Olimpia Milano, nello scrimmage contro Treviglio spicca Tarczewski

La prima galoppata agonistica è stata come doveva essere, ripartizione del minutaggio estrema, girandola di cambi, grande disponibilità e, nell’ultimo quarto, spazio anche ai ragazzini. L’Olimpia ha trovato un avversario competitivo, corto nelle rotazioni, ma soprattutto nei primi due quarti piacevole soprattutto nel muovere la palla e tirare da fuori. Treviglio è solo calata un po’ come è normale che fosse negli ultimi due periodi. Lo scrimmage si è giocato con punteggio azzerato dopo ogni quarto. L’Olimpia ha prevalso in tutti i periodi segnando sempre tanto, minimo 24 punti nel terzo. Ha cominciato sotto buoni auspici offensivi ovvero segnando in tutti i primi otto possessi, con 7/7 dal campo. In quel primo quarto con Kaleb Tarczewski a quota 10 punti senza errori, incluso un jumper dalla lunetta, e sette punti di Deividas Dulkys, ha vinto 36-22, Nel secondo periodo, Treviglio è riuscita a tenere la partita in equilibrio, guidandola a tratti, per sei minuti circa. L’Olimpia ha assunto il controllo successivamente chiudendo il periodo 25-19. Nel terzo quarto, è partita subito 11-1 e ha prevalso 24-11. L’ultimo quarto è stato dedicato ai giovani: in campo Gravaghi, Tam (16 anni), Bramati (15), Shashkov (19) e un veterano. Inizialmente era Andrea Cinciarini, poi Ricky Moraschini e alla fine Deividas Dulkys. Con questo assetto l’Olimpia ha vinto 26-16. Assenti oltre ai nazionali, a Nedovic e Gudaitis anche Javi Rey. L’Olimpia torna in campo sabato alle 18 a Castelletto Ticino contro Casale.

I marcatori: Dulkys 15, Tarczewski 17, Micov 14, White 15, Mack 10, Cinciarini 4, Moraschini 10, Shashkov 13, Rodriguez 2, Burns 6, Gravaghi 5, Tam 2, Bramati.

Comunicato a cura di Ufficio Stampa Olimpia Milano.

Commenta
(Visited 107 times, 1 visits today)

About The Author

Gianluca Zippo Nato a Formia il 13/01/1988. Laureato in Giurisprudenza presso la Federico II di Napoli, già collaboratore e redattore per Teladoiolamerica.net e Road2sport.com, il calcio, l’NBA e la F1 sono la mia malattia, ma il mondo dello sport mi affascina a 360°.