L'Alfa Basket Catania sbanca Messina e batte i Lions

Prosegue la marcia dell’Alfa Basket Catania. Sul campo dei Lions Messina, la squadra rossazzurra soffre un po’ all’inizio, ma poi vince con il punteggio finale di 90-66. Secondo successo consecutivo nella Fase ad Orologio, per il quintetto allenato da coach Davide Di Masi.

Messina comincia bene e chiude avanti il primo periodo per 22-17 trascinata da Federico Caroè (alla fine per lui 43 punti). Gli alfisti, all’ultimo istante, privi di Luciano Abramo ed Enrico Pappalardo, prendono in mano le redini del gioco nel secondo parziale. Break di 25-10 per i catanesi e tabellone che segna 42-32 per l’Alfa al riposo lungo. Gli ospiti non concedono nulla nel terzo e nel quarto periodo portando a casa la meritata vittoria. Una prova da squadra matura e molto determinata.

Ottima prova di tutti, in particolare di Marco Consoli, Ennis Whatley, Marco Pennisi, Lorenzo Corselli, e poi ancora di Nicolò Mazzoleni, che rientrato dal grave infortunio dell’anno scorso sta sempre più trovando la forma migliore e del recuperato Federico Cuius. Bene anche Daniel Arena e i giovani Cantarella e Delia. Alfa prima in classifica e attesa, domenica prossima, dall’incontro casalingo contro Il Minibasket Milazzo (ore 20,30).

LIONS BASKET MESSINA            66

 

ALFA BASKET CATANIA             90

 

Lions Messina: Arto ne, F. Caroè 43, Ponzù, Marino, M. Caroè 12, A. Diallo 1, Cutè, La Bella 2, Al. Diallo 4, Andres 4, Saraci ne, Fernandez. Allenatore: Letterio Caroè.

 

Alfa Basket Catania: Arena 4, Corselli 12, Consoli 5, Whatley 23, Catania ne, Pennisi 14, Mazzoleni 22, Cuius 3, Cantarella 5, Delia 2. Allenatore: Davide Di Masi.

 

Arbitri: Puglisi di Acicatena e Gazzara di Messina.

Commenta
(Visited 46 times, 1 visits today)

About The Author

Gennaro Dimonte Nato a Barletta nel 1994. Prossimo alla laurea in Scienze della Comunicazione e aspirante giornalista. Si divide tra la palla a spicchi e il calcio, con i miti di Carmelo Anthony e Del Piero nel cuore. Grande appassionato di NBA, spera di rivedere i suoi Knicks tra le grandi.