Bologna Basket-Bernareggio 82-83: quarta vittoria consecutiva per la Vaporart

Un punto. L’83-82 con cui la Vaporart Bernareggio ha messo in cassaforte la sua quarta vittoria consecutiva contro l’Allianz Bank Bologna Basket 2016 al “PalaSavena” dà conto a sufficienza di come il match sia vissuto all’insegna dell’equilibrio e della caratura che caratterizza entrambe le squadre. Bologna, sotto addirittura di quindici punti nel terzo quarto, sembrava condannata a dover subire largamente ma, nell’ultimo, ha saputo risalire la china fino a risalire a meno uno sospinta soprattutto da un ottimo Beretta che, seppur con qualche imprecisione di troppo dalla lunetta, si è rivelato nei canestri su azione cecchino implacabile. A incidere sul successo di Bernareggio che ha condannato Bologna al terzo stop di fila sono state soprattutto le impronte di fine talento realizzativo di Diouf, Aromando e Tsetserukou.

PRIMO QUARTO – Bologna deve fare i conti con le assenze per infortunio di Soviero e Felici, Bernareggio ritrova dopo molto tempo la disponibilità di Laudoni. Almansi prova da subito a movimentare il tabellone ma stecca la sua tripla dopo quindici secondi. Non sbaglia invece Laudoni che battezza il suo ritorno sul pitturato in grande stile appoggiando al vetro i primi due punti. Bologna prova a rimettersi in carreggiata con Fin ma è Aromando, su capovolgimento di fronte, a portare gli ospiti a più quattro.  In avvio il roster di coach Marco Cardani sfodera una precisione decisamente maggiore dei padroni di casa. Almansi prova l’ulteriore allungo ma fallisce, Laudoni è bravo a cogliere il rimbalzo ma non affonda la lama. Graziani porta a Bologna i primi punti della gara. Conti mette a segno un tiro libero su due e porta Bologna sotto di un solo punto: 3-4. Diouf, sottocanestro, ritraccia un minifossato di tre punti, poi ci pensa Aromando ad allargarlo superando Graziani e infilando il colpo del 3-8. Cardani inserisce Quartieri al posto di Todeschini, Bologna si rifà sotto con Conti e Fin, con una tripla, ripristina la parità a quota otto.  Bologna, galvanizzata dall’avere ripreso il match, si alza in quota per la prima volta con Graziani che acciuffa un rimbalzo di Beretta e la deposita nel secchiello. La partita, però, proprio non ne vuole sapere di avere un padrone e Aromando regala a Bernareggio la nuova parità.  Conti fallisce la tripla del possibile sorpasso felsineo, Laudoni fallisce su versante opposto sottocanestro. Dalle due panchine arriva qualche avvicendamento, Myers rileva Conti tra i felsinei, Radchenko entra al posto di Laudoni tra gli ospiti. Quartieri va alla lunetta e ne infila uno su due per il nuovo sorpasso di Bernareggio, una tripla di Radchenko  sospinge i brianzoli a quattro lunghezze di vantaggio: 10-14. Fontecchio subisce fallo da Gatti e porta a casa due tiri liberi, ne mette però a segno uno soltanto ed è 11-14. Graziani commette fallo su Quartieri che va in lunetta e movimenta di nuovo il tabellone di Bernareggio infilando entrambi i tiri liberi e portandola a più cinque di margine. Fin riavvicina Bologna ma Tsetseruokou, in avvitamento, riafferma il più cinque Vaporart. Nuova fiammata felsinea con due tiri liberi di Guerri, poi Gatti, a quaranta secondi dal termine, subendo fallo dallo stesso Guerri, va in lunetta e ne infila uno su due. Myers riavvicina Bologna a meno due e Conti suggella la parità alla fine del primo quarto: 19-19.

