FIBA Europe Cup: Reggio Emilia batte 61-65 il Sibiu e va ai Quarti. Caja: "Solidità difensiva la chiave della partita"

La Pallacanestro Reggiana, pur soffrendo, è riuscita a battere i romeni del BC CSU Sibiu, staccando il pass per i Quarti di Finale di FIBA Europe Cup. Alla City Arena di Oradea (Romania), dopo un primo tempo maggiormente di marca romena (34-30 al 20′), Reggio Emilia è venuta fuori alla distanza nella ripresa, chiudendola sul 61-65. In evidenza Brynton Jevon Lemar (16 e 6/11 al tiro), Henry Ashbury Sims Jr (10+8 rimbalzi) e Brandon Taylor (6+8 assist+4 rimbalzi e 3 rubate); per i romeni, Kevin Christopher Hardy (15+10 rimbalzi), Marquis Ralondo Addison (14+7 rimbalzi) e Rolland Torok (10+6 rimbalzi). Domani sera, per i Quarti, la Pallacanestro Reggiana sarà impegnata sempre ad Oradea contro i padroni di casa del CSM CSU, che ieri sera hanno eliminato gli ucraini del BC Dnipro (72-78).

Queste le dichiarazioni ai microfoni dei giornalisti di coach Attilio Caja: “Devo fare i complimenti ai ragazzi, sono stati solidi. Abbiamo fatto qualche errore, è vero; nei momenti importanti, però, abbiamo fatto delle buone azioni difensive, ed è stata la chiave della partita. Siamo andati meglio in difesa e a rimbalzo, piuttosto che in attacco, dove invece siamo andati a sprazzi. Però era anche una scelta, perché non volevamo dare ritmo ai nostri avversari, mentre noi volevamo fare più gioco di metà campo. Abbiamo avuto anche una buona dose di pazienza e, mancandoci da tanto tempo la vittoria, ho visto i ragazzi felici nello spogliatoio. Ed è felice la società, che ci ha messi in condizione di fare questa trasferta nel migliore dei modi. Prendiamo le cose buone e cerchiamo di correggere gli errori per andare avanti e fare un’altra buona prestazione la prossima“.

Commenta
(Visited 19 times, 1 visits today)

About The Author

Gianluca Zippo Nato a Formia il 13/01/1988. Laureato in Giurisprudenza presso la Federico II di Napoli, già collaboratore e redattore per Teladoiolamerica.net e Road2sport.com, il calcio, l’NBA e la F1 sono la mia malattia, ma il mondo dello sport mi affascina a 360°.