L'Abruzzo riscrive le regole del basket: è polemica

Un’ordinanza della regione Abruzzo ha “riscritto” le regole del calcio e del basket. Il risultato è stato di fatto una sorta di divieto di giocare a pallacanestro visto che i divieti corrispondono ad alcuni fondamentali del nostro sport.

L’ordinanza si è infatti preoccupata più di difendere il pallone di cuoio che la palla a spicchi. Le polemiche però sono arrivate anche da parte dei vertici della Lega Calcio (Gravina) e da altri esponenti del mondo del pallone (tra tutti Massimo Oddo).

Per quando riguarda il mondo del basket tutto tace dagli organi preposti ma non è esclusa una presa di posizione netta, come quella che gli appassionati hanno preso sui social.

L’ordinanza prevede che, con riguardo al gioco della pallacanestro e del calcio:

a) è vietato sputare o starnutire a terra, bensì sarà possibile farlo in un fazzoletto;
b) è vietato il recupero fisico da seduti o sdraiati nell’area di gioco;
c) è consentito il tocco del pallone con le mani solo ed esclusivamente se muniti di guanti;
d) i portieri potranno toccare il pallone con le mani solo se indossano i guanti che devono essere
comunque igienizzati prima e dopo la partita;
e) il pallone potrà essere “recuperato” solo tramite “intercetto” e non tramite il “contrasto”;
f) sono vietate le “scivolate”;
g) è vietata la “marcatura ad uomo”

Qui potete trovare l’ordinanza completa della Regione Abruzzo: https://www.regione.abruzzo.it/system/files/atti-presidenziali/2020/allegato-ordinanza72-2020.pdf

Commenta
(Visited 129 times, 1 visits today)

About The Author

Martino Ruggiero Nato a Taranto, trasferito a Roma tre anni fa per inseguire il mio sogno e per studiare Giurisprudenza, 21 anni. Seguo qualsiasi sport da quando sono nato. Per la pallacanestro ho fatto il giocatore, l'allenatore e il telecronista ma i tasti più consumati del mio telecomando sono quelli che mi portano al calcio. Amante delle storie sportive, da raccontare, da leggere e da ascoltare. Appassionato di viaggi, non conosco un stato d'animo diverso dall'ottimismo.