SECONDO QUARTO – Bologna comincia in modo allegro con brio con Beretta che sembra particolarmente ispirato: prima, pescato da Myers, porta Bologna al sorpasso (21-19), poi concede il bis allargando il fossato a favore degli emiliani. Bernareggio si riporta sotto fino a ripristinare la parità, una tripla di Myers, però, consente a Bologna di riportarsi avanti sul 28-25. Gatti replica con la stessa modalità di punteggio e ritorna la parità, poi realizza il sorpasso ospite sul 30-28. Bologna rintuzza subito il tentativo di fuga con Fin. Beretta ha la possibilità di riportare in quota i felsinei ma sui tiri liberi si rivela ancora una volta in difetto di confidenza. Bernareggio prova ad approfittarne ma sia Almansi con un tentativo di tripla sia Diouf con un tapin volante non sfondano. Graziani subisce fallo da Laudoni  e Bologna si ripresnta alla lunetta, ne segue due su due e i felsinei si rialzano sul 32-30. Bianco fallisce la tripla del possibile allungo, su opposto versante Laudoni ringrazia e ripa reggia. Bologna di nuovo avanti di tre con Fin su recupero di Costantini . Cardani chiama il timeout di Bernareggio per riordinare un po’ le idee con i suoi. Al rientro Laudoni ripristina la parità a quota 35. Una schiacciata di Diofu riporta gli ospiti avanti, Fontecchio, con un tiro libero, riporta Bologna a un solo punto di ritardo. Baldini riporta Bernareggio in miniallungo e potrebbe completare il gioco da tre ma non riesce nell’intento. Radchenko, che nell’occasione si infortuna perdendo anche sangue ma ritornando per fortuna in campo qualche minuto dopo, commette fallo su Beretta regalandogli due tiri liberi. Anche in questo caso, però, il bolognese non ne sa approfittare dimostrando la sua serata storta dalla linea della carità. Ka si aggiudica un rimbalzo e porta Bernareggio a più cinque, stavolta è Rota a chiamare il timeout. Beretta porta Bologna sul 38-41 ma Bernareggio si riporta in fuga con una tripla e all’intervallo lungo ci arriva avanti per 44-38.

TERZO QUARTO – Beretta ferma fallosamente Tsetseroukou che va in lunetta e ne segna due su due, Beretta riporta Bologna a meno sei. Tsetserukou ci prende gusto e affonda di nuovo la lama per il 48-40 ospite e poi, non contento, piazza anche il colpo del più dieci dei brianzoli con un canestro da posizione piuttosto complicata. Bologna pare essere entrata a marcia lenta ma ha modo di riscattarsi con una bomba da tre di Graziani che la fa rifiatare. Laudoni, però, rialza Bernareggio in quota sul 54-43. La partita diventa una sorta di botta e risposta: Fontecchio riporta i felsinei a meno nove. Rota vuole incrementare il potenziale realizzativo e decide di inserire Myers in luogo di Conti. Bernareggio, però, allunga ulteriormente con una schiacciata di Aromando. I brianzoli sembrano intenzionati a chiuderla con largo anticipo e lo dimostrano prima con Almansi su assist di Laudoni e poi assestando il colpo del più quindici, vantaggio massimo della gara. Beretta prova a far rientrare Bologna in partita: 47-60 al 5’. Una tripla di Conti riavvicina ulteriormente la squadra di Rota, Todeschini, però, riporta Bernareggio alla realizzazione con immediata risposta di Conti. Myers lascia intendere che i padroni di casa non sono ancora al tappeto e sigla il canestro del meno sette, Cardani fiuta il pericolo di ripresa di Bologna e chiama il timeout. Dopo una doppia stecca di Laudoni dalla linea della carità, Gatti in contropiede risospinge Bernareggio a più nove. Beretta rimanda Bologna a meno sette a un minuto e dieci secondi dal termine del quarto, Diouf risponde subito per i brianzoli. Conti subisce fallo da Baldini e si prende due liberi mandando a bersaglio entrambi ed è il 59-66, punteggio con cui si chiude il terzo quarto a favore degli ospiti.

