Il primo derby stagionale è subito un thriller, la Virtus batte l'Olimpia dopo un overtime e va in finale di Supercoppa

La Virtus Segafredo Bologna accede alla finale di Frecciarossa Supercoppa 2022 superando l’EA7 Emporio Armani Milano in semifinale. Dopo un inizio a basso punteggio griffato unicamente da un’affondata in contropiede e una bomba di Ojeleye (17 punti e 9 rimbalzi), Milano si sblocca grazie ad un’affondata di Hines (10 punti e 4 rimbalzi) e al contropiede di Thomas (4-5). La Virtus attraversa una lunga carenza offensiva e l’Olimpia ne approfitta costruendo e segnando un paio di bombe di Hall (19 punti), oltre a un gran contropiede di Tonut. Sul finire del quarto, la Segafredo interrompe il break biancorosso di 9-0 segnando con Mickey (13 punti, 7 rimbalzi e 7 falli subiti) dal post basso (12-8 dopo 10’). Nel secondo periodo, l’EA7 Emporio Armani amplia il vantaggio trascinata ancora dal cecchino Hall – la sua quarta tripla vale il massimo vantaggio sul +12. Successivamente, i bianconeri riescono a trovare maggiore continuità coinvolgendo Belinelli e trovando buoni canestri al ferro con Camara e Ojeleye (21-15). Con una sequenza di tiri liberi realizzati da Mickey e Weems, la formazione allenata da coach Scariolo ricuce fino al -2 fino a quando i centri dalla lunetta di Mitrou-Long fissano il punteggio all’intervallo lungo sul 26-22.
In avvio di ripresa continua lo show di Devon Hall, autore di un gioco da quattro punti e del canestro a ricciolo del +9. Ci pensano poi Mickey e Ojeleye dal post-basso a tenere in carreggiata la Virtus, prima che Mannion in penetrazione sigli il -2 in contropiede (34-32). Sul finire del periodo, Cordinier (12 punti) prima in penetrazione e poi in backdoor sigla il vantaggio bianconero sul 34-36; il break di 0-10 viene comunque interrotto dai tiri liberi segnati da Davies e Baron (38-36 dopo 30’).

Nel quarto periodo, continua il botta e risposta tra il duo Melli-Hines sotto canestro e le penetrazioni di un efficiente Cordinier (accompagnato anche da Bako). Proprio il numero 00 francese, con un gran step-back e aprendo lo spazio per il tap-in di Bako (10 punti e 9 rimbalzi), sigla il massimo vantaggio bianconero sul +6 a 5’ dal termine. Dopo un timeout da coach Messina, Melli e Baron (12 punti e 4 rimbalzi) scuotono l’EA7 Emporio Armani replicando a Mickey e rimettendo il match più in equilibrio (48-51 a 3’ dal termine). Un tap-in di Hines su un errore di Mitrou-Long firma il 50-51, Mickey replica con un jumper e poi Mannion con un tiro libero stabilisce due possessi di distanza tra le due squadre. Melli a cronometro fermo firma il nuovo -3 ma un fallo tecnico fischiato a coach Messina riporta a quattro le lunghezze di differenza (56” da giocare). Il leader di serata dell’EA7 Emporio Armani, Devon Hall, accorcia ancora sul -2 in penetrazione, Mickey sigla il tap-in del nuovo +5 ma una bomba di Baron tiene tutto aperto (56-58 a 12” dalla fine). Sul seguente fallo intenzionale, Lundberg segna solo uno dei due tiri liberi a disposizione (56-59). A una manciata di secondi dal termine, Baron subisce un fallo su tiro da tre punti da oltre metà campo e – considerando il fallo tecnico fischiato per proteste a coach Scariolo – ha la possibilità di firmare addirittura il sorpasso- La guardia americana realizza i primi tre liberi ma fallisce l’ultimo a disposizione e perciò si va all’overtime (59-59).

Il tempo supplementare si apre con la presenza di Ojeleye sotto canestro, bravo anche a convertire i tiri liberi del nuovo +4 a 2 minuti e mezzo dal termine. Una schiacciata di Bako sigla il 59-65 a poco più di 120”, prima che Lundberg realizzi un gran canestro da tre punti in step-back. Le ultime affondate di Hines non riescono a ribaltare l’inerzia del match e Bako e Pajola mettono la cera lacca sul successo bianconero per 64-72.

 

Comunicato a cura di: Sito Ufficiale Lega Basket Serie A

Commenta
(Visited 35 times, 1 visits today)

About The Author

Massimo Furlani Nato a Trento nel 1998, laureato in Studi Internazionali e aspirante giornalista. Malato del basket tanto italiano quanto americano, Dwyane Wade e Steve Nash gli idoli.