Napoli si aggiudica il primo quarto con Orzinuovi e vola in semifinale

CERVIA –  La prima semifinalista della “Final Eight” ha un nome. E’ la Ge.Vi Napoli che ha messo sotto l’Agribertocchi Orzinuovi come da pronostico per 80-69 in una sfida mai davvero in discussione. Dopo il 3-0 iniziale degli orceani, infatti, i partenopei  hanno alzato subito la voce sospinti soprattutto da  Pierpaolo Marini  e  hanno mantenuto le redini della gara dall’alfa all’omega. Alla pur volenterosa Orzinuovi non è stata sufficiente la vena realizzativa del duo Miles- Spanghero con un Hollis un po’ al di sotto dei suoi standard abituali.  La Ge.Vi di coach Pino Sacripanti prosegue quindi la sua avventura sul pitturato di Cervia confermando i suoi sogni di gloria.  Ai bresciani rimane comunque la soddisfazione di avere almeno conquistato il traguardo di disputare la Coppa Italia.  

 

PRIMO QUARTO – Orzinuovi in campo con Miles, Negri, Spanghero, Hollis e Zilli, La Ge.Vi risponde con Parks, Mayo, Marini, Lombardi e Zerini.  Miles spara sul ferro il primo tentativo, Negri sblocca il risultato per gli orceani con una tripla. Marini fallisce la tripla della replica. Orzinuovi gioca orfana di ogni timore reverenziale. Mayo fallisce il possibile riavvicinamento., Parks non cecchina a sua volta. Napoli imprecisa in fase d’avvio. Hollis risponde con un tentativo di tripla che non va a buon fine. Le due compagini si sfidano a viso aperto ma il punteggio permane basso. I partenopei si riavvicinano con due tiri liberi dalla lunetta di Marini. Parks, in reverse, realizza il sorpasso della Ge.Vi (4-3) dopo tre minuti e mezzo di ostilità. Orzinuovi però replica subito con Zilli, particolarmente in vena nella fase d’avvio. Lombardi pesca Parks che risospinge Napoli avanti di più uno. Gara giocata punto a punto fin dall’avvio. Hollis fallisce il controsorpasso di Orzinuovi. Napoli si alza di una tacca con un tiro libero. Galmarini sbaglia dalla lunga distanza il colpo del riavvicinamento. Parks è una forza della natura e, sulla controffensiva, traccia un fossato di più quattro: 9-5. Orzinuovi chiede il timeout. Spanghero stecca una tripla favorendo la tripla di Mayo in controffensiva: 12-5 Napoli al 7’.  Marini ne fa due su due dalla lunetta e Napoli va ulteriormente per mare aperto. I  partenopei sembrano avere preso le redini del gioco. Zerini porta Napoli sul più dieci in massimo vantaggio realizzando dall’angolo. Una tripla di Hollis interrompe il parziale della Ge.Vi, Uglietti allarga il fossato ma Miles infila un 4-0 ubriacante che riporta gli orceani sul meno sette: 21-14 a quaranta secondi dal termine del quarto. Un gancio di Uglietti risospinge in quota Napoli che chiude i primi dieci minuti di gara avanti per 23-14.

 

SECONDO QUARTO  – Zerini inaugura il quarto con un canestro da sotto. Orzinuovi sbaglia in serie con Mastellari, Miles, pur bravo a cogliere un rimbalzo, e Spanghero. Lombardi sforna una tripla che porta Napoli al più quattordici: 28-14 dopo un minuto e mezzo di gioco. Napoli continua il suo cecchinaggio permanente costringendo ancora una volta Corbani a riunire i suoi in unità per un conciliabolo di possibile risistemazione dell’assetto. Mastellari alla ripresa del gioco  con una tripla scuote Orzinuovi,   Spanghero ha la meglio su Iannuzzi e, da sotto, sigla il temporaneo 5-0 orceano. Subito dopo vorrebbe replicare ma trova il semaforo rosso del vetro. Anche Hollis  fallisce due volte di fila la tripla del possibile riaccostamento. Non sbaglia invece Miles che porta  gli orceani a meno undici: 32-21 a circa metà quarto.  Iannuzzi da sottocanestro intona l’immediato controcanto, Rupil però con una tripla dimostra che i Corbani boys sono ancora in partita. Mastellari con una tripla riporta gli orceani sotto a meno nove. Leggero rialzo di Napoli ma Miles è diluviale e sforna il suo secondo canestro di fila: 38-29 a tre minuti e mezzo dall’intervallo lungo. Due tiri liberi dalla linea della carità di Parks riportano Napoli a undici incollature di vantaggio. Zilli supera Iannuzzi e cecchina in risposta. Napoli prova a scappare con decisione ma gli orceani non le consentono di organizzare la fuga mantenendosi a stretto contatto. Corbani si prende il tecnico per protesta e Napoli va in lunetta realizzando il libero  con Mayo: 41-31 a due  minuti dal termine del secondo quarto. Zerini commette il suo primo fallo di gara su Miles e lo manda in lunetta, l’asso orceano non si lascia sfuggire l’occasione  e ne mette nel secchiello due su due.  Zerini sfrutta un pick and roll e Napoli aumenta il bottino.  Marini attacca Hollis, ha la meglio e va a bersaglio mandando i partenopei  all’intervallo lungo avanti per 45-33. Napoli con grande vitalità realizzativa, Orzinuovi cerca di restare in scia affidandosi soprattutto alle giocate di Miles.

