Hall risponde a Belinelli, Milano si aggiudica lo spettacolare scontro al vertice con la Virtus per 102-99

Al termine di un match spettacolare nonostante le molte assenze da entrambe le parti l’Olimpia Milano ha la meglio sulla Virtus Bologna e blinda così il primo posto in classifica per il girone di andata.

Partono meglio i lombardi che grazie alla difesa e alla maggior stazza sotto i tabelloni scappano subito sull’ 8-0, la Virtus alza il ritmo e torna a -5 con le triple di Teodosic e Ruzzier. Belinelli mette la tripla del -2 e  Weems impatta a quota 17, ma Hall da lontano sulla sirena tiene comunque Milano avanti sul 24-21 dopo i primi 10 minuti.

Jaiteh, Weems e Belinelli firmano il sorpasso degli ospiti che vanno sul 26-30 in avvio di secondo quarto, Milano risponde con tre triple consecutive di Rodriguez e Grant per tornare avanti, l’esterno spagnolo si procura tre liberi e fa 2/3 per il 37-32. Alibegovic e Sampson impattano nuovamente, Melli e Tarczewski ripristinano il +5 Olimpia, una tripla ancora di Melli e un tecnico fischiato a Teodosic permettono ai padroni di casa di andare all’intervallo lungo con il massimo vantaggio di serata sul 54-45.

Pochi scossoni nel corso del terzo periodo. Al rientro dagli spogliatoi la Virtus si aggrappa alle giocate di Teodosic e Jaiteh, ma Milano resta avanti e tocca anche la doppia cifra di vantaggio con Grant, Rodriguez e Hines. Biligha appoggia il 71-58, Ruzzier e Belinelli riportano gli ospiti a -8 ma Alviti chiude comunque la frazione sul 75-65 per i biancorossi.

Belinelli mette la tripla del -7, Bentil e Hines ripristinano il +12 Olimpia, sempre l’esterno italiano riporta la Virtus in singola cifra di svantaggio ma la difesa dei lombardi sale ulteriormente di livello e Grant firma il +13 con un recupero e una spettacolare schiacciata in contropiede. Jaiteh tiene accese le speranze dei suoi con il 2+1, arriva un’altra inchiodata al ferro che fa esplodere il Forum, stavolta targata dall’asse Rodriguez-Bentil. Lo spagnolo dell’Olimpia manca due volte la tripla del possibile ko, Teodosic prova a riaprirla con cinque punti consecutivi e 03:48 da giocare, Hall colpisce dall’angolo per il +10 dei padroni di casa ma Belinelli trova due canestri per il -6 Virtus. Weems manca la tripla del possibile -3, Hines non perdona e dalla media scrive +8 Olimpia, Jaiteh risponde, 91-85 quando inizia l’ultimo minuto. Bentil mette la tripla del +9 ma commette fallo sul tiro da tre di Belinelli che fa 3/3 in lunetta, Hines sbaglia, Teodosic appoggia il -4, Hall fa 1/2 in lunetta e Belinelli segna il -3 con 12 secondi da giocare. Teodosic spende il suo quinto fallo per mandare ai liberi Grant che fa 0/2 e ancora un pazzesco Belinelli si inventa la tripla della parità a quota 95 con 4 secondi sul cronometro, il tentativo di Hall sulla sirena è corto ed è overtime.

Weems mette subito la tripla del +3 degli ospiti, Grant risponde con i liberi del 97-98, Jaiteh perde palla e Hall colpisce da oltre l’arco per il +2 Olimpia. Altra persa di Jaiteh ma gli uomini di Messina non ne approfittano, il lungo della Virtus fa 1/2 in lunetta per il -1, Milano cattura diversi rimbalzi offensivi ma fatica a segnare, ci pensa sempre Hall a prendersi le responsabilità nel momento cruciale con il canestro del +3 a 38 secondi dalla fine. Persa sanguinosa di Pajola, Scariolo decide di non spendere fallo, l’Olimpia sfrutta tutto il cronometro, Weems ha la palla per il secondo overtime ma il ferro non accoglie la sua preghiera: finisce 102-99.

Tabellini:

AX ARMANI EXCHANGE OLIMPIA MILANO: Invernizzi ne, Trovarelli ne, Melli 11, Grant 20, Rodriguez 16, Leoni ne, Tarczewski 2, Biligha 4, Hall 18, Alviti 4, Hines 14, Bentil 13. Coach Messina.

VIRTUS SEGAFREDO BOLOGNA: Belinelli 34, Pajola, Alibegovic 7, Ruzzier 5, Jaiteh 18, Alexander, Ceron ne, Barbier ne, Sampson 4, Weems 13, Teodosic 18. Coach Scariolo.

Commenta
(Visited 43 times, 1 visits today)

About The Author

Massimo Furlani Nato a Trento nel 1998, laureato in Studi Internazionali e aspirante giornalista. Malato del basket tanto italiano quanto americano, Dwyane Wade e Steve Nash gli idoli.