Nardò, ufficiale l'accordo con Jacopo Borra

HDL “Andrea Pasca” Nardò comunica di aver raggiunto l’accordo con il lungo Jacopo Borra.

Nato il 9 maggio 1990 a Torino, 215 centimetri per 115 chilogrammi, Borra inizia il suo percorso nel mondo della pallacanestro a Moncalieri e cresce nel settore giovanile della Fortitudo Bologna, dove vince nel 2009 il campionato Cadetti e la Coppa Italia.

Veste la maglia azzurra nelle rappresentative Under 16, 18 e 20, conquistando nel 2012 diverse convocazioni con la Nazionale maggiore sperimentale guidata da coach Dalmonte. Resta a Bologna fino alla stagione 2009/2010 prima di approdare a Treviglio, una piazza che diventerà importante per tutto il suo percorso cestistico futuro. Dalla stagione 2012/13 alla stagione 2016/17 veste le maglie di Pistoia, Omegna, Barcellona, Roseto e Imola. Nell’estate 2017 si concretizza il suo ritorno definitivo alla Blu Basket Treviglio, dove resterà sino al 2021 diventando una pedina fondamentale del roster lombardo. Nell’ultima stagione, la firma nella massima serie con Sassari prima, dove trova poco spazio nelle rotazioni, e Fortitudo Bologna poi, dove gioca 8,1 minuti di media tirando col 50% da due e 65% ai liberi.

Ho scelto Nardò per svariati motivi: la fiducia immediata di coach Di Carlo – rivela Borra – che mi ha fatto sentire da subito voluto e mi ha fatto capire quanto credesse in me. E poi di Nardò, in ambito cestistico e non, ho avuto modo di sentirne un gran parlare. Una società in forte crescita anno dopo anno, dove molti miei colleghi hanno lavorato bene nel corso delle ultime stagioni. L’obiettivo è quello di far gruppo il prima possibile e di andare avanti in questa A2 che si prospetta difficilissima. Nessuno arriva per giocare un campionato di basso livello, sono motivato e carico per portare Nardò più in alto possibile”.

 

Comunicato a cura di: Ufficio Stampa HDL Andrea Pasca Nardò

Commenta
(Visited 22 times, 1 visits today)

About The Author

Massimo Furlani Nato a Trento nel 1998, laureato in Studi Internazionali e aspirante giornalista. Malato del basket tanto italiano quanto americano, Dwyane Wade e Steve Nash gli idoli.