Bramos è glaciale e Venezia strappa il fattore campo, Tortona ko in gara-1

La Reyer prova immediatamente ad allungare sul +5 ma Tortona risponde con l’esperienza di Wright e Cain, prima di tentare la fuga a sua volta con la tripla di Cannon che vale il 22-18 dopo i primi dieci minuti.

Mascolo firma il +8, una tripla di Mazzola e un gioco da tre punti di Vitali annullano tutto quanto, poi è Theodore a realizzare la tripla del nuovo vantaggio ospite. Watt si fa sentire sotto i tabelloni, ci pensano prima Wright a ridare fiducia alla Bertram e poi una magia di Macura con recupero e tripla in transizione a riportare i piemontesi avanti: 37-35 a metà gara.

L’equilibrio regna sovrano anche nel corso del terzo periodo con le squadre sul 53-54 a meno di un minuto dalla fine della frazione, ma in una manciata di secondi la Reyer prova a dare la spallata: appoggio di Tonut, fallo in attacco di Cannon e tripla pesante di Stone, +6 per i veneti dopo mezzora di gioco.

La difesa degli ospiti serra i ranghi e Bramos firma il +8, Macura e Wright tengono però accese le speranze della Bertram, 61-65 quando restano meno di quattro minuti da giocare. Tripla pesantissima ancora di Bramos, Macura si fa fischiare un fallo tecnico e la Reyer prova a fuggire nuovamente sul +8. Daum spara da lontano il -5, ancora Bramos risponde, Tortona spreca due tiri per accorciare ulteriormente e Watt non perdona realizzando il 64-73, Theodore la chiude con la penetrazione del vantaggio in doppia cifra. Termina 66-77.

Appuntamento con gara-2 martedì alle 20:00.

TABELLINI

BERTRAM DERTHONA BASKET TORTONA: Mortellaro ne, Wright 16, Cannon 5, Tavernelli, Filloy 5, Mascolo 8, Cattapan ne, Severini 2, Sanders 2, Daum 4, Cain 10, Macura 14. Coach Ramondino.

UMANA REYER VENEZIA: Stone 3, Bramos 13, Tonut 13, De Nicolao, Echodas ne, Morgan 5, Mazzola 6, Brooks 6, Theodore 13, Cerella ne, Vitali 3, Watt 15. Coach De Raffaele.

Commenta
(Visited 46 times, 1 visits today)

About The Author

Massimo Furlani Nato a Trento nel 1998, laureato in Studi Internazionali e aspirante giornalista. Malato del basket tanto italiano quanto americano, Dwyane Wade e Steve Nash gli idoli.