Il Guerriero Padova strappa la vittoria all'overtime sul campo dello Jadran Trieste

Su un campo tradizionalmente ostico per tutti, come quello dello Jadran Trieste, il Guerriero Padova strappa i primi punti della stagione cominciando con il piede giusto il proprio cammino nel campionato di C Gold. Nonostante l’assenza del totem Benfatto e qualche acciaccato tra le sue file, l’UBP firma una sorta di impresa nel tempo supplementare, espugnando il bunker triestino per la seconda volta nella sua storia. La gara, che si preannunciava spigolosa fin dalla vigilia, è stata condotta per oltre tre quarti dagli uomini di coach Volpato, ma sempre con margini che poche volte hanno scollinato il possesso pieno.

Dopo l’avvio contratto del primo periodo (12-12), in cui Maran siglava i primi canestri dell’annata 2021/2022 per l’Unione (4-3), gli attacchi iniziavano a girare. Nel corso del secondo quarto, Andreani orchestra il gioco del Guerriero dettando i tempi in cabina di regia e gli ospiti sembrano conquistare l’inerzia (22-29), ma i padroni di casa tornano presto a soffiare sul collo (30-33).

Padova fa l’andatura anche nella ripresa (31-37), mentre lo Jadran litiga con il canestro (34-41). Il canovaccio, però, resta lo stesso della prima metà di gioco: l’UBP, infatti, spreca l’opportunità di toccare la doppia cifra di vantaggio ritrovandosi i “plavi” alle calcagna (42-45).

All’inizio dell’ultimo parziale, il Guerriero mantiene ancora la testa del match (42-48), ma nei minuti successivi deve fare i conti con la tenacia del gruppo di minoranza slovena (45-50), che piazza un break all’apparenza decisivo (11-0), mettendo il naso avanti (56-50) a 5’ dallo scadere. Proprio quando l’incontro aveva ormai preso una certa piega, la tripla di Coppo, che andrà poi a prendersi anche uno sfondamento, e il killer instinct di Chinellato (top scorer UBP con 18 punti) rimettono le cose a posto (58-58).

Padova avrebbe avuto anche la possibilità di chiuderla con l’ultimissimo possesso nel tempo regolamentare (59-59), ma è costretta all’overtime, dove a partire meglio è Trieste (63-59). Nel momento più difficile, l’Unione ha il merito di non scomporsi e andare a prendersi la vittoria, sospinta da capitan Andreaus che prima infila una tripla pesantissima e poi trova il “fallo e vale” per i titoli di coda. Finisce 66-67. Buona la prima.

MONTICOLO & FOTI TRIESTE – GUERRIERO PADOVA 66-67 d1ts

JADRAN BASKET TRIESTE: Batich 9, Zidaric 3, Ban 20, Schina 5, De Petris 5, Jakin, Malalan, Pregarc n.e., Bunc 7, Persi n.e., Rajcic 8, Milisavljevic 9. All. Oberdan. Ass. Krecic.

UNIONE BASKET PADOVA: Stavla, Chinellato 18, Favaro n.e., Andreani 8, Maran 6, Coppo 10, Bombardieri, Meneghin 6, Andreaus 9, Bruzzese 2, Campiello 8. All. Volpato. Ass. Augusti.

Arbitri: Langaro di Arzignano (Vi) e Dian di Scorzè (Ve).
Note: progressivi: 12-12, 30-33, 42-45, 59-59, 66-67. Tiri liberi: Trieste 9/12, Padova 7/8.

Commenta
(Visited 28 times, 1 visits today)

About The Author

Gennaro Dimonte Nato a Barletta nel 1994. Prossimo alla laurea in Scienze della Comunicazione e aspirante giornalista. Si divide tra la palla a spicchi e il calcio, con i miti di Carmelo Anthony e Del Piero nel cuore. Grande appassionato di NBA, spera di rivedere i suoi Knicks tra le grandi.