CJ Taranto, il primo tassello del roster è la conferma di Conte

L’ultimo ad arrivare la scorsa stagione, il primo a far parte del roster 2022/23. Il CJ Basket Taranto è lieto di annunciare in Gianmarco Conte il primo tassello della nuova squadra per il campionato di serie B che inizierà ai primi di ottobre. Taranto quindi riparte da un tarantino. E che tarantino, un segnale importante quello del presidente Sergio Cosenza e del vicepresidente Roberto Conversano che ripartono da un prodotto del vivaio Virtus Taranto tornato lo scorso inverno a casa, a vestire la sua casacca rossoblu numero 10.

 

Gianmarco Conte è una guardia-ala; è nato il 29 aprile 1997 a Taranto, 191 cm per 87 kg. Ha iniziato a palleggiare con la Virtus Taranto compiendo tutta la trafila giovanile con grandi successi, in ambito locale e nazionale in quella grande nidiata che ha segnato una nuova generazione per la pallacanestro tarantina. Parallelamente Gianmarco ha debuttato in prima squadra con il Cus Jonico Basket Taranto impegnato in quegli anni proprio in serie B aumentando di stagione in stagione i suoi minuti a referto. Nel 2017 Conte lascia Taranto e gioca sempre in B una stagione da 6.6 punti in 23′ di media a partita a Costa Volpino. Quindi due annate alla Tramarossa Vicenza ancora con buone medie, 6.2 punti in 17 minuti di media il primo anno, 6.7 in 22′ il secondo. Due anni fa ha giocato invece a Senigallia, ancora in B con 8.7 punti di media in 24′. Mentre l’inizio della scorsa stagione lo ha giocato a Pavia nella Riso Scotti nel girone A.

Ma con Taranto ed il CJ Basket in particolare il legame di Conte è sempre stato molto stretto. Proprio due estati fa Gianmarco ha cominciato la preparazione con la squadra di coach Olive disputando anche la Supercoppa. Ironia della sorte ai playoff di quella stagione ha incrociato le scarpette proprio contro i rossoblu al primo turno, dando filo da torcere e trascinando Senigallia con 13.7 punti in 35′ di media a partita, arrendendosi con l’onore delle armi in gara 4 dopo aver violato il Palafiom in gara2. Dopo la parentesi a Pavia di inizio stagione il richiamo di Taranto, di casa, del CJ Basket che lo ha riportato in riva allo Ionio. Gianmarco è andato in crescendo, tra i migliori nel finale di stagione tra gli uomini di Olive.

Ed è da lì che ripartirà grazie al lavoro del direttore sportivo del CJ Taranto, Vito Appeso e con la rinnovata disponibilità dell’agente del giocatore, Massimo Minto, che la società rossobolu ringrazia.

 

Queste le parole di Conte ancora, nuovamente, sempre con la canotta rossoblu:

Gianmarco, sei di fatti il primo tassello del nuovo CJ 2022/23, è un onore particolare esserlo da tarantino e in fin dei conti da ultimo arrivato?

Sono molto contento di essere il primo tassello e che la società abbia deciso di investire su di me. Giocare per la maglia della propria città come già detto al mio ritorno a Taranto ha un sapore unico e speciale.

La scorsa stagione sei stato il rinforzo di mercato invernale, il tuo rendimento è stato in crescendo. A freddo come giudichi la tua stagione e quella del CJ?

Il bilancio della scorsa stagione è di certo positivo, il girone di ritorno è stato eccellente, nei playoff abbiamo lottato e cercato di dare il massimo, abbiamo beccato in post season la squadra più forte, Rimini, uscendo a testa alta, contro un roster che ha poi meritato la promozione. Per quanto riguarda la mia stagione personale, ho ritrovato fiducia e serenità che mi erano mancate nella prima parte di stagione, credo di aver aiutato il gruppo ad alzare il livello e raggiungere l’obiettivo.

Il mercato è cominciato da poco, che stagione pensi possa essere e che CJ nascerà secondo te?

So che lo staff e la società stanno lavorando duramente per creare un roster di livello in grado di competere con le squadre più forti come succede del resto da due anni a questa parte.

 

Ufficio Stampa CJ Taranto

Commenta
(Visited 34 times, 1 visits today)

About The Author

Gennaro Dimonte Nato a Barletta nel 1994. Prossimo alla laurea in Scienze della Comunicazione e aspirante giornalista. Si divide tra la palla a spicchi e il calcio, con i miti di Carmelo Anthony e Del Piero nel cuore. Grande appassionato di NBA, spera di rivedere i suoi Knicks tra le grandi.