippo Nato a Formia il 13/01/1988. Laureato in Giurisprudenza presso la Federico II di Napoli, già collaboratore e redattore per Teladoiolamerica.net e Road2sport.com, il calcio, l’NBA e la F1 sono la mia malattia, ma il mondo dello sport mi affascina a 360°.