La Matteotti Corato cede il passo all’Adria Bari

Prestazione sottotono per la Nuova Matteotti Corato che non riesce a dare continuità alla vittoria a tavolino per 20-0 ottenuta contro Castellaneta (la Corte d’Appello ha respinto il ricorso proposto dalla società tarantina) e incappa nella sua settima sconfitta stagionale contro un Adria Bari che si è dimostrata superiore sotto l’aspetto fisico e tecnico.

 

Coach Patella sceglie per il suo “starting five” Gatta, Giovara, Razic, Olocco e Paulauskas. Dall’altra parte, coach Cazzorla si affida a A.Ravelli, Rodriguez, Buzzo, Ferraretti e Vorzillo.

Avvio equilibrato di primo quarto con i canestri di Rodriguez e Ferraretti che firmano il primo vantaggio barese a cui rispondono prontamente Razic e la bomba di Giovara (7-8). Nella seconda parte del primo quarto Corato cade in un terribile incantesimo che non riesce in alcun modo a spezzare: poche idee in zona offensiva e qualche amnesia di troppo nella metà campo difensiva consentono a Bari di piazzare un break mortifero di 17-3 e di andare al primo mini-riposo sul 10-25.

 

Il secondo quarto si apre con la tripla di Chornohrytskyi e i canestri di Olocco e Razic che provano a dare la scossa (17-30) ma la scarsa vena realizzativa continua a caratterizzare la partita dei Patella Boys che realizzano solo 13 punti nel secondo periodo e così i biancorossi, grazie alle firme di Rodriguez e Vorzillo, incrementano il vantaggio fino al +18 con cui si va all’intervallo lungo: 23-41.

 

Approccio passivo di terzo quarto per la NMC che incassa un parziale di 10-0, confezionato da Ravelli e Rodriguez, che indirizza definitivamente l’incontro verso Bari (23-51). Paulauskas, Gatta e Giovara sono gli ultimi a mollare e firmano un mini-break di 6-0 (33-55) ma la formazione di Cazzorla ha il merito di stroncare sul nascere ogni tentavo di rimonta biancoblu. Callara, Vorzillo e Rodriguez sono un enigma irrisolto per la difesa coratina e i loro canestri permettono a Bari di chiudere il terzo periodo sul 40-63.

 

Ultimi 10 minuti di gioco che vengono ben giocati dalla società della presidente Balducci che tenta di salvare almeno l’onore in una partita già in cassaforte a favore degli ospiti: sono ben 23 i punti realizzati dalla Matteotti nell’ultimo quarto con Giovara sugli scudi (top scorer di Corato con 21 punti). Nel finale le due squadre schierano i loro under e la partita giunge alla sua naturale conclusione fino al definitivo 63-86.

 

NUOVA MATTEOTTI CORATO – ADRIA BARI 63 – 86

CORATO: D’Imperio n.e., Martinelli, Gatta 4, Olocco 4, Paulauskas 17, Razic 13, Chornohrytskyi 3, Giovara 21, Baldin 1, N.Markovic, L.Markovic, Bojang. Coach: Patella

 

BARI: A.Ravelli 7, M.Ravelli, Rodriguez 21, Buzzo 15, Ferraretti 8, Vorzillo 11, Lupo 12, Callara 12, Pugliese n.e., Messina, Loprieno. Coach: Cazzorla

 

Parziali: 10-25; 23-41; 40-63; 63-86

 

Arbitri: Farina Valaori di Brindisi e Ranieri di Mola di Bari

Commenta
(Visited 55 times, 1 visits today)

About The Author

Gennaro Dimonte Nato a Barletta nel 1994. Prossimo alla laurea in Scienze della Comunicazione e aspirante giornalista. Si divide tra la palla a spicchi e il calcio, con i miti di Carmelo Anthony e Del Piero nel cuore. Grande appassionato di NBA, spera di rivedere i suoi Knicks tra le grandi.