ULTIMO QUARTO – Beretta, servito da Fontecchio, riporta Bologna a meno cinque. Diouf replica dopo un pick and roll con Quartieri. Diouf, ben pescato in profondità, manda Bernareggio a più nove sul 70-61 e completa dalla lunetta il gioco da tre. Beretta riavvicina Bologna a meno sei, Bernareggio sembra sentire il peso della pressione psicologica di dover gestire il vantaggio e Fontecchio, in contropiede, sigla il canestro del meno quattro. Baldini fa rifiatare Bernareggio, Beretta, su opposto fronte, è bravo a prendersi un rimbalzo su tiro sbagliato di Conti e sigla il canestro del meno quattro: 69-73. La partita sembra ancora aperta a ogni soluzione, Tsetserukou fa respirare Bernareggio mettendone uno su due dalla lunetta e poi porta i suoi all’ulteriore allungo: 69-76. Bologna si rifà sotto con una tripla di Myers ma Tsetserukou, con una conclusione in girata, rimanda Bernareggio a più sette dopo avere perfezionato la sua intuizione cestistica con un gioco da tre. Beretta smette finalmente di litigare con i tiri liberi e riporta Bologna a meno quattro: 74-79.  Tsetseroukou, dall’altra parte, ne realizza uno su due. Graziani indovina la bomba del meno tre e Bologna è ancora in partita. Conti porta un ulteriore riavvicinamento: 79-80. Bologna dimostra di volerci credere fino in fondo brava come è stata a erodere tutto il vantaggio accumulato da Bernareggio.   Todeschini porta con una tripla la Vaporart a più quattro. Bologna chiama il timeout a un minuto e diciassette secondi dal termine. Graziani manda a bersaglio due tiri liberi dalla lunettav e Bologna è a un punto soltanto. Cardani spende il timeout. Laudoni subisce fallo da Graziani e potrebbe chiudere il discorso dalla lunetta ma sbaglia entrambi i tiri. Myers ne fa uno su due su opposto fronte e Bologna è sempre a meno uno: 82-83.  Nuovo timeout di Cardani a un sussurro dall’ultima sirena, Conti fallisce la tripla finale che potrebbe regalare a Bologna la clamorosa vittoria e Bernareggio può festeggiare dopo qualche brivido imponendosi per 83-82.

 

TABELLINO

ALLIANZ BANK BOLOGNA BASKET 2016: Beretta 20, Conti 14, Graziani 14, Myers 14, Fin 12, Fontecchio 6, Guerri 2, Costantini, Bianco, Besozzi. Coach: Flavio Rota.

Tiri liberi 14 su 23, rimbalzi 36 (Beretta 13), assist 16 (Myers, Fontecchio 4).

VAPORART BERNAREGGIO: Diouf 13, Aromando 12, Tsetserukou 11, Todeschini 10, Laudoni 9, Gatti 9,Baldini 7, Quartieri 5, Radchenko 3, Almansi 2, Ka 2, Ghedini. Coach: Marco Cardani.

Tiri liberi: 10 su 19, rimbalzi 43 (Diouf 12), assist 19 (Todeschini 6).

 

ARBITRI

Luca Attard di Priolo Gargallo (SR) e Antonio Giunta di Ragusa

 

Cristiano Comelli     

Commenta
(Visited 47 times, 1 visits today)

About The Author

Enrico Pecci Classe ’96, proveniente da quel favoloso luogo chiamato Marche (provare per credere), studente di Scienze della Comunicazione ed appassionato di calcio quanto di basket. Collaboratore per nba24.it e tuttobasket.net, sognando un futuro in cui scrivere di sport, basket e calcio in particolare, sia un lavoro oltre che una passione. Appassionato di basket sin dai primi passi mossi nel parquet dal Re, King LeBron James. #IPromise.