7DAYS EuroCup, la Reyer si butta via in Germania. Ulm risale dal -23 e la vince all'overtime (90-83)

Parziali: 13-19; 28-49; 57-64; 76-76

Ratiopharm: Christon 19, Felicio 12, Blossomgame 17, Guenther, Stoll ne, Rataj, Bretzel 5, Herkenhoff 4, Klepeisz 10, Krimmer, Jallow 18, Zugic 5. All. Lakovic.
Umana Reyer: Stone 6, Tonut 15, Daye 14, Sanders 1, Phillip 12, Charalampopoulos 14, Mazzola 8, Brooks 6, Vitali 7, Cerella ne, Watt. All. De Raffaele.

Dopo un primo tempo pressoché perfetto, l’Umana Reyer subisce nella ripresa la reazione del Ratiopharm Ulm e alla fine torna dalla trasferta tedesca di 7Days EuroCup sconfitta al supplementare per 90-83. Tre le assenze (Bramos, Echodas e De Nicolao) e starting five con Stone, Tonut, Vitali, Mazzola e Watt. Le difficoltà orogranata in attacco (primo canestro, la tripla di Vitali al 2′) permettono a Ulm di portarsi sull’8-3 al 3′, poi segna Mazzola da 3, ma Watt spende il secondo fallo già al 4′. Entra Daye ed è lui, al 5’30”, a siglare il primo sorpasso: 10-11. La difesa dell’Umana Reyer sale di tono e, dal 12-12 del 7′, si arriva così al 13-19 firmato nell’ultimo possesso da Charalampopoulos con una tripla.

Proprio difesa e triple trainano gli orogranata a inizio secondo quarto. Se si esclude un canestro da 3 di Zugic e un gioco da tre punti di Christon, Ulm segna solo dalla lunetta, nei primi 8′. L’Umana Reyer, invece, migliora ancora l’ottimo 4/8 dall’arco del primo quarto con un 7/7 (2 di Daye, 2 di Charalampopoulos, più Philip, Mazzola e Stone) per volare sul 22-42 al 15’30”. Il margine viene ulteriormente incrementato dal greco un minuto dopo (22-44), poi Ulm alza l’intensità difensiva e si riavvicina sul 28-44 trascinata da Christon, Il finale di tempo, comunque, è di nuovo orogranata, con Philip che, da recupero, sulla sirena manda le squadre negli spogliatoi sul 28-49.

La ripresa inizia bene (recupero e contropiede chiuso da Tonut per il 28-51), ma poi scendono le percentuali e Jallow trascina il 9-0 per il 37-51 al 22’30”. Tonut mette anche una tripla, ma i canestri orogranata sono estemporanei e Ulm prende inerzia e coraggio, tornando a -10 (46-56) a metà quarto. Brooks e Vitali provano a ridare fiato all’Umana Reyer (46-60 al 26’30”), ma al 38′ è 53-60 e, nonostante un’invenzione di Phillip e un recupero con schiacciata di Vitali, è +7 (57-64) anche all’ultimo intervallo.

Le seconde linee tedesche continuano il buon momento di Ulm, che arriva a -1 (63-64) al 32’30”. Charalampopoulos dà un po’ di ossigeno con il 3/3 dalla lunetta, ma, pur portando gli avversari al bonus, gli orogranata vedono i padroni di casa operare il sorpasso sul 69-67 al 36′. Alla tripla del controsorpasso di Tonut, i tedeschi rispondono con un 5-0 dopo cui coach De Raffaele deve chiamare time out sul 74-70 al 37′. Dal 76-70 al 38’30”, un libero di Daye seguito da un canestro e una tripla di Tonut ristabiliscono comunque la parità a quota 76 con 22” da giocare. Dopo il time out, il Ratiopharm decide di ripartire da fondo campo, con Phillip che recupera, ma Daye fallisce l’ultimo tiro ed è overtime.

Nel primo minuto di supplementare, Stone stoppa Christon, ma segna Felicio, risponde subito Tonut, poi Blossomgame mette la tripla dell’81-78. Il punteggio rimane a lungo congelato, fino alla nuova tripla di Blossomgame per l’84-78 al 43’30” su cui arriva il time out orogranata. Al ritorno in campo, perde palla Tonut, segna Jallow (86-78), poi Daye a rimbalzo offensivo (86-80) a 48” dalla fine. L’Umana Reyer prova il fallo sistematico, con Christon che fa 0/2 dalla lunetta a -45”, ma la seguente tripla di Daye non va e la schiacciata di Felicio chiude i giochi: Blossomgame e la tripla finale di Phillip possono solo aggiornare il punteggio sul 90-83.

 

Comunicato e tabellini a cura di Ufficio Stampa Reyer.

Commenta
(Visited 16 times, 1 visits today)

About The Author

Gianluca Zippo Nato a Formia il 13/01/1988. Laureato in Giurisprudenza presso la Federico II di Napoli, già collaboratore e redattore per Teladoiolamerica.net e Road2sport.com, il calcio, l’NBA e la F1 sono la mia malattia, ma il mondo dello sport mi affascina a 360°.