San Giobbe Chiusi, il DS Giulio Iozzelli premiato come Dirigente dell’anno in Serie B Old Wild West

Lega Nazionale Pallacanestro comunica l’assegnazione del titolo di Dirigente dell’anno in Serie B Old Wild West per la stagione sportiva 2020/2021, Premio “Gabriele Fioretti”, a Giulio Iozzelli, direttore sportivo dell’Umana San Giobbe Basket Chiusi. Nello scorso torneo i toscani, alla prima esperienza in Serie B, hanno ottenuto la promozione in A2, superando in finale, in cinque gare, la Moncada Agrigento. Il premio viene assegnato nel ricordo di Gabriele Fioretti, general manager di Pallacanestro Biella e nel mondo della pallacanestro come giornalista e dirigente, scomparso nel novembre 2014 all’età di 39 anni.

Iozzelli, pistoiese, 57 anni, ha avuto un’esperienza quasi trentennale come dirigente sportivo nella sua città natale, inizialmente all’Olimpia Pistoia Basket, ed in seguito alla Pistoiese Calcio. Dal 2003 al 2019 ha ricoperto ruoli all’interno del Pistoia Basket 2000, con due promozioni, in Legadue nel 2007 ed in Serie A nel 2013, e disputando per sei stagioni la Serie A, con due partecipazioni ai playoff. Dopo un’esperienza come consulente per i progetti area sportiva di LBA, Iozzelli è divenuto direttore sportivo del San Giobbe Chiusi nel giugno 2020.

La San Giobbe Basket è Società appartenente al Progetto Reyer, iniziativa promossa dalla Società veneziana Umana Reyer, con oltre 30 Società raggruppate sul territorio nazionale. In questa nuova stagione di A2 Chiusi, che giocherà le gare interne al PalaPania struttura inaugurata lo scorso giugno, ha già saputo raggiungere le semifinali di Supercoppa.

Iozzelli riceverà il riconoscimento in occasione della presentazione della stagione LNP 2021/2022, il prossimo 1° ottobre.

Comunicato a cura di Ufficio Stampa LNP.

Commenta
(Visited 24 times, 2 visits today)

About The Author

Gianluca Zippo Nato a Formia il 13/01/1988. Laureato in Giurisprudenza presso la Federico II di Napoli, già collaboratore e redattore per Teladoiolamerica.net e Road2sport.com, il calcio, l’NBA e la F1 sono la mia malattia, ma il mondo dello sport mi affascina a 360°.