Milano-Trieste, Messina: "Testa bassa, siamo in debito con proprietà e tifosi"

Con meno di 48 ore di “riposo” dopo la partita di Kaunas, l’Olimpia torna a giocare in Italia dopo lo stop della Serie A. Contro Trieste, si tratta della quarta gara casalinga della stagione italiana. Milano è 3-0 e ha vinto le ultime 25 gare casalinghe nel campionato italiano, striscia che ovviamente ingloba l’intera stagione scorsa. La partita con Trieste ha un valore emotivo per il forte legame che unisce la Milano del basket alla sua anima triestina in questo caso rappresentata da Tonut, che però non sarà disponibile. La squadra allenata da Marco Legovich ha vinto le ultime due partite e mostrato eccellenti progressi. I due Frank, Bartley e Gaines, sono stati finora i più efficaci, quasi 34 punti di media in coppia. L’Olimpia ovviamente non può ancora utilizzare Tim Luwawu-Cabarrot, che è appena arrivato a Milano ma non è stato tesserabile per il campionato italiano dove potrebbe debuttare nel turno successivo a Treviso. Le assenze sono le stesse di Kaunas: Stefano Tonut, Billy Baron e Shavon Shields, infortunati. Gigi Datome, reduce da un’infezione virale acuta, necessita invece di un periodo di riposo: la data di rientro al momento non è determinabile.

NOTE – La partita EA7 Emporio Armani Milano-Pallacanestro Trieste si gioca domenica 20 novembre alle ore 18:00 al Mediolanum Forum.

GLI ARBITRI – Lorenzo Baldini, Denny Borgioni, Marco Catani.

COACH ETTORE MESSINA – “Veniamo da quattro sconfitte consecutive in EuroLeague il che, aldilà delle attenuanti, ci mette in una posizione di debito nei confronti della nostra proprietà e dei nostri tifosi. Questo non è il momento di parlare, è solo il momento di lavorare a testa bassa, mantenere la posizione nel campionato di Serie A e giocare la miglior partita possibile domani contro Trieste, una squadra per la quale abbiamo il massimo rispetto e che si è ripresa con merito da un avvio di stagione difficile”. […]”.

Fonte: ufficio stampa Olimpia Milano

Commenta
(Visited 41 times, 1 visits today)

About The Author

Enrico Pecci Classe ’96, proveniente da quel favoloso luogo chiamato Marche (provare per credere), studente di Scienze della Comunicazione ed appassionato di calcio quanto di basket. Collaboratore per nba24.it e tuttobasket.net, sognando un futuro in cui scrivere di sport, basket e calcio in particolare, sia un lavoro oltre che una passione. Appassionato di basket sin dai primi passi mossi nel parquet dal Re, King LeBron James. #IPromise.