 

TERZO QUARTO –  Hollis, da sotto, riavvicina Orzinuovi dopo cinquantatrè secondi, Mayo risponde subito con una tripla. Zerini schiaccia su assist di Parks il canestro del più quindici: 50-35. Parks lo segue in scia, Napoli cerca di ampliare il fossato per chiuderla con largo anticipo e Corbani decide di fermare la partita per confrontarsi con i suoi. Spanghero riporta Orzinuovi in gara con una trlpla.  Marini colpisce dall’angolo e poi da sottocanestro per un micidiale 5-0. Napoli è avanti di diciotto punti. Galmarini dall’angolo fallisce l’accorciamento delle distanze,  Lombardi, invece, su opposto fronte non sbaglia ed eleva Napoli a più ventitrè, immediata replica di Orzinuovi ed è il 61-41 a circa metà quarto. Parks dilata ulteriormente il fossato.  Spanghero spreca una tripla, Galmarini, però, coglie il rimbalzo e non sbaglia. Miles prova e prendere per mano Orzinuovi sospingendola con una conclusione sottocanestro a meno diciotto. Spanghero è fermato fallosamente e va in lunetta facendone uno su due: 63-46 a un minuto e mezzo dalla fine del penultimo quarto. Nuova fiammata Ge.Vi con Iannuzzi, Miles ricecchina per Orzinuovi cercando di contenere il ritardo dei bresciani. Napoli conduce in porto il terzo quarto con il punteggio di 67-50.

 

ULTIMO QUARTO – Iannuzzi riceve da Uglietti ma non va a bersaglio.  Uglietti, dall’angolo, stecca a sua volta. Spanghero, su opposto versante, vede infrangersi  il suo tentativo di tripla sul ferro, Miles non riesce a cecchinare. Miles indica che Orzinuovi non è ancora al tappeto prendendosi il canestro: 67-53. Iannuzzi riporta Napoli a più sedici, un layup di Uglietti ribadisce la superiorità dei partenopei. Spanghero rimanda Orzinuovi a meno sedici portando il suo score personale a dieci punti. Sandri e Monaldi falliscono  il riallungo napoletano,   Orzinuovi si riporta a meno 12 con un micidiale 4-0. Marini, però, risponde da par suo. Miles continua a essere lo spirito guida degli orceani cecchinando ancora, Marini però risponde presente, così Uglietti che si guadagna il canestro senza però riuscire a completare il gioco da tre. Napoli è avanti per 77-61 a due minuti e mezzo dall’ultima sirena. Galmarini prova a tenere accese le residue speranze orceane sottocanestro, Mastellari manda a bersaglio una tripla ma Napoli mette il punto esclamativo alla gara imponendosi alla fine per 80-69.            

 

 

MIGLIORI IN CAMPO

 

PIERPAOLO MARINI (GE. VI NAPOLI): si tira a lucido per non steccare il primo appuntamento ed estrae dall’armadio del suo repertorio il vestito realizzativo migliore rivelandosi la stella Polare dei Sacripanti boys.

 

ANTHONY MILES (AGRIBERTOCCHI ORZINUOVI): brilla di luce propria e non alza bandiera bianca nemmeno per sbaglio, comunque vada, Orzinuovi ha sempre la sua miniera dorata su cui poter contare.

 

TABELLINO

 

GE.VI NAPOLI: Marini 19, Mayo 13, Uglietti 12, Parks 10, Iannuzzi 8, Lombardi 7, Zerini 6, Monaldi 3, Sandri 2, Klacar. Coach: Pino Sacripanti.

 

Tiri liberi: 11 su 15, rimbalzi 43 (Parks 8), assist 20 (Mayo 3).

 

AGRIBERTOCCHI ORZINUOVI: Miles 19, Mastellari 12, Spanghero 10, Zilli 10, Rupil 6, Hollis 5, Galmarini 4, Negri 3, Fokou, Tilliander. Coach: Fabio Corbani.

 

Tiri liberi:  6 su 7, rimbalzi 35 (Hollis 8), assist 17 (Mastellari 5).

 

ARBITRI

 

Enrico Boscolo Nale di Chioggia (VE), Andrea Agostino Chersicla di Oggiono (LC) e Gabriele Gagno di Spresiano (TV).

 

 

 

Commenta
(Visited 29 times, 1 visits today)

About The Author

Cristiano Comelli Sono nato a Milano il 12 gennaio 1970 e mi occupo di giornalismo da circa vent'anni sia di cronaca sia di sport. Ho cominciato con il quotidiano locale "La Prealpina" scrivendo di calcio e ciclismo, poi, sempre per il calcio, ho avviato una collaborazione con il quotidiano "Il Giorno" che dura tuttora. MIisono poi avvicinato al mondo del basket attraverso le collaborazioni con alcune testate on line ed eccomi qua, pronto a vivere la magia del basket insieme con gli amici di Tuttobasket.