Miwa Benevento, due giovani d'oro per coach Parrillo

Chiusura di mercato super per i cinghiali sanniti. La società della famiglia Zullo completa il roster e mette a disposizione di Coach Parrillo e dell’intero staff tecnico due talenti giovanissimi.
Si tratta di Aaron Mutombo e Vittorio Lazzari, play e guardia che daranno manforte ai nuovi compagni Murolo e Garcia.
Mutombo, classe 2003 di Roma, è un playmaker di proprietà del HSC Roma ma che che nell’ultima stagione ha disputato la prima metà del campionato con il Formia Basketball in Serie B e la seconda in Serie C Gold con la maglia della Smit Roma. Atleta con buone dote fisica e un’ottima altezza (187cm), con la Smit Roma ha disputato 8 gare mettendo a segno 69 punti con 8,6 di media. Arriva in prestito per un anno.
Siciliano di Trapani invece Vittorio Lazzari, guardia classe 2001 di 194cm, che nella prossima stagione a Benevento formerà un coppia solida con il pari ruolo Taylor Garcia. Il giovane, cresciuto nella sua Trapani, si è trasferito a Milano nel 2018 per una magica esperienza nell’Armani Jeans dove ha avuto anche l’onore di calpestare il parquet in A1 nella gara contro Torino. Ancora a Milano, Lazzari ha continuato nel settore giovanile dell’Urania fino al trasferimento nell’ultimo campionato alla Pallacanestro Viola di Reggio Calabria in Serie B.
Due profili, dunque, giovani ma con esperienza e talento che Coach Parrillo e i senatori della squadra sapranno di certo trasformare in qualità utili al raggiungimento dell’obiettivo.
Il roster della Miwa Energia è ormai completo, con i complimenti alla società per essersi mossa in maniera tempestiva senza dover ricorrere necessariamente a innesti dell’ultimo minuto.
Commenta
(Visited 49 times, 1 visits today)

About The Author

Gennaro Dimonte Nato a Barletta nel 1994. Prossimo alla laurea in Scienze della Comunicazione e aspirante giornalista. Si divide tra la palla a spicchi e il calcio, con i miti di Carmelo Anthony e Del Piero nel cuore. Grande appassionato di NBA, spera di rivedere i suoi Knicks tra le grandi.