Teodosic e Belinelli ce la mettono tutta, ma la Virtus perde anche Gara-3. In finale va Kazan

Virtus Segafredo Bologna vs UNICS Kazan: 100 – 107
(Q1 21 – 21; Q2 48 – 46; Q3 67 – 73)

Virtus Segafredo Bologna: Abass 2; Pajola; Alibegovic 6; Markovic 3; Ricci 8; Adams 10; Belinelli 24; Hunter 13; Weems 8; Nikolic NE; Teodosic 25; Gamble 1. Coach: Djordjevic

UNICS Kazan: Brown 20; Antipov NE; Canaan 9; Zhbanov; Wolters 17; White 22; Klimenko NE; Uzinski 0; Smith 24; Morgan 1; Holland 14; Theodore. Coach: Prifitis

Arbitri: Radovic, Vilius, Racys

La partita. Gara-3, semifinale di EuroCup, la partita più attesa da tutto il popolo virtussino. Chi vince stasera parteciperà all’Eurolega della prossima stagione.

Teodosic guida gli attacchi bianconeri, Ricci trova il tiro dalla distanza e Weems corregge il tentativo di Gamble, 11 a 6 dopo 4′ dalla palla a due. Buon inizio della Segafredo che costringe Kazan a chiamare il primo time out della gara. Weems taglia al centro dell’area e segna su assist di Teodosic, due punti per Ricci e la Virtus prova a piazzare il primo allungo (15-9) a 3′ e 32” dalla prima sirena. 2/2 di Hunter dalla lunetta, grande intercetto sempre del numero 32 che si lancia da solo in contropiede, scarica per Alibegovic che scarica per il più facile dei canestri, tripla di Wolters per il -5 e Coach Djordjevic chiama il time out a meno di 2′ dalla fine dei primi dieci minuti di gioco. Ancora Brown dalla lunetta (2/2), Alibegovic emula il suo avversario (2/2) e si entra nell’ultimo minuto di gioco. Tripla di Wolters e pareggio dell’ex Brindisi, 21 a 21 il punteggio alla prima sirena. Alibegovic apre le danze nel secondo quarto, schiacciata su assist di Hunter, pareggio immediato di Smith, 2/2 di Abass ai liberi, inizio di quarto che si preannuncia scoppiettante. Pareggio di Holland e Smith trova il primo vantaggio della gara, 25 a 28, Belinelli accorcia immediatamente le distanze e poco dopo trova la tripla del conseguente vantaggio (30-29). Morgan è costretto a lasciare il campo dopo un infortunio, 5’e 48” alla seconda sirena. Partita che prosegue combattuta punto a punto, con Teodosic che trova la tripla. La partita è tesissima, coach Pfitris prende anche tecnico. Markovic mette una tripla da nove metri, e poi stoppa Canaan con urlo incorporato. L’Unics però risponde colpo su colpo, con le triple e con un Brown davvero ispirato. 48-46 a metà, con liberi finali di Belinelli.

Secondo tempo che trova il pareggio immediato di Kazan, 1/2 dalla lunetta per Gamble, tripla di Teodosic a cui risponde Wolters per il 52-53 avversario. Smith allunga il vantaggio, Teodosic risponde, White prima e Hollande portano sul +6 l’UNICS e la panchina bianconera chiama il time out a 6′ e 27” dalla terza sirena. Tap in vincente di Weems, risposta nel pitturato di Brown, e tripla di Smith per il +9. 1/2 di Ricci, schiacciata di Hunter, Adams e Teodosic riportano in vita la Virtus, 63 a 68 il punteggio a meno di 2′ dalla fine. Tripla di Holland, 2/2 di Teodosic dalla lunetta che vale il -5 della Segafredo. Ormai è una gara di nervi questa terza frazione, i giocatori smuovono la partita penetrando in area e conquistando irregolarità, è il turno di Adams che fa 2/2, 67 a 71 quando inizia l’ultimo minuto dl terzo quarto. L’ultimo canestro è di Smith, 67 a 73 e terza sirena. Le triple di Adams e Belinelli tengono i bianconeri in linea di galleggiamento. Dietro però la difesa non tiene, e White e Smith rispondono con la stessa moneta. E così a 5’ dalla fine i bianconeri sono ancora a -7 (78-85). E quando si accende Wolters, è finita davvero. Nel finale ci provano Teodosic e Belinelli, ma l’ultima fiammella di speranza si spegne su un rimbalzo offensivo concesso e una tripla da nove metri di Canaan. Finisce 100-107.

Comunicato a cura di Ufficio Stampa Virtus Segafredo Bologna.

Commenta
(Visited 68 times, 1 visits today)

About The Author

Gianluca Zippo Nato a Formia il 13/01/1988. Laureato in Giurisprudenza presso la Federico II di Napoli, già collaboratore e redattore per Teladoiolamerica.net e Road2sport.com, il calcio, l’NBA e la F1 sono la mia malattia, ma il mondo dello sport mi affascina a 360°.