Olimpia Milano, Devon Hall si presenta: "La versatilità è il mio punto di forza"

“Devon Hall è un altro giocatore giovane, sul quale abbiamo puntato convinti che ci darà ragione”, dice il general manager dell’Olimpia, Christos Stavropoulos presentando la guardia che viene dalla Virginia ed è transitato anche per la NBA prima di venire in Europa. “Questa è la grande opportunità che volevo, competere al massimo livello, giocare per grandi traguardi. Sono felice ed entusiasta di trovarmi qui”, dice Hall.

Il debutto in EuroLeague – “E’ la Lega più competitiva che esista in Europa, in alcune caratteristiche credo di essere pronto, per la mia versatilità, la capacità di tirare, di creare opportunità per i compagni, combattere nella metà campo difensiva. Probabilmente dovrò lavorare un po’ per rallentare, capire meglio le situazioni, leggere quello che succede in campo. Fortunatamente, ho compagni che mi aiuteranno ad accelerare il processo”.

Il livello delle guardie di EuroLeague – “Ogni volta ci sarà qualcuno fortissimo, è una Lega in cui non puoi mai farti cogliere impreparato. Non c’è un avversario particolare contro cui non vedo l’ora di giocare, semplicemente perché lo sono tutti a cominciare dalle guardie che incontro ogni giorno in allenamento”.

La versatilità – “Può essere che in ottica NBA mi abbia condizionato negativamente, perché quella è una lega di specialisti, in cui ognuno deve avere un ruolo, anche come etichetta, point-guard, guardia tiratrice, combo ecc. Ma qui in Europa la mia versatilità è un punto di forza e parlando con Coach Messina ho avuto conferma. Poter fare più cose e giocare in più ruoli qui ti aiuta. Cosa devo migliorare per poter eventualmente tornare nella NBA a questo punto non conta, perché sono concentrato su Milano, l’EuroLeague e la lega italiana. Devo migliorare ma in questa ottica”.

Comunicato e dichiarazioni a cura di Ufficio Stampa Olimpia Milano.

Commenta
(Visited 22 times, 1 visits today)

About The Author

Gianluca Zippo Nato a Formia il 13/01/1988. Laureato in Giurisprudenza presso la Federico II di Napoli, già collaboratore e redattore per Teladoiolamerica.net e Road2sport.com, il calcio, l’NBA e la F1 sono la mia malattia, ma il mondo dello sport mi affascina a 360°.