Cus Torino, la vittoria a Moncalieri vale il primato

Ancora una prova di personalità e spiccata identità tecnica. Il Mastro Viaggiatore espugna il PalaEinaudi e, complice il turno di riposo del Langhe Roero, lo raggiunge in vetta alla classifica del girone A e lo sorpassa in virtù della migliore differenza-canestri negli scontri diretti.
A Moncalieri al cospetto di un Campus volitivo, i ragazzi di coach Porcella mischiano per tutti i 40 minuti rapidità di esecuzione, lucidità nelle scelte ed efficacia, prendono il comando delle operazioni fin dal primissimo secondo e all’inizio della ripresa piazzano la sgasata che li fa viaggiare veloci verso l’undicesima affermazione stagionale.
I biancoblù svelano in fretta e senza tanti tatticismi il loro piano-gara: controllo dei rimbalzi difensivi e del ritmo, ma soprattutto grandissime energia, unità d’intenti e un sistema difensivo che non mostra crepe.
Tripla di Fantolino, contropiede di Marangon, il Campus sbatte a ripetizione contro il muro biancoblu e al terzo, sullo 0-9, è già costretto al timeout dopo un piazzato da sinistra di Conti con i piedi sull’arco e un canestro da sotto di Bonadio.
Il primo punto del dei padroni di casa arriva dalla lunetta, al 5′, subito compensato da un contropiede di Petitti.
Coach Danna le prove un po’ tutte, alza il quintetto e qualche granello nell’ingranaggio cussino riesce alla fine a metterlo: i 3 del 6-11 sono di Bartoccini. Il CUS mette alle spalle un paio di di perse banali con una bomba di capitan Fantolino, ma deve fare i conti con il gioco mani-addosso degli avversari. Il quarto lo chiude Boglione con il canestro del 10-18.
Al ritorno in campo il Mastro Viaggiatore è determinatissimo: doppio assist di Petitti per Conti, che in entrambe le occasioni si fa trovare pronto a finalizzare. Il Campus vede ancora schermati tutti gli sbocchi e sul ribaltamento Fantolino attacca deciso il ferro per l’appoggiata del 10-24 che costringe gli ospiti alla rincorsa. Akoua, il migliore in campo, è un baluardo insormontabile della prima linea arretrata, sempre Fantolino disegna il contropiede del 12-26.
Senza alcuna inerzia, i padroni di casa subiscono ancora: passaggio d’oro di Miranda Camejo per Matteo Porcella e distacco che si solidifica: 12-28 al 24′.
L’intensità si mantiene altissime e le perse si sprecano, da una parte e dall’altra, ma il CUS è spietato e, con Bonadio e un’entrata dell’ottimo Miranda Camejo sale sul +20: 16-36 al 17′.
Il giocatore cubano fa valere tutto il suo atletismo e guadagna due viaggi a lunetta (1 su 4 il fatturato), il Campus gioca dentro per i tagli dentro di Elkazevic, Bonadio respinge la timida minaccia: 24-39 alla pausa.
L’inizio del secondo tempo del Mastro Viaggiatore è da incorniciare: triplona di Petitti, la diga biancoblu produce l’ennesima forzatura altrui che Bonadio traduce sull’altro lato del rettangolo. Rimasto negli spogliatoi, il Campus subisce un altro contropiede da Petitti: 24-46.
Poi per un paio di minuti i cussini alzano il piede dall’acceleratore, la Novipiù rientra al massimo a -17.
Metabolizzato il calo di tensione e gli annessi potenziali rischi, il CUS riparte a mille.
Rimbalzo offensivo di Tatsoptsa e poi coppia di liberi di Akoua, e per due volte il tabellone dice +21: 34-55 al 27′.
Marangon fa saltare ben due difensori con una finta e deposita dolce dall’angolo il tiro del 34- 57 al 28′.
Poco prima della terza sirena i padroni di casa lanciano segnali di presenza, ma Fantolino, con un mezza appoggiata laterale di pura classe, e Tatsoptsa, con un movimento in avvicinamento, fissano il parziale a 40-61.
L’ultimo periodo inizia con tre minuti in bianco, li colora Conti, che si apre sul lato sinistro e traduce i tre del 42-64. Il CUS tiene tutto sotto controllo ancora grazie alla protezione forte del canestro e alla vivacità in attacco di Miranda Camejo.
NOVIPIÙ CAMPUS PIEMONTE-MASTRO VIAGGIATORE CUS TORINO 51-71
Parziali: 10-18, 24-39, 40-61
CAMPUS: Bertino 2, Makke 7, Bartoccini 7, Castellino 2, Bosco 6, Fracasso 9, Osatwna, Elkazevic 7, Perillo, Corgiat 4, Obakhavbaye 7. All. Danna F.
CUS TORINO: Conti 12, Porcella M. 2, Nicoletti, Petitti 7, Akoua 9, Fantolino 14, Miranda Camejo 7, Tatsoptsa 4, Boglione 4, Bonadio 8, Porcella An., Marangon 4. All. Porcella Al. Ass..Subbiani.
Commenta
(Visited 37 times, 1 visits today)

About The Author

Gennaro Dimonte Nato a Barletta nel 1994. Prossimo alla laurea in Scienze della Comunicazione e aspirante giornalista. Si divide tra la palla a spicchi e il calcio, con i miti di Carmelo Anthony e Del Piero nel cuore. Grande appassionato di NBA, spera di rivedere i suoi Knicks tra le grandi.