EuroLeague, l'Olimpia fa 2 su 2. ASVEL ko 87-73

Gioca un po’ a sprazzi l’Olimpia, ma con i suggerimenti di Malcolm Delaney, le triple di Sergio Rodriguez, giocando tanto con quintetti piccoli, con due playmaker e anche senza centro, controlla la gara negli ultimi 32-33 minuti, risponde ai tentativi di rimonta dell’Asvel e chiude con una prova convincente e tanti protagonisti, ad esempio l’energia di Zach LeDay a rimbalzo, un’altra prova all-around di Shavon Shields, le giocate giuste di Gigi Datome in particolari momenti. 87-73 il risultato finale. Milano usa ancora la difesa, che forza palle perse (17) e brutti tiri, per comandare la partita pur dovendo soverchiare i problemi di falli che hanno condizionato Kyle Hines e nel quarto periodo anche lo stesso Delaney.

IL PRIMO QUARTO – L’Asvel usa i tentacoli di Moustapha Fall per tenere l’Olimpia lontana dall’area, poi usa soprattutto la velocità di Norris Cole per costruire il primo vantaggio di cinque punti, che anticipa la prima tripla della partita di Milano, con Michael Roll. L’Olimpia mette la testa avanti per la prima volta (a parte il 2-1 di Hines) con un gioco da tre punti di Moraschini, allunga con due liberi di LeDay e chiude avanti 20-17.

La nota: l’Olimpia fa solo il 33.3% dal campo nel quarto rimediando in parte con l’8/9 confezionato dalla linea di tiro libero.

IL SECONDO QUARTO – La seconda tripla di Rodriguez, che gioca accanto a Malcolm Delaney, poi un’entrata di Moraschini e una schiacciata di Tarczewski valgono il 7-0 che permette all’Olimpia di scappare sul 27-19 con timeout immediato di Coach Parker. Molto più in ritmo al tiro, anche dopo il secondo fallo di Hines che costringe Coach Messina a spremere tantissimo Kaleb Tarczewski, l’Olimpia allunga in modo deciso a +14 con una tripla di Datome. L’Asvel riprova a mettere in moto i suoi lunghi Noua e Fall. Con una tripla di Antoine Diot rientra a meno nove, con una di William Howard ribalta l’inerzia della gara rientrando a meno sei sul 40-34. Messina spende due timeout quasi consecutivi con l’Asvel a meno quattro e l’Olimpia in un blackout prolungato. Il parziale negativo è interrotto a rimbalzo d’attacco da LeDay, poi arriva la terza tripla di Rodriguez e alla fine del tempo è 45-40 Olimpia.

La nota: Sergio Rodriguez ha esteso a 15 la sua striscia di partite con almeno una tripla a segno ed è salito all’ottavo posto nella classifica dei realizzatori di tutti i tempi superando i 2807 di Milos Teodosic.

IL TERZO QUARTO – L’Olimpia si porta dietro il finale del secondo quarto, così l’Asvel con una tripla di Norris Cole torna a meno due. Malcolm Delaney si mette al lavoro, segna un jumper e fa 3/3 scavando ancora nove punti per l’Olimpia. Ma dopo quattro minuti arrivano terzo e quarto fallo di Kyle Hines. Shields su uno scarico da dentro l’area di Tarczewski riapre 12 minuti di margine tra le due squadre. Ma l’Olimpia in attacco va a sprazzi (1/7 da tre nel quarto) e quando scendono le percentuali, l’Asvel ne approfitta per ritornare a meno sette alla fine del periodo, 61-54.

La nota: la serie di tiri libero a segno di Gigi Datome è arrivata a quota 15.

IL QUARTO QUARTO – Quando l’Asvel torna a meno quattro in apertura di periodo, è Gigi Datome con la complicità dell’energia di LeDay, forzato a giocare da centro, a rispondere per l’Olimpia ripristinando nove punti di margine. Shields a rimbalzo firma il 70-59. Resta lui il grande protagonista, mentre Milano allunga con i due playmaker in campo assieme. Shields con tante piccole cose inclusa una schiacciata in contropiede generata da una grande giocata difensiva determina il massimo vantaggio di 15 punti. Poi è 87-73 il finale.

La nota: si è interrotta a quota 25 la serie di tiri liberi consecutivamente a segno di Rodriguez.

TABELLINI

OLIMPIA MILANO – ASVEL VILLEURBANNE 87-73

PARZIALI: 20-17; 25-23; 16-14; 26-19.
PROGRESSIVI: 20-17; 45-40; 61-54; 87-73.

OLIMPIA: LeDay 10, Moretti, Moraschini 10, Roll 5, Rodriguez 13, Tarczewski 4, Cinciarini, Delaney 9, Shields 17, Brooks 1, Hines 8, Datome 10. All. Ettore Messina.

ASVEL: Freeman 3, Kahudi 4, Diot 4, Lomazs 2, Fall 10, Noua 12, Bako 2, Lighty 5, Howard 6, Yabusele 8, Cole 10, Strazel 7. All. TJ Parker.

Comunicato a cura di Ufficio Stampa Olimpia Milano.

Commenta
(Visited 24 times, 1 visits today)

About The Author

Gianluca Zippo Nato a Formia il 13/01/1988. Laureato in Giurisprudenza presso la Federico II di Napoli, già collaboratore e redattore per Teladoiolamerica.net e Road2sport.com, il calcio, l’NBA e la F1 sono la mia malattia, ma il mondo dello sport mi affascina a 360°.