Olimpia Milano, Messina: "Una grande vittoria che rappresenta un bel passo avanti"

Così Coach Ettore Messina ha commentato la vittoria sul Fenerbahce: “Ovviamente, è stata una grande vittoria, lo è sempre quando batti una squadra che lotta perennemente per vincere il titolo. Abbiamo giocato con grande cuore, grande desiderio, abbiamo fatto i giochi importanti alla fine e in generale prestato grande attenzione ai rimbalzi, e sono stati decisivi per battere un avversario come questo. Devo ringraziare il pubblico: ci ha sostenuto tutta la partuta e l’abbiamo sentito. I due centri insieme ci hanno permesso di essere un po’ più fisici a rimbalzo ed è andata bene, ovviamente se avessimo preso qualche canestro in più sul pick and roll racconteremmo un’altra storia. Ma oggi è stato un passo avanti e insieme Gudaitis e Tarczewski hanno fatto un buon lavoro, spero continuino così“.

Quando abbiamo avuto la conferma che Brooks non ci sarebbe stato, e lui era determinante per marcare Williams, abbiamo deciso di fare con due lunghi. Gudaitis ha lavorato come un matto per arrivare a questo punto, lui, preparatori atletici, fisioterapisti, medici, si sono fatti in quattro. Adesso non possiamo spremerlo così tra 48 ore quindi dico subito che a Roma non giocherà. Così come non giocherà Luis Scola. In compenso recupereremo per qualche minuto Nedovic e Mack. Chiaro devo dire due parole su Della Valle: ha giocato una partita intensa e matura, l’importante è che non si sieda e ne faccia altre. Bisogna farsi trovare pronti, quando hai 15 minuti invece che quattro. Non è facile, ma va fatto e ci arriveremo. Il ritorno di due guardie ci darà modo di spremere meno Rodriguez o Micov, perché non potranno sempre sobbarcarsi questa mole di lavoro“.

Dichiarazioni a cura di Ufficio Stampa Olimpia Milano.

Commenta
(Visited 85 times, 1 visits today)

About The Author

Gianluca Zippo Nato a Formia il 13/01/1988. Laureato in Giurisprudenza presso la Federico II di Napoli, già collaboratore e redattore per Teladoiolamerica.net e Road2sport.com, il calcio, l’NBA e la F1 sono la mia malattia, ma il mondo dello sport mi affascina a 360°.