7DAYS EuroCup, Trento cede il passo al Turk Telekom Ankara (70-76)

Una Dolomiti Energia Trentino tutto cuore, nervi e “gioventù” lotta per 40’ contro il Turk Telekom Ankara ma cede 70-76 nel Round 7 di 7DAYS EuroCup: i bianconeri trovano nell’energia e nel piglio dei suoi giovani Conti e Ladurner, oltre che nel carattere “dell’eterno giovane” capitan Forray le risorse fisiche e mentali per rimontare il -13 di metà terzo quarto, ma negli ultimi 3’ con il match punto a punto falliscono un paio di occasioni per pareggiare.

Ai bianconeri non sono bastati i 21 punti di Cameron Reynolds (7/17 dal campo e tre rimbalzi) e la doppia-doppia furiosa di Jordan Caroline (20 punti e 12 rimbalzi), unici due giocatori in doppia cifra a referto in una serata che si chiude con il 37% da due (18/48) e il 22% da tre (4/18). L’Aquila cattura 17 rimbalzi in attacco, ma arriva solo a sfiorare il secondo successo stagionale in coppa.

La cronaca | Coach Molin ritrova il suo quintetto base abituale, ma a partire meglio è il Turk Telekom che con i tiri di Harrison e Johnson arriva a metà del primo quarto avanti 4-10. L’Aquila fatica a trovare ritmo offensivo, ma dopo il timeout di coach Molin (arrivato con Trento sotto di 8) Reynolds e Conti segnano cinque punti consecutivi che rianimano i bianconeri. Una stoppata di Bradford con la schiacciata dello stesso numero 1 bianconero dall’altra parte del campo è la sequenza che chiude il primo quarto (15-17). Conti pareggia subito a quota 17, ma Johnson è una furia e apre un break in favore degli ospiti interrotto solo dal secondo timeout chiamato da coach Molin (21-31). L’energia di Caroline (10 punti nel secondo quarto) e un paio di iniziative di capitan Forray avvicinano Trento, ma a metà partite i turchi sono ancora avanti 31-36.

Ankara piazza un’altra accelerata ad inizio terzo quarto che la lancia a +12 (36-48 e altro timeout di coach Molin), la Dolomiti Energia lotta ma due triple di Dawkins e Ogut sullo scadere dei 24” fanno malissimo agli sforzi di rimonta dei padroni di casa (44-56). La bomba di capitan Forray chiude il terzo quarto sul 49-58. Il quintetto con Bradford e quattro italiani produce dividendi, e dopo Conti è Ladurner a segnare un bel tiro dalla media per il -3 (59-62). Una tripla e un appoggio di Reynolds tengono Trento a un tiro di distanza, ma negli ultimi tre minuti i bianconeri falliscono un paio di volte il canestro del pareggio e il Turk Telekom capitalizza tre liberi di Engindeniz e resiste all’assalto finale dei trentini (70-76).

TABELLINI

Dolomiti Energia Trentino 70

Turk Telekom Ankara 76

(15-17, 31-36; 49-58)

DOLOMITI ENERGIA TRENTINO: Bradford 6, Williams 4, Reynolds 21, Conti 6, Forray 7, Flaccadori 2, Saunders, Mezzanotte, Ladurner 4, Caroline 20. Coach Molin.

TURK TELEKOM ANKARA: Harrison 4, Clemmons 2, Gulasan 8, Geyik 6, Demir 8, Dawkins 15, Johnson 12, Engindeniz 11, Ogut 10, Gozeneli ne, Donat ne. Coach Volkan.

Le parole di coach Lele Molin | “La squadra oggi ha fatto fatica per tutti i 40’ sotto il profilo dell’energia e della concentrazione: anche quando nel secondo tempo con il contributo dei giocatori usciti dalla panchina abbiamo avuto una reazione non siamo riusciti a mettere Ankara in difficoltà o sotto pressione. Può succedere quando si giocano tante partite ravvicinate, ma oggi sono critico nei confronti dei miei giocatori, e non è un discorso di stanchezza: oggi non abbiamo avuto la mentalità giusta e non abbiamo mostrato voglia di competere, mettendo in campo una prestazione mediocre”.

La prossima | I bianconeri domenica 19 dicembre giocheranno al PalaBarbuto di Napoli contro la Gevi padrona di casa nel 12esimo turno di campionato LBA Serie A UnipolSai: palla a due alle 17.00, diretta Discovery+ ed Eurosport Player.

Comunicato, tabellini e dichiarazioni a cura di Ufficio Stampa Aquila Basket Trento.

Commenta
(Visited 50 times, 1 visits today)

About The Author

Gianluca Zippo Nato a Formia il 13/01/1988. Laureato in Giurisprudenza presso la Federico II di Napoli, già collaboratore e redattore per Teladoiolamerica.net e Road2sport.com, il calcio, l’NBA e la F1 sono la mia malattia, ma il mondo dello sport mi affascina a 360°.