È finalmente il giorno di Olimpia-Virtus, Hall e Weems: "Momento difficile ma sarà una grande sfida"

In vista della grande sfida di oggi tra A|X Armani Exchange Milano e Virtus Segafredo Bologna, su “Tuttosport” Piero Guerrini ha intervistato Devon Hall e Kyle Weems, pilastri americani delle rispettive squadre.

La guardia biancorossa numero 22 ha definito così le aspettative sul match: “È un periodo pazzo, ma bisogna conviverci. Mila­no e Virtus Bologna resta­no due squadre molto forti, per quanto colpite da infor­tuni anche gravi e dal Covid. Seppur con organici ridotti a 7-8 titolari in organico sarà una partita interes­sante, perché tutti i giocato­ri presenti la vivranno come una sfida”.

Hall ha poi parlato della sua convivenza recente con il Covid: “Fortunatamente, ero asin­tomatico. Ho cercato di im­piegare, le ore, i minuti, an­che se non potendo uscire, trascorrere tutto il tempo in casa, ben dieci giorni, è estre­mamente noioso. Ho seguito i programmi per non perde­re troppa forma, ho ascoltato musica, guardato la tv, film e serie, soprattutto ho parlato con i miei familiari”.

Anche Kyle Weems ha cercato di guardare il bicchiere mezzo pieno: “Ovviamente non è la situa­zione ideale per giocare, tra Covid e infortuni importanti da entrambe le parti. Noi do­vremo reagire velocemente ai problemi e rimetterci in moto in Serie A e in Coppa, entrambe. Le squadre han­no alternative, sono profon­de. Dal punto di vista per­sonale, invece mi sento be­nedetto perché sono stato in contatto con la famiglia, circonda­to dai miei con figli e moglie. Mio figlio più grande è tor­nato in Usa per l’ultima vac­cinazione. Lo siamo tutti in casa, ha potuto vedere i no­stri cari”.

Un commento poi sull’avversaria A|X Armani Exchange: “Grande squadra, con gio­catori straordinari. Hines è il protagonista della più straor­dinaria carriera per un ame­ricano in Europa, ha il record di Final Four, 4 Eurolega vin­te. Poi nonostante le assen­ze, ci sono Chacho Rodri­guez, Delaney, Troy Daniels ha giocato per davvero nella Nba. Ci possono creare tanti problemi. Hanno una squa­dra profonda anche tra in­fortuni e Covid. ll gusto della gara rimane, sarà un eserci­zio in vista delle sfide più im­portanti. A noi mancheran­no due giocatori per Covid, altri sono infortunati. È stato un mese di dicembre molto duro, con la quarantena. Ma ne stiamo uscendo”.

Comunicato a cura di: Sito Ufficiale Lega Basket Serie A

Commenta
(Visited 35 times, 1 visits today)

About The Author

Massimo Furlani Nato a Trento nel 1998, laureato in Studi Internazionali e aspirante giornalista. Malato del basket tanto italiano quanto americano, Dwyane Wade e Steve Nash gli idoli.