Beatrice Attura è una giocatrice dell'Umana Reyer Venezia

L’Umana Reyer è lieta di annunciare la firma di un contratto biennale, con opzione per la stagione 2022/2023, con Beatrice Attura che farà parte del roster dell’Umana Reyer 2020/2021.
Playmaker di 170 centimetri, nata a Roma il 5 novembre 1994, cresciuta a Dallas (Texas), Attura è in possesso della doppia cittadinanza americana ed italiana.
Cresce cestisticamente alla Northwestern State University dove studia e gioca per quattro stagioni, dal 2013/2014 al 2016/2017. Nell’ultima stagione di college registra cifre importanti come 21 punti, 3,8 rimbalzi e 4,8 assist a partita. Nella sua stagione da rookie indossa la maglia dell’Herner TC, formazione del campionato tedesco con cui gioca due anni vincendo nel 2019 titolo e coppa nazionale.
Nella stagione 2019/2020 approda in Italia alla Pallacanestro Vigarano con cui in 20 partite mette a segno 12,2 punti, 3,7 assist e 2,9 rimbalzi di media.
“Sono onorata che una squadra di altissimo livello come Venezia mi abbia voluto fortemente e ringrazio la società per la fiducia – le parole di Beatrice Attura – Venezia è una Città meravigliosa, ho avuto la possibilità di visitarla già una volta e non vedo l’ora di tornarci. Dall’estero ho seguito molto la realtà maschile del mondo Reyer, ma anche la realtà femminile è sempre stata di alto livello, Venezia è sempre stata competitiva. Inoltre a me piace molto il Taliercio!
Sono molto carica, ho avuto modo di fare un paio di allenamenti qui, conoscendo già Elisa Penna, alcuni membri dello staff e della dirigenza.
Ho voglia di aiutare la squadra e mettermi a disposizione. Reyer è una società molto ambiziosa e anche io lo sono, sono molto contenta.
Non vedo l’ora di iniziare, conoscere le mie nuove compagne e tutti i tifosi veneziani”.

FONTE: Umana Reyer Venezia

Commenta
(Visited 75 times, 1 visits today)

About The Author

Martino Ruggiero Nato a Taranto, trasferito a Roma tre anni fa per inseguire il mio sogno e per studiare Giurisprudenza, 21 anni. Seguo qualsiasi sport da quando sono nato. Per la pallacanestro ho fatto il giocatore, l'allenatore e il telecronista ma i tasti più consumati del mio telecomando sono quelli che mi portano al calcio. Amante delle storie sportive, da raccontare, da leggere e da ascoltare. Appassionato di viaggi, non conosco un stato d'animo diverso dall'ottimismo.