Coach Fanciullo rimarrà alla Stella Azzurra Viterbo per il nono anno consecutivo

Nono anno di Stella Azzurra Viterbo per Umberto Fanciullo.
Ovvia la riconferma da parte della società viterbese in considerazione degli ottimi risultati sempre ottenuti dal coach, che anche nell’ultimo campionato interrotto nella prima settimana di marzo aveva condotto i suoi ragazzi in testa alla classifica della C Gold Lazio.
Entrato nel 1983 nel mondo del basket da giocatore sempre nel ruolo di playmaker, è partito da Guidonia, sua città natale, che ha guidato sin dal 1996 per poi arrivare a Viterbo nella stagione 2012/2013 quale assistente di Pierpaolo Pasqualini.
23 anni di tessera da allenatore, prima nel minibasket e nei settori giovanili, poi in D, C, con tre stagioni in B alla guida dei biancostellati. Nel suo bagaglio professionale anche un’esperienza annuale da assistente in B femminile.
Dal 2018 la società di via Monti Cimini gli ha anche affidato la responsabilità del proprio settore giovanile dove, in collaborazione con le ANTS di Mariachiara Scaramuccia, le due maggiori società viterbesi di basket maschile e femminile hanno dato vita ad un progetto per la valorizzazione dei giovani che ha permesso per la prima volta a due squadre locali di accedere ai campionati di Eccellenza.
Allenatore tra i più apprezzati, Fanciullo è un professionista in costante aggiornamento. Ormai da tre anni vola in Spagna per partecipare ai clinic diretti da Sergio Scariolo e seguire sul campo gli allenamenti, le tecniche e le metodologie sia della nazionale iberica che del Real Madrid.
Fanciullo è attivo anche nella produzione di volumi tecnici sul basket, ed ha pubblicato lo scorso anno “The Program San Antonio Spurs”, un libro sulle filosofie di gioco di uno dei più grandi team della NBA.
Al Coach va il migliore augurio per la prossima stagione.
FONTE: Stella Azzurra Viterbo
Commenta
(Visited 22 times, 1 visits today)

About The Author

Martino Ruggiero Nato a Taranto, trasferito a Roma tre anni fa per inseguire il mio sogno e per studiare Giurisprudenza, 21 anni. Seguo qualsiasi sport da quando sono nato. Per la pallacanestro ho fatto il giocatore, l'allenatore e il telecronista ma i tasti più consumati del mio telecomando sono quelli che mi portano al calcio. Amante delle storie sportive, da raccontare, da leggere e da ascoltare. Appassionato di viaggi, non conosco un stato d'animo diverso dall'ottimismo.