Palestrina supera d’autorità Cassino: 77-60

CITYSIGHTSEEING PALESTRINA: Egwoh , Rischia 14, Rossi 9, Barsanti 2, Mennella 10, Mastroianni 15, Moretti , Thiam 10, Agbogan 9, Bartolozzi 4, Cacace 4, Cecconi . All. Ponticiello
BPC VIRTUS TSB CASSINO: Puccioni 3, Fioravanti 4, Svoboda, Grilli 12, Callara 5, Zhgenti 7, Cecchetti 18, Gaetano 6, Montagner ne, Magini ne, Lauria 5. All. Fantozzi
Parziali: 16-14, 40-33, 56-46

Un’interminabile gara durata due ore, ma che alla fine regala il diciassettesimo successo stagionale a Palestrina. Brividi subito con uno struggente minuto di raccoglimento per Kobe Bryant, poi la gara si accende e con l’impressione che gli arbitri vogliano sanzionare ogni contatto. Ne scaturisce un confronto spezzettato e in cui le panchine devono subito far fronte al problema falli (Fioravanti e Bartolozzi). Cassino bene all’inizio ma sul 4-8 qualcosa si inceppa e Palestrina fa circolare bene la palla arrivando sempre a colpire da sotto. Sull’11-8 tuttavia Cassino conferma di essere in serata e ritrova per due volte il vantaggio con Cecchetti, Zhgenti e Grilli. La schiacciata di Thiam sul finire del quarto è il simbolo del ritrovato smalto del lungo senegalese: 16-14. Palestrina che mette nuovamente due possessi di distanza ma ben presto consuma il bonus falli e si innervosisce, come testimonia il tecnico per proteste ad Agbogan. Cassino approfitta e in pratica realizza sei punti in fila (20-22). Poco dopo è Gaetano a prendere un banale tecnico ma per il sorpasso arancio verde bisogna attendere. Protagonista Rischia con sette punti e un assist per la tripla di Mennella , al minuto 16 Cassino è però sempre a vista (31-28). Altra esecuzione del capitano prenestino poi si segna soltanto a cronometro fermo, fino alla seconda schiacciata di pura energia di Thiam che rompe gli equilibri. Primo tempo che potrebbe finire meglio per Palestrina, ma l’ultimo possesso è da dimenticare e Cecchetti riesce ad aprire per Zhgenti che in modo incredibile insacca la preghiera finale: 40-33. Al rientro botta e risposta con quattro punti per parte, la partita sembra non avere strappi, squadre molto deficitarie da tre e con continui problemi di falli. Sono proprio due viaggi in lunetta a permettere a Mastroianni e Bartolozzi di scrivere il +12, ribadito dal primo e unico canestro di Barsanti. Il più positivo per i rossoblu resta Cecchetti, che servito bene nel pitturato insacca altri due punti, gli ultimi del quarto: 56-46. Ma Mastroianni ha intenzione di chiuderla e con due triple scrive il 62-46. Fantozzi richiama in panchina i suoi, Palestrina tocca anche il +18 ma pecca di superficialità concedendo troppo facilmente i tiri che rimettono parzialmente in corsa Cassino. Citysightseeing all’asciutto fino al 35°, Callara e Gaetano portano una mai doma Virtus sul 64-53. Ponticiello chiede pazienza in attacco e su una veloce combinazione palla ad Agbogan sul gomito che da tre spara e segna. Partita chiusa da Mennella che corre in campo aperto segnando e subendo fallo antisportivo di Gaetano (per lui arriva l’espulsione), ci pensa infine Mastroianni a bucare ancora la retina da tre e scrivere il massimo vantaggio proprio agli ultimi tornanti: 77-56. Lauria e Cecchetti aggiungono quattro punti mentre Palestrina sta già festeggiando permettendo la passerella ai migliori: successo numero 17 e marcia senza fine: 77-60.

FONTE: Ufficio Stampa Pallacanestro Palestrina

Commenta
(Visited 40 times, 1 visits today)

About The Author

Martino Ruggiero Nato a Taranto, trasferito a Roma tre anni fa per inseguire il mio sogno e per studiare Giurisprudenza, 21 anni. Seguo qualsiasi sport da quando sono nato. Per la pallacanestro ho fatto il giocatore, l'allenatore e il telecronista ma i tasti più consumati del mio telecomando sono quelli che mi portano al calcio. Amante delle storie sportive, da raccontare, da leggere e da ascoltare. Appassionato di viaggi, non conosco un stato d'animo diverso dall'ottimismo.