L'Italia soffre ma vince: Paesi Bassi ko 75-73

Milano. Sofferta. Infinita. Vinta. L’Italia batte l’Olanda 75-73 e guadagna così la prima vittoria nel Girone H di FIBA World Cup 2023 Qualifiers. Una gara durissima, che gli Azzurri che hanno dovuto vincere almeno tre volte, perché gli Oranje non ne hanno voluto mai sapere di alzare bandiera bianca. Addirittura in vantaggio a 3 minuti dall’ultima sirena la squadra di coach Buscaglia stava per giocare un pessimo scherzo all’Italia. Ma nel momento peggiore, gli Azzurri hanno ripreso la gara in pugno, e con spirito di squadra, un Akele da 18 punti (Career High Azzurro) e Capitan Michele Vitali essenziale in attacco e difesa, hanno messo due punti di scarto fra loro e gli avversari. […]

È ottimo l’inizio gara degli Azzurri. I primi cinque minuti sono un monologo dell’Italbasket, serrata in difesa e con una veloce circolazione di palla in attacco. La tripla di Akele vale il primo break (9-3) e costa a coach Buscaglia, aria di derby per lui questa sera, il primo time-out della partita. Tardiva, ma prevedibile, la reazione dei Paesi Bassi che, dopo il massimo vantaggio Azzurro (16-5), risalgono con Hammink (tripla sulla sirena del primo periodo), fino al -2 di inizio secondo quarto (22-20).

La squadra di Sacchetti non vuole rischiare oltre, e con la tripla di Udom (esordio e canestro al primo tentativo) e uno scatenato Akele (career high superato con un primo tempo da 12 punti) rimpingua nuovamente il gap fra le due squadre fino al massimo di +13 (42-29). Anche dopo questo allungo, i Paesi Bassi ritornano in vita, sorretti dal tandem Kloff-De Jong (17 in due nella prima metà gara). Tocca a capitan Michele Vitali, a secco fino a quel momento, alzare la voce, con la tripla che riporta in doppia cifra il vantaggio Azzurro prima del 47-39 che chiude il primo tempo.

Non è certo un quarto spumeggiante quello fra Italia e Paesi Bassi dal rientro dagli spogliatoi. La retina si muove pochissimo (appena 7 punti in 6 minuti), e per un verso questo è un bene per l’Italia che mantiene la testa della corsa. Il finale di periodo trova però emozioni, con le triple di Tonut e Tessitori che fanno urlare il pubblico del Mediolanum Forum (60-50).

Gli ospiti non mollano e sfruttano le soluzioni perimetrali con Hammink che infila un tre-su-tre-da-tre per il 62-60. E’ il momento che cambia la partita. I nostri avversari prendono una fiducia enorme, l’Italia è contratta e perde il filo del discorso. A 4 minuti dalla fine è di nuovo parità (67-67), e addirittura van der Vuurst, fra i migliori dei Paesi Bassi nel secondo tempo, regala in penetrazione il primo vantaggio Oranje (67-69). Nella fase peggiore della partita sono ancora una volta Akele (miglior realizzatore con 18 punti) e Vitali a raddrizzare la rotta. Prima con i canestri del sorpasso, poi, nel caso del Capitano, con un recupero palla di pura grinta che toglie il possibile tiro del pareggio ai nostri avversari. Con l’ultima palla da gestire con il cronometro, arriva il 75-73 che regala la prima vittoria dell’Italia nella strada verso il Mondiale 2023.

Nell’altra sfida del Girone H la Russia ha battuto l’Islanda 89-65, prendendosi così la leadership in solitaria del raggruppamento.

La Nazionale dà l’arrivederci a febbraio 2022, quando nella seconda finestra di qualificazione al Mondiale 2023 sarà impegnata nella doppia sfida all’Islanda.

Il tabellino

Italia-Paesi Bassi 75-73 (22-18, 25-21, 13-11, 15-23)
Italia: Candi, Tonut* 13 (2/7, 2/5), Flaccadori 6 (3/5, 0/2), Mascolo ne, Tessitori* 13 (4/6, 1/1), Gaspardo 2 (1/1, 0/2), Udom 5 (0/1, 1/1), Vitali M.* 7 (0/2, 2/6), Diouf 4 (1/1), Alviti (0/1), Akele* 18 (5/8, 2/4), Pajola* 7 (3/7, 0/2). All: Sacchetti
Paesi Bassi: Franke 6 (0/4, 2/7), Van Der Vuurst de Vries 4 (2/5, 0/2), Van Zegeren 2 (1/2), Van Vliet ne, Williams* 3 (1/1 da tre), De Jong* 14 (3/4, 1/4), Kherrazi* 2 (1/2), Hammink 19 (2/3, 5/6), Schaftenaar R. 9 (4/5), Schaftenaar O. 3 (1/3 da tre), Kok* (0/2), Kloof 11* (3/4, 1/2). All: Buscaglia

Tiri da 2 Ita 19/39, Ned 16/31; Tiri da 3 Ita 8/23, Ned 11/25; Tiri liberi Ita 13/15, Ned 8/10. Rimbalzi Ita 33, Ned 29. Assist Ita 19, Ned 16.
Usciti 5 falli: nessuno
Arbitri: Tomas Jasevicius (Lituania), Martin Vulic (Croazia), Erez Gurion (Israele)

 

Comunicato a cura di: Sito Ufficiale Federazione Italiana Pallacanestro

Foto di: Italbasket

Commenta
(Visited 44 times, 1 visits today)

About The Author

Massimo Furlani Nato a Trento nel 1998, laureato in Studi Internazionali e aspirante giornalista. Malato del basket tanto italiano quanto americano, Dwyane Wade e Steve Nash gli idoli.