EuroCup, la Reyer ospita il Lubiana. Tucci: "Impegno tra i più duri dal punto di vista fisico"

Preview

Mercoledì 2 ottobre alle 20.15 l’Umana Reyer torna in campo per il Round 4 di 7Days Eurocup al Taliercio. Gli orogranata proveranno a dare continuità al successo a Cluj-Napoca cercando la seconda vittoria nella competizione europea. L’avversario è l’ambiziosa Olimpia Lubiana che l’Umana Reyer ha già affrontato nella passata stagione (bilancio 1-1) dove gli sloveni hanno chiuso la competizione ai quarti di finale, uscendo all’ultimo tiro con il Frutti Extra Bursaspor.

Non ci sono ex da entrambe le parti, ma l’Olimpia schiera diversi giocatori che hanno militato nel campionato italiano come Adams e Alibegovic (Virtus Bologna), Dragic (Trieste) e Omic.

Il commento di Gianluca Tucci

Lubiana ha in Ferrell e Adams (31 punti di media totali) i due esterni più prolifici, molto rapidi e ottimi tiratori dalla distanza. Il pacchetto esterni dei titolari è completato da Jeremic, difensore eccellente e dotato di costante tiro da 3 punti. Sotto canestro c’è una abbondanza di lunghi di stazza (ben 6 giocatori oltre i 205 cm) con Omic titolare, esperto giocatore ex Eurolega. Un ruolo chiave è rappresentato dalla coppia Muric – Alibegovic, numeri 4 con tiro mortifero da 3 punti. Dalla nostra parte, sarà un impegno tra i più duri dal punto di vista fisico, quindi credo che sotto i tabelloni si deciderà gran parte dell’esito del match. Per competere a rimbalzo e in area in generale avremo assoluto bisogno anche del contributo dei nostri esterni”.

Info biglietti

ntero – 19,00 euro
Under 24 – 9,00 euro
Under 13 – 7,00 euro
Reyer Ladies – 10,00 euro

Punti vendita abilitati:

– Reyer Store del Taliercio, dalle 16.30 alle 19.30
– rivenditori autorizzati, lista QUI
– online

Commenta
(Visited 32 times, 1 visits today)

About The Author

Gianluca Zippo Nato a Formia il 13/01/1988. Laureato in Giurisprudenza presso la Federico II di Napoli, già collaboratore e redattore per Teladoiolamerica.net e Road2sport.com, il calcio, l’NBA e la F1 sono la mia malattia, ma il mondo dello sport mi affascina a 360°.